Bufori Geneva, presentazione ufficiale al Salone di Pechino

Stile barocco per questa special car

di

Non è la prima volta che viene presentata la Bufori Geneva: fu svelata per la prima al Salone di Ginevra 2010 e due anni dopo riappare sulla scena per essere presentata al Salone di Pechino 2012

Bufori Geneva, presentazione ufficiale al Salone di Pechino

La ditta Bufori non ha di certo badato a spese per realizzare quest’auto lussuosa fuori dagli schemi. La Geneva è stata commissionata da Tan Sri Yeoh Tiong, fondatore dell’azienda YTL Corporation.

Il design del veicolo proveniente dalla Malesia rimane invariato rispetto al prototipo di due anni fa, soprattutto per quanto riguarda il look neo-retrò. La Bufori Geneva si ispira alle vecchie e lussuose automobili del passato con carrozzeria realizzata in fibra di carbonio e Kevlar. Gli interni sono ricoperti integralmente da pelle pregiata e l’impostazione della strumentazione e dell’abitacolo sono improntati sulle prestigiose Bentley e Rolls-Royce. Lo spazio posteriore per le gambe è abbondante e l’impiego del legno è diffuso principalmente in corrispondenza del cruscotto. La Bufori Geneva è dotata di un propulsore V8 6.1 litri HEMI di derivazione Chrysler che produce una potenza massima di 430 cavalli, abbastanza per catapultarla da 0 a 100 orari in sei secondi, un record per una luxury car, mentre la velocità massima si attesta sui 280 km/h. Adesso che l’auto è stata ufficializzata da Bufori, aspettiamo la sua presentazione all’imminente Salone di Pechino 2012.

Bisognerà vedere se il progetto andrà questa volta a buon fine oppure se verrà congelato come era successo due anni fa dopo la sua presentazione a Ginevra.

14th aprile, 2012

Tag:, ,


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Video
Loading the player ...

Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © 2011 Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini