Tir travolge operai sulla A 10: 2 morti e gravi le condizioni dei 5 feriti

L'autista è accusato di omicidio stradale plurimo

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Tir travolge operai sulla A 10: 2 morti e gravi le condizioni dei 5 feriti

L’incidente è successo nella giornata di ieri intorno alle ore 9:00 nel tratto dell’autostrada A 10 compreso fra Albisola e Celle Ligure. A causa dei lavori di manutenzione del manto stradale la percorrenza era stata limitata ad una sola corsia nel senso di marcia interessato, verso Genova. Il Tir avrebbe perso stabilità, probabilmente causato da una velocità eccessiva, invadendo un tratto di cantiere nel quale erano presenti alcuni operai.

Purtroppo sono state 2 le persone decedute, mentre rimangono ancora stabili seppur gravi le condizioni dei 5 feriti. Intanto rimangono difficoltose le condizioni di marcia del tratto interessato, con oltre 2 km di coda registrati in mattinata e probabilmente aumentati nel corso della giornata. In aggiunta un secondo Tir ha rallentato la viabilità a causa di una foratura nello stesso tratto di autostrada.

Questa mattina il comandante della polizia stradale di Savona, Giovanni Legato, ha invitato gli automobilisti ad essere prudenti e a non lasciarsi prendere dalla curiosità durante il passaggio davanti al cantiere dove è avvenuta la tragedia: una distrazione potrebbe causare un incidente.

Intanto sul fronte dell’inchiesta, nella giornata di oggi dovrebbe essere interrogato nuovamente Ilim Baldan, l’autista dell’autoarticolato che ha investito gli operai, arrestato con l’accusa di omicidio stradale plurimo.

27th marzo, 2017

Tag:, , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini