FCA porta il suo biometano al G7 Trasporti di Cagliari

Presentato il progetto #BioMetaNow

Biometano FCA G7 Cagliari - FCA prende parte al G7 Trasporti presentando l'innovativo progetto #BioMetaNow che prevede l'utilizzo, da parte di una Fiat Panda Natural Power, del biometano prodotto dal Gruppo CAP a partire da fanghi di depurazione e acque reflue, per percorrere 80.000 km nell'arco di alcuni mesi.
FCA porta il suo biometano al G7 Trasporti di Cagliari

Al G7 Trasporti, evento collaterale delle riunioni ministeriali del G7 nel summit di Taormina, che si tiene a Cagliari nelle giornate del 21 e 22 giugno è protagonista Fiat Chrysler Automobiles. Il Gruppo FCA ha preso parte al meeting “Nice to Meet You G7!”, manifestazione preparatori dell’incontro tra i sette Ministri dei Trasporti che si svolgerà oggi e domani nel capoluogo sardo. 

Nell’occasione FCA presenta #BioMetaNow, una sperimentazione condotta insieme al Gruppo CAP, gestore del Servizio Idrico Integrato della Città Metropolitana di Milano. Il progetto prevede che una Fiat Panda Natural Power percorra 80.000 chilometri nell’arco di alcuni mesi utilizzando come carburante il biometano prodotto dal Gruppo CAP a partire da fanghi di depurazione e acque reflue, rifornendosi presso il depuratore di Bresso-Niguarda, dove sta per nascere il primo distributore italiano di biometano a chilometro zero.

Diversi sono i vantaggi sull’ambiente derivanti dall’utilizzo del biometano: dal recupero di alcune tipologie di rifiuti alla rinnovabilità di un biorcarburante virtualmente inesauribile. Inoltre il biometano genera gli stessi vantaggi nelle emissioni di CO2 dei veicoli elettrici che utilizzano energia prodotta da fonti rinnovabili: pari al 97% in meno rispetto alla benzina.

L’innovativo progetto #BioMetaNow è stato esposto nell’ambito dei progetti selezionati dal Cluster Trasporti Italia 2020, l’associazione riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca come riferimento per l’innovazione tecnologica nel settore dei mezzi di trasporto e dei sistemi per la mobilità di superficie terrestre e marina.

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati