Fiat 500L MY 2017, cambiamento ragionato [VIDEO TEST DRIVE]

Poche modifiche, ma mirate ad una qualità più alta

di

La nuova Fiat 500L si presenta con modifiche davvero sottili rispetto al modello precedente. Non è cambiato molto, soprattutto all’esterno, ma sono state comunque fatte delle modifiche estremamente ragionate per svecchiare l’aspetto della vettura e al tempo stesso innalzarne la qualità percepita. Questo è vero soprattutto negli interni, che hanno fatto un significativo balzo in avanti dal punto di vista del design e dei materiali

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Fiat 500L MY 2017, cambiamento ragionato [VIDEO TEST DRIVE]
Fiat 500L MY 2017

Al momento dell’unveiling della nuova Fiat 500L avvenuto all’Eataly di Torino, accanto al Lingotto (se ve la siete persa la trovate qui sotto e sulla nostra pagina ufficiale su Facebook), i commenti dei nostri lettori alla diretta sono stati particolarmente significativi. La monovolume del gruppo FCA non conosce vie di mezzo: o la si ama, o la si odia. Se, però, è tutt’oggi una delle più vendute del nostro Paese, evidentemente sono molte di più le persone che ne apprezzano le qualità. Sia il vecchio che il nuovo modello devono essere giudicati per quello che vogliono essere, ovvero un’auto ideale per la famiglia e il trasporto, senza però dimenticare un po’ di stile e di ricercatezza. Già le precedenti varianti avevano adempiuto egregiamente a questa missione, ma quella nuova promette di fare ancora meglio. La 500L del 2017 è decisamente più raffinata e ricercata che mai, il tutto senza rinunciare alla sua praticità e mantenendo praticamente invariato il prezzo di listino.

Ingannevole in questo senso, se ci passate il termine, è il look esterno. Ad una prima occhiata veloce potrebbe sembrare che nulla sia cambiato, ma si tratta di una valutazione distratta. Sono cambiate leggermente le dimensioni e le proporzioni, ma noi vorremmo concentrarci soprattutto sul muso. I designer del Lingotto hanno raffinato le linee e le nervature della vettura, rendendola più filante in maniera sensibile. Sono stati aggiornati i fari a LED, che se guardate attentamente sono derivati direttamente dalla 500X. Soprattutto le luci diurne hanno la tipica forma ovale tagliata che ormai è divenuto uno dei marchi distintivi della gamma. Il tetto è leggermente più slanciato, ma parliamo davvero di dettagli. Sono state confermate le due carrozzerie principali e consolidata una terza: quella classica tiene il semplice nome di 500L, mentre la Trekking diventa ufficialmente 500L Cross, con forme e dotazioni più simili al concetto del SUV classico, anche se senza esagerazioni. Sempre monovolume rimane alla fine. L’ultima è l’ex 500L Living, che ora viene chiamata in modo oggettivamente più chiaro 500L Wagon ed è la versione a passo allungato con lo spazio per la terza fila di sedili. Arricchito nei dettagli anche il posteriore, per quanto questa zona rimane quella più fedele al passato.

Gli interni, dal canto loro, sono invece la zona che si è arricchita maggiormente. Qui troviamo diverse novità a livello di disegno e stile, pur senza esagerare. È sempre lei, la 500L, ma pare più ricca e più pratica. Sono stati ridisegnati i vani portaoggetti, compreso quello superiore che ora è caricato anche dal logo 500 (perché manca la “L”?) e ora il cambio è in posizione decisamente più alta e comoda. Una sorpresa molto piacevole è il volante, con il clacson di forma più stondata e contenuta. L’effetto generale è di una maggiore modernità, completata dall’ampia dotazione di comandi al volante. Questi permettono di controllare il sistema uConnect, che si manifesta su un display da 10 pollici di diagonale. Uno schermo piacevole da vedere inserito in una cornice centrale con alcuni pulsanti fisici posizionati subito sotto e seguita verso il tunnel dai controlli del clima. Il sistema uConnect può essere sostituito dai software Apple CarPlay e Android Auto, ma dobbiamo riconoscere che anche in assenza di questa compatibilità il programma si comporta bene e la collaborazione con la TomTom per il navigatore GPS è già di per sé una garanzia.

Le sellerie e le coperture sono sorprendentemente di pregio, anche negli allestimenti di base. Intendiamoci, è sbagliato aspettarsi qualsiasi cosa di più di ciò che appartiene al segmento, ma comunque stoffe e plastiche hanno un aspetto molto più solido e piacevole al tatto. Il quadro comandi è coperto da una cornice leggermente a contrasto con il resto del cruscotto, che però trasmette una sensazione di ricercatezza maggiore. Il quadro è caratterizzato da uno schermo TFT con le informazioni dell’auto e da tacchettine sui quadranti con un bell’effetto tridimensionale. Al centro fa bella mostra di sé ancora il bocchettone centrale dell’aria, che aiuta sempre a “rompere” un po’ la monotonia della linea del cruscotto. Nel modello che abbiamo provato il vano porta oggetti superiore presentava una copertura in tessuto, che ne alzava notevolmente la qualità. Anche le zone coperte con la plastica rimangono comunque di buona qualità e lo spazio riservato ai passeggeri posteriori rimane eccellente, com’era giusto attendersi dalla vettura. La versione di base senza la terza fila presenta una capienza del bagagliaio di 638 litri di minimo, a ulteriore conferma di come lo spazio abitativo e utilizzabile rimane comunque una priorità basilare.

Parliamo quindi dei motori: i benzina sono due, ovvero il TwinAir 0.9 da 105 Cv e il 1.400 MPI da 95 Cv. I diesel sono altrettanti e sono il 1.300 Multijet da 95 Cv (anche in versione Dualogic) e il 1.600 Multijet da 120 Cv. Immancabili le varianti a combustibili alternativi, con il GPL 1.400 da 120 Cv e, infine, il 900 Natural Power a metano con potenza da 80 Cv. Anche questa offerta, quindi, non è variata, ma ciò è un bene. Questa scelta di motorizzazioni infatti è mirata in maniera precisa verso le esigenze del pubblico della 500L. Parola d’ordine: comodità. Nessuno di questi motori è particolarmente scattante o nervoso, ma giustamente stonerebbe con lo spirito della vettura. Il nuovo volante risponde piuttosto bene ai comandi, anche con l’ormai consolidata modalità City. Sulla destra troviamo il Mode Selector, concepito per gestire anche le situazioni di scarsa aderenza su fango e ghiaccio. Ovviamente non stiamo parlando di una 500L 4×4, ma comunque di un’auto che difficilmente rimarrà impantanata in un parcheggio su erba durante un nubifragio. Non è certo poco.

Insomma, un’auto capiente e comoda, con un design classico per la gamma. Il tutto a partire da 15.900 €, salvo finanziamenti e offerte, con porte aperte programmato per il 17-18 giugno.

DIRETTA: presentazione nuova Fiat 500L MY 2017 Fiat Exor SpA FCA Fiat & Chrysler group Fiat 500 Passione Auto Italiane

Pubblicato da Motorionline su Martedì 23 maggio 2017

25th maggio, 2017

Tag:, , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Fiat 500L: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini