Tesla: maxi richiamo per 53.000 vetture tra Model S e Model X

Problema relativo al freno di stazionamento

La campagna di richiamo per Model S e Model X costruite tra Febbraio ed Ottobre 2016 è necessaria per verificare un presunto difetto di fabbricazione di un piccolo ingranaggio che potrebbe impedire il disinserimento del freno di stazionamento.
Tesla: maxi richiamo per 53.000 vetture tra Model S e Model X

Tesla – Il costruttore californiano ha comunicato il richiamo di ben 53.000 vetture tra Model S e Model X prodotte a cavallo tra il Febbraio e l’Ottobre 2016 per quanto concerne un problema relativo al freno di stazionamento. Nello specifico il problema risiederebbe in un difetto di fabbricazione che di fatto impedirebbe il disinserimento del freno di stazionamento.

Un portavoce di Tesla ha così spiegato il doveroso richiamo: “I freni elettrici di stazionamento installati sui veicoli Model S e Model X costruiti tra febbraio ed ottobre 2016 potrebbero contenere un piccolo ingranaggio che potrebbe essere stato fabbricato in modo improprio dal nostro fornitore.” Si tratta dunque di un richiamo a fini di verifica in quanto Tesla ha comunque sottolineato che probabilmente meno del 5% del totale delle vetture richiamate potrebbe essere effettivamente colpito dal difetto.

Tesla ha inoltre aggiunto: “A buon motivo crediamo che questo problema non possa ledere in alcun modo i clienti delle vetture interessate dal difetto di fabbricazione. Difatti fino ad oggi non abbiamo registrato alcun incidente per questo motivo. Comunque, per precauzione, provvederemo a sostituire le parti interessate dal difetto per essere totalmente sicuri che non possano provocare alcun danno.”

In tal senso, Tesla provvederà a richiamare tutte le Model S e Model X interessate da questo difetto tramite apposita comunicazione ufficiale rivolta ai propri clienti in cui spiegherà i motivi del richiamo e come comportarsi per far effettuare la riparazione. Il costruttore californiano ha altresì precisato che l’intera procedura di riparazione del difetto non dovrebbe richiedere più di 45 minuti.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati