MaFra Last Touch Express: la prova d’uso su una splendida GT Junior

Un'arzilla vecchietta a marchio Alfa per il test dell'innovativo prodotto a marchio MaFra

Facilità d'uso fai da te, risultato di livello professionale. E'ciò che promette l'innovativa Cera Last Touch di MaFra. Ricca di Carnauba, regala alla vettura lucentezza e riflessi senza eguali, con un sensazionale effetto seta sulla carrozzeria. Abbiamo voluto metterla alla prova su una vettura davvero speciale: un'Alfa Gt Junior 1300.

MaFra Last Touch – Gli appassionati, gli amanti del detailing, sanno bene che un semplice lavaggio non basta. Per un effetto duraturo e per una brillantezza che non svanisca dopo mezz’ora, è necessario passare all’applicazione di una cera. Applicare la cera sulla carrozzeria, però, è un’operazione tutt’altro che semplice. I risultati sono spesso deludenti, con un effetto che non riesce mai ad essere uniforme. Questo perché riuscire a “stenderla”, allo stesso modo, in tutti i punti della carrozzeria, richiede tempo, pratica, strumenti adatti. Tutto questo, però, fino ad oggi…

MaFra, con la cera Last Touch, promette infatti dei risultati (finalmente) professionali, con una facilità d’applicazione assolutamente fai da te. Abbiamo voluto metterla alla prova.

Per il test, una vecchietta d’ecceizone
mafra_last_touch__alfa_gt_junior_01
Per un prodotto innovativo, all’insegna della tecnologia e della ricerca made in Italy, abbiamo scelto un’arzilla vecchietta, anche lei rigorosamente made in Italy. Un bellissimo esemplare di Alfa Romeo GT Junior 1300 del 1972. Una piccola sportiva che ancora oggi, su strada, dice la sua. Il suo motore, bialbero, erogava la bellezza di 103cv SAE. Una potenza che oggi quasi nessun motore aspirato con cubatura analoga riesce a raggiungere. Se a questo ci aggiungete poi una massa ridotta e la trazione posteriore, ecco che, nonostante i suoi cinquant’anni, guidare una GT Junior regala tutt’ora delle emozioni senza eguali.

Carnauba e formulazione da prodotto professionale, con facilità d’uso fai da te
mafra_last_touch__alfa_gt_junior_02
Come dicevamo, uno dei problemi della cera, è sempre stata la difficoltà d’applicazione. Il problema è stato tuttavia risolto da MaFra, con la Last Touch. Grazie alla composizione liquida, la si applica difatti nebulizzandola direttamente sulla carrozzeria della vettura, agendo subito dopo con un panno in microfibra: insomma, un’operazione assolutamente alla portata di tutti. La composizione, ricca di carnauba, promette di garantire una lucentezza a livello dei migliori prodotti professionali, andando al tempo stesso a “nutrire” la carrozzeria e la vernice della vettura, creando per di più un film protettivo capace di evitare depositi di sporco e polvere.

Un risultato che appaga tutti i sensi
mafra_last_touch__alfa_gt_junior_14
La vettura scelta per il nostro test, trattandosi di un gioiellino così “speciale”, era indubbiamente un’ottima base di partenza per verificare l’efficacia della Cera Last Touch. Sempre curata e ben mantenuta, con una vernice ancora perfetta, poteva stroncare del tutto il prodotto (non facendo notare differenze pre e post-applicazione) o, diversamente, esaltarne le qualità. Dopo il classico lavaggio, dunque, siamo passati all’applicazione della cera. Grazie al nebulizzatore, in pochissimo tempo, siamo riusciti ad agire sull’intera vettura, asciugandola poi con il panno in microfibra appositamente pensato da MaFra. Il risultato, secondo il proprietario della vettura – che la conosce ovviamente da tempo – è da “wow”. L’applicazione della cera è un’esperienza che colpisce davvero tutti i sensi. La vista innanzitutto, perché a detta del proprietario il color argento della sua Gt Junior non ha mai avuto così tanta lucentezza e non ha mai avuto questo effetto specchio che le regala dei bellissimi riflessi. Poi il tatto. Subito dopo l’applicazione l’ “effetto seta” è davvero notevole. Passare i polpastrelli su cofano e parafanghi è un vero piacere, perché la carrozzeria è davvero liscia manco fosse la pelle di un bambino. Ma l’appagamento è anche per l’olfatto, perché la Cera Last Touch fa anche un buon profumo. Penserete stiamo dimenticando l’udito. No, in realtà, anche l’udito è in qualche modo coinvolto. Passando il panno in microfibra nelle zone non trattate, difatti, si sente quel fastidioso stridio da sfregamento, che ti fa quasi temere di graffiare la carrozzeria. Nelle parti trattate con Last Touch, invece, il panno “accarezza” il Gt Junior in modo liscio, liscio appunto come la seta.

La Cera Last Touch può essere acquistata cliccando qui, nel grande shop on-line di tutta la gamma di prodotti MA-FRA: www.auto-spa.it

Leggi altri articoli in Alfa Romeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

MaFra Last Touch Express: la prova d’uso su una splendida GT Junior

Un'arzilla vecchietta a marchio Alfa per il test dell'innovativo prodotto a marchio MaFra

di 18 ottobre, 2016
Facilità d'uso fai da te, risultato di livello professionale. E'ciò che promette l'innovativa Cera Last Touch di MaFra. Ricca di Carnauba, regala alla vettura lucentezza e riflessi senza eguali, con un sensazionale effetto seta sulla carrozzeria. Abbiamo voluto metterla alla prova su una vettura davvero speciale: un'Alfa Gt Junior 1300.

MaFra Last Touch – Gli appassionati, gli amanti del detailing, sanno bene che un semplice lavaggio non basta. Per un effetto duraturo e per una brillantezza che non svanisca dopo mezz’ora, è necessario passare all’applicazione di una cera. Applicare la cera sulla carrozzeria, però, è un’operazione tutt’altro che semplice. I risultati sono spesso deludenti, con un effetto che non riesce mai ad essere uniforme. Questo perché riuscire a “stenderla”, allo stesso modo, in tutti i punti della carrozzeria, richiede tempo, pratica, strumenti adatti. Tutto questo, però, fino ad oggi…

MaFra, con la cera Last Touch, promette infatti dei risultati (finalmente) professionali, con una facilità d’applicazione assolutamente fai da te. Abbiamo voluto metterla alla prova.

Per il test, una vecchietta d’ecceizone
mafra_last_touch__alfa_gt_junior_01
Per un prodotto innovativo, all’insegna della tecnologia e della ricerca made in Italy, abbiamo scelto un’arzilla vecchietta, anche lei rigorosamente made in Italy. Un bellissimo esemplare di Alfa Romeo GT Junior 1300 del 1972. Una piccola sportiva che ancora oggi, su strada, dice la sua. Il suo motore, bialbero, erogava la bellezza di 103cv SAE. Una potenza che oggi quasi nessun motore aspirato con cubatura analoga riesce a raggiungere. Se a questo ci aggiungete poi una massa ridotta e la trazione posteriore, ecco che, nonostante i suoi cinquant’anni, guidare una GT Junior regala tutt’ora delle emozioni senza eguali.

Carnauba e formulazione da prodotto professionale, con facilità d’uso fai da te
mafra_last_touch__alfa_gt_junior_02
Come dicevamo, uno dei problemi della cera, è sempre stata la difficoltà d’applicazione. Il problema è stato tuttavia risolto da MaFra, con la Last Touch. Grazie alla composizione liquida, la si applica difatti nebulizzandola direttamente sulla carrozzeria della vettura, agendo subito dopo con un panno in microfibra: insomma, un’operazione assolutamente alla portata di tutti. La composizione, ricca di carnauba, promette di garantire una lucentezza a livello dei migliori prodotti professionali, andando al tempo stesso a “nutrire” la carrozzeria e la vernice della vettura, creando per di più un film protettivo capace di evitare depositi di sporco e polvere.

Un risultato che appaga tutti i sensi
mafra_last_touch__alfa_gt_junior_14
La vettura scelta per il nostro test, trattandosi di un gioiellino così “speciale”, era indubbiamente un’ottima base di partenza per verificare l’efficacia della Cera Last Touch. Sempre curata e ben mantenuta, con una vernice ancora perfetta, poteva stroncare del tutto il prodotto (non facendo notare differenze pre e post-applicazione) o, diversamente, esaltarne le qualità. Dopo il classico lavaggio, dunque, siamo passati all’applicazione della cera. Grazie al nebulizzatore, in pochissimo tempo, siamo riusciti ad agire sull’intera vettura, asciugandola poi con il panno in microfibra appositamente pensato da MaFra. Il risultato, secondo il proprietario della vettura – che la conosce ovviamente da tempo – è da “wow”. L’applicazione della cera è un’esperienza che colpisce davvero tutti i sensi. La vista innanzitutto, perché a detta del proprietario il color argento della sua Gt Junior non ha mai avuto così tanta lucentezza e non ha mai avuto questo effetto specchio che le regala dei bellissimi riflessi. Poi il tatto. Subito dopo l’applicazione l’ “effetto seta” è davvero notevole. Passare i polpastrelli su cofano e parafanghi è un vero piacere, perché la carrozzeria è davvero liscia manco fosse la pelle di un bambino. Ma l’appagamento è anche per l’olfatto, perché la Cera Last Touch fa anche un buon profumo. Penserete stiamo dimenticando l’udito. No, in realtà, anche l’udito è in qualche modo coinvolto. Passando il panno in microfibra nelle zone non trattate, difatti, si sente quel fastidioso stridio da sfregamento, che ti fa quasi temere di graffiare la carrozzeria. Nelle parti trattate con Last Touch, invece, il panno “accarezza” il Gt Junior in modo liscio, liscio appunto come la seta.

La Cera Last Touch può essere acquistata cliccando qui, nel grande shop on-line di tutta la gamma di prodotti MA-FRA: www.auto-spa.it

http://www.motorionline.com/2016/10/18/mafra-last-touch-express-la-prova-duso-su-una-splendida-gt-junior-car-detailing/