Jeep Cherokee 2013, al via la realizzazione della linea di montaggio del SUV

Da questo modello il primo SUV di Alfa Romeo

Si fermerà il prossimo 16 agosto la produzione di Jeep Cherokee (Jeep Liberty negli Stati Uniti), per preparare nell'impianto di Toledo, in Ohio, la linea di montaggio della nuova generazione, che arriverà durante il prossimo anno
Jeep Cherokee 2013, al via la realizzazione della linea di montaggio del SUV

Nello stabilimento di Toledo, in Ohio, si fermerà durante questo mese (il 16) la produzione dell’attuale Jeep Cherokee, modello che negli Stati Uniti viene battezzato Jeep Liberty. Non per problemi di vendite, ma perché è in arrivo la nuova generazione del SUV statunitense: da quale momento, infatti, l’impianto subirà alcuni interventi per preparare una linea di assemblaggio rivista per realizzare la nuova Cherokee/Liberty, che secondo le chiacchiere sarà svelata durante le prime settimane del prossimo anno.

La notizia sembra non toccarci direttamente. In realtà, coinvolge il nostro Paese e, precisamente, Alfa Romeo. Non solo perché questa nuova generazione di Jeep Cherokee/Jeep Liberty nasce sulla stessa piattaforma di Dodge Dart, che a sua volta usa una versione rivista (battezzata Compact U.S. Wide) del pianale di Alfa Romeo Giulietta, ma anche perché da questo stesso progetto (quello del modello Jeep) sarà sviluppato il primo SUV di Alfa Romeo, che molto probabilmente verrà poi prodotto negli Stati Uniti, nel citato impianto di Toledo. Jeep Cherokee sarà importato anche in Europa e sarà il primo modello della casa automobilistica a nascere dopo il matrimonio tra Fiat e Chrysler.

Chrysler spenderà per i lavori di aggiornamento dell’impianto circa 1,7 miliardi di dollari e creerà circa 1.100 nuovi posti di lavoro da aggiungere ai 2.800 già presenti. Nello stabilimento viene prodotta anche Jeep Wrangler, la cui linea di montaggio non subirà interventi e non verrà intaccata dai lavori.

Secondo alcune indiscrezioni, la nuova generazione di Jeep Cherokee/Jeep Liberty sarà caratterizzata da uno stile più piacevole e moderno, da un migliore sistema di trazione integrale per affrontare in maniera più coraggiosa percorsi off-road, da un peso più basso, da un abitacolo più curato e da tecnologie molto più moderne ed evolute.

Ne riparleremo molto presto, se le chiacchiere dicono il vero.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati