Porsche 918 Spyder, svelate le caratteristiche ufficiali della prossima supercar

Pronta a sfidare le sue rivali

di

Dopo aver messo in rete le foto del prototipo, Porsche svela tutti i dati ufficiali relativi alla prossima 918 Spyder. Una sorta di teaser prima della presentazione definitiva

Porsche 918 Spyder, svelate le caratteristiche ufficiali della prossima supercar

Non si sa ancora a cosa assomiglierà la nuova supercar firmata Porsche ma una cosa è certa: la Casa di Zuffenhausen ha divulgato le specifiche tecniche della sportiva.

Non si può di certo dire che gli ingegneri non si siano impegnati in questo progetto per lo sviluppo di nuove tecnologie che uniscono prestazioni ed efficienza. Come detto precedentemente, la Porsche 918 Spyder sarà una vera e propria supercar Plug-in Hybrid a cui verrà affiancato il tradizionale propulsore termico. Quest’ultimo sarà un V8 4.6 litri in grado di erogare una potenza pari a 570 cavalli e verrà associato al sistema ibrido, posizionato posteriormente, e ad un motore elettrico in posizione anteriore. Grazie a questi tre motori, la Porsche 918 Spyder sarà capace di sprigionare ben 770 cavalli e 750 Nm di coppia massima. I motori elettrici sono alimentati da batterie agli ioni di litio in grado di immagazzinare 7kWh. Oltre al recupero dell’energia in fase di frenata, il sistema Plug-in consente di ricaricare le batterie in quattro ore su una presa domestica: tempo che viene ridotto a due ore se si utilizza il dispositivo di ricarica fornito da Porsche.

Sebbene la parola “ibrido” non suoni particolarmente bene su una supercar, le prestazioni sono all’altezza delle sportive più performanti attualmente in commercio. La 918 Spyder è infatti in grado di accelerare da 0 a 100 in meno di 3 secondi, da 0 a 200 in meno di 9 secondi e da 0 a 300 in 27 secondi e gli ingegneri sostengono che sia capace di percorrere la Nordschleife in un tempo record di 7 minuti 22 secondi (la Carrera GT impiega 10 secondi in più). Sempre secondo gli uomini di Zuffenhausen, la due posti teutonica avrà dei consumi pari a 3l/100km e un’autonomia elettrica superiore a 25 km. Porsche ha sviluppato cinque modalità per adattare la guida a seconda dei desideri dei potenziali clienti. L’impostazione “E-Power” si basa interamente sull’energia elettrica e consente agli occupanti di viaggiare in modo tranquillo e silenzioso. “Hybrid” unisce le prestazioni del propulsore termico ai bassi consumi del motore elettrico e questa modalità entra in funzione quando la batteria non è abbastanza carica in “E-Power”.

C’è poi la modalità “Sport Hybrid” in grado di usare tutta la potenza del V8 sempre in relazione ai motori elettrici. Chi è amante della guida estrema opterà per “Race Hybrid” che scatena tutto il potenziale del motore termico e limita l’intervento dei motori termici, sebbene questi possano venire in aiuto in casi particolari. Infine troviamo la quinta ed ultima modalità, “Hot Lap”. Questa funzionalità, disponibile per una breve durata di tempo, può essere attivata solamente con “Race Hybrid” e sfrutta la massima potenza dei propulsori termico ed elettrico come succede in Formula 1. Facendo un’analisi più approfondita della Porsche 918 Spyder, si può dire inoltre che la carrozzeria sarà realizzata in plastica rinforzata con fibra di carbonio così come il comparto motore per ridurre il peso che sarà inferiore a 1.700 kg. Come per la Carrera GT, anche la 918 Spyder avrà un tetto in stile “Targa” scomponibile in due pezzi. Il cambio è il solito PDK a doppia frizione con sette rapporti e forma un’unica unità motrice.

Della Porsche 918 Spyder sappiamo ormai quasi tutto anche se l’aspetto estetico, che avrà un ruolo fondamentale, non è ancora stato svelato (se non teniamo in considerazione i concept). La caccia ai render è aperta.

28th marzo, 2012

Tag:,


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Video
Loading the player ...

Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini