Lynk & Co 01: il crossover connesso farà tappa al Salone di Shanghai

Arriverà in Europa nel 2019. La vendita avverrà online

Lynk & Co 01 - Il crossover connesso farà il suo debutto pubblico al Salone di Shanghai per poi andare in vendita in Cina nel quarto trimestre dell'anno. Debutterà in Europa e negli Stati Uniti nel 2019. La vendita non avverrà nelle concessionarie tradizionali, ma online con consegna e ritiro a domicilio.
Lynk & Co 01: il crossover connesso farà tappa al Salone di Shanghai

Presentato lo scorso 20 ottobre a Berlino, il crossover 01 del nuovo marchio Lynk & Co di proprietà del Gruppo cinese Geely (che controlla la Volvo) farà il suo debutto pubblico al Salone di Shanghai, in programma dal 21 al 28 aprile. Disegnato in Svezia e prodotto in Cina, offre delle forme imponenti con quasi 4,5 metri di lunghezza, specialmente nella zona dei passaruota anteriori, ma anche nel retrotreno, con il lunotto che slancia l’intera carrozzeria.

Basata sulla piattaforma CMA, leggera e particolarmente resistente, dispone dei sistemi di sicurezza più avanzati che erediterà dalla Volvo. Sarà un’auto connessa: caratteristica che, tramite a una serie di novità tecnologiche, sarà in grado di soddisfare le esigenze degli occupanti dell’abitacolo.

Sarà sul mercato cinese a partire dal quarto trimestre del 2017. Per quanto riguarda il suo approdo in Europa e negli Stati Uniti, Geely lo aveva programmato inizialmente per il 2018. Tuttavia slitterà di un anno. Al momento la motorizzazione disponibile sarà ibrida: con il 1.5 tre cilindri che lavorerà in combinazione con una piccola unità elettrica. Mentre, in un secondo momento, sarà rilasciato con l’unità quattro cilindri 2.0 ereditata dalla Volvo.

La vendita non avverrà nelle classiche concessionarie, bensì online con consegna a domicilio. Non solo. Anche per quanto riguarda anomalie, guasti e tagliandi. Dopo l’ingresso sul mercato della 01, l’azienda cinese rilascerà successivamente due nuovi modelli denominati 02 e 03.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati