Seat: il design ruota attorno allo schermo [FOTO]

Posizionato a portata di uno sguardo, orientato verso il conducente

Seat - Lo schermo è diventato l'elemento principale su cui si basa l'intero design dell'auto, la Ateca e la nuova Leon ne sono la dimostrazione, con lo sguardo del display che si orienta verso il conducente. A partire dagli ultimi 15 anni, si è passati da una semplice radio a un vero e proprio computer installato sulla plancia.

L’arrivo degli schermi ha totalmente rivoluzionato il processo di sviluppo dell’auto e come dice il Responsabile del Design degli interni di Seat, Jaume Sala “una volta disegnavamo l’interno dell’auto e, solo alla fine, vedevamo dove fosse rimasto lo spazio per inserire lo schermo”. Lo schermo ora è l’elemento cardine e tutto ruota su di esso al punto di progettarlo per prima e adattarlo a tutto il resto.

La connettività applicata all’industria dell’auto ha un impatto sempre maggiore, ed è per questo che in Seat ci sono più persone impegnate nel design degli schermi, che negli esterni del mezzo. Entro la fine dell’anno, il team impegnato nell’UX Design (area dedicata allo sviluppo dei display) raggiungerà una quota formata da 30 persone, con alcune di queste che si dedicheranno all’interfaccia, mentre altre si occuperanno delle applicazioni. Infine, un terzo gruppo di collaboratori specializzati in animazione e simulazione.

Progettare un display è un lavoro estremamente meticoloso, che richiede un anno e mezzo di impegno e oltre 1.000 bozzetti. Tutti gli schermi in Seat, hanno una cosa in comune: posizionarsi a portata di uno sguardo che si orienta verso il conducente. Gli ultimi nati, ovvero quelli della Ateca e della nuova Leon, misurano 8 pollici, dimensioni che equivalgono a quelle di un tablet, e per quest’ultimo modello (Leon) sono state realizzate circa 3.000 icone.

Negli ultimi 15 anni abbiamo assistito a una rivoluzione incredibile, passando da una semplice radio a un vero e proprio computer installato nell’auto, che offre gli stessi contenuti di altri dispositivi, come un tablet: tutto ciò che il cliente chiede.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati