KIA Rio 1.4 CRDi Cool: a testa alta, lancia la sfida alle europee senza timore [PROVA SU STRADA]

Convince per lo stile, per la dinamica e per la dotazione da piccola ammiraglia

di

Rinnovata da cima a fondo, la nuova KIA Rio lancia il guanto della sfida a mostri sacri come, solo per citarne alcune, Volkswagen Polo, Ford Fiesta, Peugeot 208. Lo fa con uno stile convincente, con una dotazione davvero di livello (nelle versioni top di gamma), ed un comportamento su strada che la rende vettura a tutto tondo, capace di cavarsela egregiamente in ogni circostanza. Peccato per qualche dettaglio di finitura non all'altezza del resto della vettura.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
KIA Rio 1.4 CRDi Cool: a testa alta, lancia la sfida alle europee senza timore [PROVA SU STRADA]
Kia Rio 1.4 CRDi Cool

Anche se, negli ultimi anni, ha perso un po’di smalto per via del boom di piccole suv e crossover, il segmento B, in Europa, resta di fondamentale importanza, per i costruttori ma anche dal punto di vista dei numeri. Ed è proprio in questo segmento, combattuto come pochi, che KIA rilancia la sfida con la nuova Rio. Una vettura che, ancora una volta, è l’ennesima dimostrazione degli enormi passi in avanti fatti dalla casa coreana nell’ultimo decennio, capace ormai di offrire un prodotto in grado di giocarsela ad armi pari con tutte le rivali, nessuna esclusa. La nuova Rio, difatti, mette sul piatto una linea convincente, degli interni curati nell’aspetto, un bel motore a gasolio che ne amplia gli orizzonti ben oltre le mura cittadine e, ciliegina sulla torta, i 7 anni di garanzia, tipico marchio di fabbrica di casa KIA.

Design e Interni:  ★★★★☆ 

Forme filanti e muscolose, con una buona dose di sportività

Già dall’estetica la nuova Rio mette le cose in chiaro, con una linea tutt’altro che anonima. Soprattutto il frontale è bello moderno ed aggressivo, con la sottile mascherina nella parte alta e la grossa “bocca” nella parte inferiore del paraurti. Molto curato anche lo styling dei fari, piuttosto avvolgenti e con tanto di luci diurne a led. Ad accentuare una certa cura per l’estetica contribuiscono poi i cerchi da 17” della vettura in prova, una misura certamente “abbondate” per quella che, almeno sulla carta, dovrebbe essere un’utilitaria. Piuttosto piacevole è anche la linea della fiancata, tesa, muscolosa e filante, senza però essere sovraccarica di tratti che, alle volte, finiscono per appesantire l’impatto estetico delle vetture più recenti. Bene anche la coda, con lunotto, montante e fari posteriori ben raccordati tra loro.

Interno: design piacevole, qualche pecca nei materiali

Se il design dell’esterno merita un bel pollice all’insù, altrettanto può dirsi per l’estetica dell’abitacolo. Salendo a bordo, difatti, si ha l’impressione di trovarsi su di una vettura moderna, ben pensata. Molto piacevole è innanzitutto la plancia (con l’inserto centrale e la zona dei comandi del clima che ricordano vagamente lo stile della Giulietta). Al centro di quest’ultima spicca il sistema di infotainment opzionale con schermo grande, da 7 pollici, che si fa apprezzare per la facilità di utilizzo e per la fluidità di funzionamento. Il sistema, peraltro, è compatibile con Apple Car Play e con i dispositivi Android, così da consentire di restare sempre connessi anche alla guida, ma senza pericolose distrazioni.
A completare la dotazione quasi da piccola ammiraglia troviamo poi i comandi al volante e numerosi dispositivi di assistenza alla guida, tra i quali spiccano la retrocamera posteriore, il radar anteriore anticollisione (in grado di riconoscere anche i pedoni), il lane departure warining, il clima automatico ed i sensori luce e pioggia. Dal punto di vista delle finiture, invece, alti e bassi. Apprezzabili, ad esempio, le cinture regolabili in altezza, la luce di cortesia nell’aletta parasole e la presa di corrente per i passeggeri posteriori. Le note dolenti, invece, arrivano dai materiali utilizzati: quelli della plancia, sebbene gradevoli alla vista, si dimostrano piuttosto rigidi al tatto, e lo stesso accade nei pannelli porta, interamente in materiale plastico (un inserto in tessuto, come su molte delle competitor, avrebbe sicuramente restituito una maggiore sensazione di qualità). La Rio, infine, si fa piacevolmente apprezzare per la praticità e l’ergonomia: il sedile di guida è ampio ed ampiamente regolabile (lo schienale, però, a scatti), così da poter accogliere guidatori di tutte le taglie, mentre dietro, due adulti, trovano posto comodamente, senza essere mai troppo costretti. Note positive anche dal bagagliaio, che con i suoi 325 litri è tra i più capienti della categoria, oltre ad avere una forma regolare e ben sfruttabile. La soglia di carico, però, non è delle più basse.

Comportamento su Strada:  ★★★★☆ 

Comportamento sano e maturo, anche lontano dalle mura cittadine

Con i suoi 407 cm di lunghezza la nuova Rio aspira ad essere ben di più che una semplice utilitaria. Su strada, infatti, si rivela a suo agio anche fuori porta, con i lunghi viaggi che non la spaventano affatto (in tal senso, pensarla come “unica” auto di famiglia diviene tutt’altro che un’utopia). La Rio, infatti, mostra un comportamento sempre maturo ed equilibrato. In autostrada, ad esempio, il comfort non fa affatto rimpiangere quello offerto da una segmento C, con il motore che si mantiene sempre silenzioso ed i chilometri che scorrono via leggeri senza affaticare. Sul guidato, invece, la Rio si mantiene sempre piacevole e rassicurante, senza peraltro mettere da parte un filo di dinamismo. L’assetto non troppo cedevole, unitamente alla gommatura abbondante, fanno sì che la Rio si guidi con disinvoltura, con una certa agilità tra una curva e l’altra, ed un assetto che non lascia troppo spazio a rollio e beccheggio. Peccato, però, per lo sterzo, pronto e sufficientemente progressivo, ma dal feeling sempre piuttosto filtrato ed artificiale. Gradevole risulta invece il cambio, che ha innanzitutto il grande pregio di avere la sesta (non sempre presente sui turbodiesel di piccola cubatura), oltre ad essere ben manovrabile, con degli innesti precisi e contrastati il giusto. La frizione, poi, è abbastanza morbida, così da non affaticare troppo nelle continue ripartenze delle guida cittadina.

Motore e Prestazioni:  ★★★★☆ 

Buona coppia e cambio a sei rapporti rendono la marcia sempre vivace

La gamma della nuova Kia Rio prevede tre diverse motorizzazioni, due benzina ed una a gasolio. La soglia d’ingresso è rappresentata dal 1.2 aspirato 4 cilindri, al quale si affianca l’altra motorizzazione a benzina, ovvero un più accattivante 1.0 tre cilindri da 100 Cv. Se invece fate tanta strada, come anche se pensate alla Rio come unica auto di famiglia, ecco che allora la motorizzazione a gasolio potrebbe fare al caso vostro: il 1.4 turbodiesel, peraltro, è disponibile con due diversi livelli di potenza, rispettivamente da 77 e da 90 Cv. Proprio la motorizzazione più potente era quella presente sotto al cofano della vettura in prova. Vettura che, come già sottolineato, risulta ben di più che una semplice utilitaria. Grazie alla spinta del 1.4 turbodiesel, difatti, la Rio si dimostra vivace e spigliata in ogni circostanza, senza mai restituire la sensazione di avere il fiato corto. Anzi, i 240 Nm di coppia, grazie all’accoppiata motore cambio ben accordata, regalano una spinta non indifferente. Briosità che viene anche confermata dai “freddi” numeri, dato che lo 0-100 km/h viene coperto in 12 secondi, mentre la velocità di punta dichiarata è di 175 km/h. Motore che peraltro, oltre a spingere con vivacità, si fa anche apprezzare per la voce discreta e per l’assenza di vibrazioni. Soltanto oltrepassando i 4000 giri/min (dove si stempera parecchio anche la spinta) diventa un po’ ruvido, invitando, anche acusticamente, a passare al rapporto superiore.

Consumi e Costi:  ★★★★☆ 

Richieste di gasolio sempre contenute, il listino rispecchia il livello (alto) della vettura

La dotazione da piccola ammiraglia, unitamente alle qualità stradali ed alla meccanica che la rendono una vettura a 360° piuttosto che un’utilitaria, non potevano che avere ripercussioni sul prezzo. Il listino, difatti, rispecchia i contenuti della vettura: per una Kia Rio 1.4 CRDi 90 Cv in allestimento Cool (top di gamma) ci vogliono circa 18.100€. Non sono pochi in senso assoluto, ma non sembrano neanche una cifra proibitiva considerando, appunto, ciò che la vettura offre, anche dal punto di vista della dotazione di accessori. Non mancano, comunque, versioni ben più accessibili, dato che il listino parte di circa 13.000€ della 1.2 benzina aspirata in allestimento “City”. Soltanto buone notizie, invece, dal punto di vista dei consumi. A fronte di un consumo medio dichiarato di 3,8 Litri/100 Km, nella guida di ogni giorno, in circostanze “reali”, si riesce sempre a percorrere almeno 14,5-15 km/lt nel traffico più intenso, che diventano facilmente 18 km/lt nella guida fuoriporta a velocità di codice. Focalizzandosi sull’economy-run, dunque, anche i 20 km/lt sono un risultato ampiamente alla portata.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Dotazione e contenuti tecnologici da vettura di segmento superiore, come lo è anche il comportamento su strada.Qualche finitura sottotono come il pannello porta interamente in plastica.

KIA Rio 1.4 CRDi Cool: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Accelerazione:★★★★☆ 
Ripresa:★★★½☆ 
Cambio:★★★★½ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★½☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★★½ 
Infotainment:★★★★½ 
Abitabilità:★★★★☆ 
Bagagliaio:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★½ 
Prezzo:★★★½☆ 
Design:★★★★☆ 
Finitura★★★½☆ 
Piacere di guida:★★★★☆ 
Consumi:★★★★½ 

13th giugno, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Kia Rio: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini