Nuova Opel Insignia: più leggera, più dinamica e più atletica [VIDEO]

Il telaio FlexRide è messo a dura prova al Nurburgring

di

Ultimi test drive per la nuova Opel Insignia che giunge così alla seconda generazione. Rispetto alla versione precedente avrà un design più aerodinamico e filante, peserà ben 175 kg in meno e vanterà un inedito telaio FlexRide che provvederà ad adattare gli ammortizzatori, sterzo e propulsione alla strada percorsa ed al tipo di guida richiesta.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Nuova Opel Insignia: più leggera, più dinamica e più atletica [VIDEO]
Un muletto della futura Opel Insignia Grand Sport

Nuova Opel Insignia – Circa un mese fa in un nostro articolo vi abbiamo già mostrato le foto della nuova berlina di Russelsheim alle prese con gli ultimi test drive su strada concernenti l’ultima fase dello sviluppo. Oggi invece vi proponiamo un video che ha rilasciato la stessa Opel che ritrae la nuova generazione della Insignia alle prese con un test drive esclusivo sul circuito del Nurburgring, reputato il miglior modo possibile per mettere a dura prova la vettura che vedrà la luce nel 2017. In tal contesto gli ingegneri Opel hanno utilizzato i 21 chilometri della Nordschleife per procedere alle ultime rifiniture su strada con l’obiettivo dichiarato di realizzare un veicolo perfettamente bilanciato.

Difatti la seconda generazione della Opel Insignia è il risultato di un progetto totalmente nuovo che ha visto una massiccia evoluzione del design e della tecnica. Ad esempio dal punto di vista della pura forma stilistica, la nuova Insignia ha misure abbastanza diverse dalla versione che andrà a sostituire: 29 millimetri più bassa, carreggiata aumentata di 11 millimetri, sbalzi considerevolmente ridotti e passo cresciuto di 92 millimetri per avere una maggiore stabilità alle alte velocità. A livello tecnico invece la nuova Insignia può vantare anche un pianale inedito caratterizzato dall’utilizzo di materiali leggeri che hanno permesso alla nuova generazione di risparmiare ben 175 kg rispetto al modello uscente, il che va ovviamente a vantaggio di maneggevolezza e prestazioni.

Una delle novità della nuova Opel Insignia è anche il telaio FlexRide che oltre ad adattare elettroidraulicamente gli ammortizzatori alla strada 500 volte al secondo ovvero 30.000 volte al minuto, provvede anche a regolare sterzo e propulsione in maniera del tutto automatica o attraverso le modalità ‘Standard’, ‘Sport’ e ‘Tour’ selezionabili a piacere del guidatore a seconda delle sue esigenze. Le tre modalità sono diverse e tarate per soddisfare varie necessità del guidatore:  la modalità ‘Standard’ seleziona automaticamente la migliore impostazione sulla base delle informazioni raccolte dai sensori del veicolo,  la modalità ‘Tour’ adotta una configurazione comoda del telaio e le impostazioni del motore tendono a contenere i consumi, mentre la modalità ‘Sport’ rende la vettura più sportiva con il telaio che ‘affonda’ meno in frenata, si inclina molto meno in curva a velocità elevate e lo sterzo comunica in modo molto più diretto le condizioni della strada.

Andreas Zipser, ingegnere capo di Insignia che ha portato al limite la vettura tra le curve insidiose del Nurburgring, ha dichiarato al riguardo: “Il nuovo software centrale ‘Drive Mode Control’ è il cuore e l’anima del telaio attivo. Analizza continuamente le informazioni fornite dai sensori e dalle impostazioni e riconosce lo stile di guida individuale. I singoli sistemi vengono poi ottimizzati per avere la migliore trazione e posizione sulla strada.” 

23rd novembre, 2016

Tag:, , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Opel Insignia Grand Sport: Tutte le notizie


Lascia un commento





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini