Il cellulare può essere sequestrato in caso di incidente

Lo stabilisce un'apposita circolare della Polizia Municipale di Torino

di

Con la recente ed innovativa circolare (la numero 32 del 19.04.2017) la Polizia Municipale di Torino ha stabilito che si può ordinare al conducente coinvolto in un incidente l’esibizione del telefonino per vedere se, in prossimità del momento dell'incidente, risultano eseguite operazioni come telefonate, sms, chat, foto, video o post sui social network.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Il cellulare può essere sequestrato in caso di incidente
Uso cellulare al volante

Il “Rapporto 2016 sulla sicurezza stradale” stilato da Dekra, organizzazione mondiale di consulenza per la sicurezza nel mondo automotive, ha stabilito che ben il 90% degli incidenti stradali è causato da cattive abitudini al volante”. Il riferimento, manco a dirlo, è rivolto a tutte quelle malsane abitudini odierne legate all’utilizzo del cellulare mentre si è intenti a guidare: telefonare, scrivere un messaggio, navigare sui social network o utilizzare le tante applicazioni disponibili sul proprio smartphone.

L’uso del telefono alla guida non costituisce di per sè un reato, bensì un illecito amministrativo: in pratica, il conducente che viene “beccato” ad utilizzare il proprio smartphone al volante può essere punito con una multa in base all’art. 173 del Codice della Strada che prevede una sanzione amministrativa da un minimo di 161 ad un massimo di 646 euro e la detrazione di 5 punti sulla patente e, solo in caso di recidività nell’arco di due anni, la sospensione della patente di guida da un minimo di 1 ad un massimo di 3 mesi.

Ora, con la modifica a breve al Codice della Strada, la nuova norma potrebbe prevedere, per chi è scoperto ad utilizzare il cellulare durante la guida, la sospensione diretta della patente da 1 a 3 mesi già a partire dalla prima violazione e addirittura, in caso ci sia stato un incidente, il sequestro dello smartphone per il conducente. Soprattutto quest’ultima pare essere un’importantissima novità in materia.

Difatti, la Polizia Municipale di Torino, con una recente e innovativa circolare (la numero 32 del 19.04.2017) ha stabilito che si potrà ordinare al conducente coinvolto in uno scontro l’esibizione del telefonino per vedere se, in prossimità del momento dell’incidente, risultano eseguite operazioni come telefonate, sms, chat, foto, video, post sui social network, ecc. Inoltre, qualora l’automobilista si rifiutasse di esibire il proprio cellulare, potrà scattare in automatico il sequestro dello smartphone per le indagini di rito.

8th giugno, 2017

Tag:, , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini