DS 7 Crossback La Première: dallo stile ricomincia tutto [5 COSE DA SAPERE – EPISODIO 1]

Savoir-faire parigino sin dalla carrozzeria

di

La DS 7 Crossback riveste un’importanza fondamentale per il giovane marchio francese, che per la prima volta in assoluto si cimenta nella produzione di una vettura esclusivamente DS dopo le riedizioni della “vecchia” produzione Citroën. Il risultato lo potete vedere in anteprima in queste pagine: benvenuti alla prima delle “5 Cose da Sapere” sulla DS 7 Crossback La Première

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
DS 7 Crossback La Première: dallo stile ricomincia tutto [5 COSE DA SAPERE – EPISODIO 1]
DS 7 Crossback La Première

Un vero e proprio esame di maturità per DS. L’arrivo al Salone di Ginevra della nuova DS 7 Crossback rappresentava un passo fondamentale per il giovane marchio transalpino, nato solo pochi anni fa da una costola di Citroën in seguito a decenni di successo come gamma del Double Chevron. Per la prima volta in assoluto, infatti, la casa ha prodotto un modello esclusivo, mai visto prima. La DS 7 rappresenta il vero concetto di savoir-faire alla francese, una combinazione di materiali pregiati, lavoro artigianale e innovazioni tecnologiche che il marchio vuole promuovere da qui in avanti e per questo motivo abbiamo deciso di preparare il nostro speciale “5 Cose da Sapere” dedicato proprio a questa affascinante francesina. Incominciamo quindi proprio dallo stile, analizzando gli esterni e la carrozzeria della DS 7 Crossback La Première, edizione limitata prenotabile solo su Internet fino alla fine dell’anno (la DS 7 Crossback “normale” arriverà invece nei concessionari entro fine anno).

Il nuovo SUV francese misura in lunghezza 457 cm. Si tratta di una dimensione gestibile, che non rende la vettura un “mastodonte”, ma carismatica e dalle proporzioni ideali.
Partiamo dal frontale DS Wings, verticale ed elegante, che anticipa la raffinatezza della vettura. La forma esagonale della calandra profila un’inedita griglia sfaccettata come un diamante, con il monogramma DS al centro. Un design che si ripeterà in numerosissimi altri elementi della vettura, sia all’esterno che all’interno. I gruppi ottici sono invece completamente rivoluzionati: la forma dei fari è decisamente più filante ed elegante, anche per fare spazio alle luci diurne a LED, che conferiscono un aspetto decisamente più moderno e imponente al profilo frontale. Sono però i fari a rappresentare la vera “firma” della DS: sono infatti i nuovi DS Active LED Vision, dei proiettori composti da quattro elementi di cui tre, in particolare, sfaccettati come diamanti e in grado di ruotare fino a 180°. Grazie a questa tecnologia il guidatore può impostare ben sei configurazioni diverse di illuminazione a seconda del luogo in cui si trova e della luminosità a disposizione.

Sul cofano troviamo delle nuove nervature, tra cui due che formano un dislivello centrale, naturale proseguimento del logo rettangolare DS posto subito sopra la griglia. Per l’edizione speciale La Première, inoltre, verrà applicato in questa zona lo speciale badge con il numero 1 dedicato alla gamma. Altre placche con il nome dell’auto sono state poste anche sulle fiancate per rendere più esclusiva questa versione.
Il frontale è decisamente prominente se paragonato al resto della vettura, che cerca invece di presentare forme più compatte e pratiche. Nonostante questo le nervature della DS 7 contribuiscono a dare un aspetto che oseremmo definire “muscolare” all’auto, sottolineando in particolare la zona dei passaruota frontali, mentre quelli posteriori sono sensibilmente meno in evidenza. Linee superiori e inferiori continuano per tutta la fiancata fino alla portiera posteriore, dove si interrompono per poi unirsi idealmente con quelle che tracciano il posteriore e i relativi fari. Da notare il quadro dei cristalli cromato, che insieme ai montanti B e C di colore nero contribuiscono a dare uniformità al blocco nella sua interezza. Chiudono l’insieme i nuovi cerchi in lega bicromatici a cinque razze con look diamantato, attraverso i quali sono ben in evidenza i freni a disco, che donano anche quel surplus sportivo che non guasta mai.
Passando al retro, troviamo un portellone decisamente importante per dimensioni, ma grazie ad alcune idee particolari non si ha mai una sensazione di “vuoto”. Già al centro il logo DS contribuisce a riempire in maniera uniforme la zona e ci è piaciuta l’idea di includere completamente la targa in una sua nicchia personale ben illuminata. La linea che arriva dalla fiancata traccia il bordo superiore dei fari, davvero particolari e inconfondibili: questi presentano infatti uno speciale disegno tridimensionale diamantato, che siamo sicuri potrà diventare estremamente riconoscibile sulle strade. Questi sono uniti da un baffo cromato che ne chiude il perimetro, sfociando sul fianco con una placca DS metallizzata, e li collega con una placca su cui è inciso il nome Crossback.

Concludiamo velocemente con il tetto, che nell’edizione La Première si presenta con un grande pannello in vetro che aumenta in maniera esponenziale la sensazione di spazio all’interno, racchiuso in due binari per eventuali carichi superiori che rispettano lo spirito crossover.

La DS 7 Crossback La Première, quindi, si presenta già molto bene sin da una prima occhiata e vi assicuriamo che anche a livello di contenuti c’è molto da dire. L’abitacolo, però, sarà protagonista assoluto della nostra prossima puntata. Non mancate.

PUNTATA 2 – Un Salotto Arrivato dal Futuro [INTERNI]

PUNTATA 3 – Altissima Definizione alla Guida [INFOTAINMENT]

29th maggio, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

DS 7 Crossback: Tutte le notizie


Lascia un commento





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini