Saab è stata venduta?

Ignoto il compratore ufficiale

Alcune chiacchiere raccontano che ad appropriarsi di Saab sia stata una società svedese nata da poco, di proprietà di un fondo d'investimento giapponese e da un'azienda di Hong-Kong specializzata nelle energie alternative
Saab è stata venduta?

Dopo mesi di dubbi e di incertezze, periodo in cui le indiscrezioni si sono accavallate e rincorse l’una con l’altra (senza mai raccontare dettagli rassicuranti), oggi la storia di Saab sembra essere giunta ad un momento cruciale: secondo alcune chiacchiere, i curatori fallimentari dell’azienda hanno selezionato un compratore ed hanno ceduto l’azienda svedese, comprata pochi anni fa da Victor Muller, proprietario della piccola Spyker (brand olandese specializzato nella produzione di vetture sportive). Per il momento mancano informazioni ufficiali: non sappiamo se davvero il marchio nordeuropeo sia stato ceduto e neppure conosciamo l’identità del compratore.

Secondo le indiscrezioni che abbiamo deciso di ascoltare, ad aggiudicarsi la proprietà della moribonda Saab (il marchio ha attraversato un periodo molto delicato, negli ultimi mesi, rischiando ogni giorno di più la definitiva chiusura) potrebbe essere stata la società svedese National Electric Vehicle Sweden AB, neonata compagnia fondata da un fondo di investimento giapponese e da una società di Hong-Kong specializzata in energie alternative, la National Modern Energy Holdings Ltd. Ignote le caratteristiche dell’accordo, così come non si conosce il programma che i nuovi proprietari intendono attuare per far rinascere Saab.

Questa nuova società ha scalzato altri pretendenti che avevamo già citato e che si erano già mostrati interessati all’acquisto di Saab: stiamo parlando della cinese Youngman, dell’indiana Mahindra&Mahindra, della cinese Geely e di un fondo d’investimento turco, Brightwell.

Restiamo in attesa di conoscere le sorti di Saab e di capire, se davvero questa notizia fosse vera e se quindi davvero il brand svedese avesse trovato un acquirente, i contorni di questa cessione.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati