Frenata d’emergenza e rallentamento automatico: l’UE pensa di renderli obbligatori

Dal 2022 le auto potrebbero rispettare autonomamente i limiti di velocità

di

Secondo quanto riporta Autobild, l'UE starebbe valutando per il 2022 di rendere obbligatori sui veicoli alcuni dispositivi di sicurezza tra cui il Collision Assist e una sua implementazione, capace di far rispettare i limiti di velocità autonomamente, basandosi sulla segnaletica verticale.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Frenata d’emergenza e rallentamento automatico: l’UE pensa di renderli obbligatori

Negli ultimi anni stiamo assistendo ad una continua ricerca da parte delle case automobilistiche riguardo alla sicurezza stradale, sviluppando progressivamente sistemi sempre più sofisticati per ridurre le probabilità di incidenti e distrazioni alla guida. Alcuni dispositivi si limitano ad una semplice assistenza “passiva”, segnalando con spie e allarmi sonori gli imminenti pericoli, lasciando però la libertà per le manovre di correzione al fattore umano, mentre altri più sofisticati intervengono attivamente sul comportamento del veicolo anticipando la frenata o cambiando direzione dello sterzo per ritornare all’interno della corsia. L’evoluzione massima per la tecnologia al volante è rappresentata dalla guida autonoma e semi-autonoma, capace di utilizzare in perfetta simbiosi un’innumerevole quantità di rilevatori, sensori e dispositivi per far procedere i veicoli in autostrada (e non solo) senza l’intervento dell’uomo.

Secondo alcuni dati statistici, il semplice ausilio conferito dal sistema per la rilevazione della segnaletica e i limiti stradali potrebbe essere il responsabile di una riduzione dell’8% di vittime. Evidentemente per l’Europa il valore non è ancora soddisfacente e si sta pensando di integrare questo lettore con il dispositivo per la frenata di emergenza, ottenendo perciò un sistema di sicurezza capace di rallentare automaticamente il veicolo riportandolo al di sotto dei limiti previsti per un determinato tratto di strada.

Probabilmente buona parte degli automobilisti reputeranno questo un intervento fin troppo invasivo ma si pensa che potrebbe far ridurre di quasi il 37% la mortalità sulle strade: solo nello scorso anno si son registrati circa 26 mila decessi in Europa, con l’Italia fra i primi posti.

Negli Stati Uniti la National Highway Traffic Safety Administration e l’Insurance Institute for Highway Safety hanno raggiunto l’accordo con quasi tutti i costruttori per rendere obbligatorio questo tipo di dispositivo su ogni veicolo privato già dal 2022. La Commissione Europea intenderebbe introdurre un sistema simile (non è ancora stato specificato il funzionamento nei dettagli) nel 2020 sui veicoli già in produzione, mentre dal 2022 sui nuovi modelli.

31st gennaio, 2017

Tag:, , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini