Rc Auto, chi installerà la scatola nera avrà degli sconti

Ma il Codacons non ne sarebbe convinto

Chi si doterà di scatola nera avrà uno sconto sul Rc Auto. A dirlo è il ddl concorrenza che specifica anche come gli assicurati avranno una percentuale di risparmio che non potrà essere inferiore a quella determinata dall'Ivass
Rc Auto, chi installerà la scatola nera avrà degli sconti

Rc Auto – Nel ddl concorrenza che comincia a prendere corpo, in primo piano c’è la Rc Auto con la previsione di una serie di sconti. In particolare, c’è quello previsto per chi installerà sul proprio veicolo la “scatola nera”, che consentirà agli assicurati una percentuale di risparmio che non potrà essere inferiore a quella determinata dall’Ivass.

In presenza di almeno una delle seguenti condizioni, da verificarsi in precedenza o contestualmente alla stipulazione del contratto o d ei suoi rinnovi, le imprese di assicurazione praticano uno sconto significativo rispetto al prezzo della polizza altrimenti applicato: b) nel caso in cui vengano installati, su proposta della impresa di assicurazione, o sono già presenti meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo, denominati scatola nera o equivalenti.” si legge nel ddl concorrenza. Le compagnie assicurative saranno obbligate a pubblicare sul loro sito internet l’entità degli sconti e per chi non li applica, previste sanzioni da 5.000 a 40.000 euro. Inoltre, sarà introdotto un sistema di sconto che indicizza il premio, anche agli assicurati virtuosi costretti a pagare premi molto alti, malgrado la loro diligenza, a causa dell’alto tasso di sinistri e frodi nel proprio territorio, a quello medio delle regioni a più basso tasso di sinistrosità. Soddisfatti anche i carrozzieri, meno le compagnie aderenti all’Ania, che criticano il ruolo affidato all’Ivass di fissare gli sconti sulla scatola nera e prospettano nuovi aumenti delle polizze. Multe, invece, per chi si farà trovare dai tutor in strada senza assicurazione.

Il Codacons è già intervenuto a difesa dei consumatori. Secondo l’associazione, lo sconto sulle assicurazioni in favore degli automobilisti che decideranno di installare la scatola nera sulla propria vettura rischia di essere una “bufala”, dato che non comporterebbe alcun vantaggio per gli automobilisti. “Se tutti gli italiani decidessero di dotarsi della scatola nera, la spesa per l’intero sistema sarebbe pari a 3,1 miliardi di euro, considerato che ogni singolo apparecchio ha un costo di gestione annuo di circa 75 euro. La spesa per l’installazione, la gestione e la manutenzione della scatola nera, se a carico degli automobilisti, non solo vanificherebbe lo sconto sulle tariffe rc auto promesse dal Ddl concorrenza, ma addirittura potrebbe determinare rincari in quelle zone d’Italia dove le tariffe rc auto sono più basse.” ha detto il presidente Carlo Rienzi.L’unica possibilità per trasformare la scatola nera da “bufala” a vantaggio per i cittadini, è prevedere che la totalità dei costi relativi all’apparecchio (installazione, gestione, manutenzione) sia a carico delle imprese assicuratrici, e il divieto assoluto che tali costi siano traslati sugli assicurati attraverso un incremento dei prezzi delle polizze”.

Leggi altri articoli in Assicurazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Rc Auto, chi installerà la scatola nera avrà degli sconti

Ma il Codacons non ne sarebbe convinto

di 7 agosto, 2015
Chi si doterà di scatola nera avrà uno sconto sul Rc Auto. A dirlo è il ddl concorrenza che specifica anche come gli assicurati avranno una percentuale di risparmio che non potrà essere inferiore a quella determinata dall'Ivass
Rc Auto, chi installerà la scatola nera avrà degli sconti

Rc Auto – Nel ddl concorrenza che comincia a prendere corpo, in primo piano c’è la Rc Auto con la previsione di una serie di sconti. In particolare, c’è quello previsto per chi installerà sul proprio veicolo la “scatola nera”, che consentirà agli assicurati una percentuale di risparmio che non potrà essere inferiore a quella determinata dall’Ivass.

In presenza di almeno una delle seguenti condizioni, da verificarsi in precedenza o contestualmente alla stipulazione del contratto o d ei suoi rinnovi, le imprese di assicurazione praticano uno sconto significativo rispetto al prezzo della polizza altrimenti applicato: b) nel caso in cui vengano installati, su proposta della impresa di assicurazione, o sono già presenti meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo, denominati scatola nera o equivalenti.” si legge nel ddl concorrenza. Le compagnie assicurative saranno obbligate a pubblicare sul loro sito internet l’entità degli sconti e per chi non li applica, previste sanzioni da 5.000 a 40.000 euro. Inoltre, sarà introdotto un sistema di sconto che indicizza il premio, anche agli assicurati virtuosi costretti a pagare premi molto alti, malgrado la loro diligenza, a causa dell’alto tasso di sinistri e frodi nel proprio territorio, a quello medio delle regioni a più basso tasso di sinistrosità. Soddisfatti anche i carrozzieri, meno le compagnie aderenti all’Ania, che criticano il ruolo affidato all’Ivass di fissare gli sconti sulla scatola nera e prospettano nuovi aumenti delle polizze. Multe, invece, per chi si farà trovare dai tutor in strada senza assicurazione.

Il Codacons è già intervenuto a difesa dei consumatori. Secondo l’associazione, lo sconto sulle assicurazioni in favore degli automobilisti che decideranno di installare la scatola nera sulla propria vettura rischia di essere una “bufala”, dato che non comporterebbe alcun vantaggio per gli automobilisti. “Se tutti gli italiani decidessero di dotarsi della scatola nera, la spesa per l’intero sistema sarebbe pari a 3,1 miliardi di euro, considerato che ogni singolo apparecchio ha un costo di gestione annuo di circa 75 euro. La spesa per l’installazione, la gestione e la manutenzione della scatola nera, se a carico degli automobilisti, non solo vanificherebbe lo sconto sulle tariffe rc auto promesse dal Ddl concorrenza, ma addirittura potrebbe determinare rincari in quelle zone d’Italia dove le tariffe rc auto sono più basse.” ha detto il presidente Carlo Rienzi.L’unica possibilità per trasformare la scatola nera da “bufala” a vantaggio per i cittadini, è prevedere che la totalità dei costi relativi all’apparecchio (installazione, gestione, manutenzione) sia a carico delle imprese assicuratrici, e il divieto assoluto che tali costi siano traslati sugli assicurati attraverso un incremento dei prezzi delle polizze”.

http://www.motorionline.com/2015/08/07/rc-auto-chi-installera-la-scatola-nera-avra-degli-sconti/