Nuova Honda Civic 2017: dinamismo quotidiano [SPECIALE – QUINTA PARTE]

Non sportiva, ma ottimamente equilibrata

di

Quinta e ultima parte del nostro speciale dedicato alla Honda Civic di ultima generazione, questa volta focalizzandoci sulla guida e sui motori. La Civic vuole essere un’auto adatta più o meno per tutte le occasioni, per cui non poteva essere troppo “tirata” per forza di cose. Per la sportività estrema rivolgetevi alla Type-R, ma se cercate il giusto equilibrio tra il divertimento e il rispetto del vostro portafogli, specie dal benzinaio, allora forse avete trovato l’auto giusta

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Nuova Honda Civic 2017: dinamismo quotidiano [SPECIALE – QUINTA PARTE]
Nuova Honda Civic MY 2017

È arrivato il momento di chiudere il cerchio e di parlare per l’ultima volta, almeno nell’ambito delle “5 Cose da Sapere”, della nuova Honda Civic. Nelle scorse puntate abbiamo affrontato più o meno tutti gli aspetti più importanti della vettura giapponese, una delle più iconiche dell’intera produzione della grande H, al punto da inaugurare con questa la sua decima generazione. Su di essa sono state spesso riversate tutte le tecnologie più recenti ed economicamente compatibili che il marchio aveva in dotazione e anche questa variante 2017 non si smentisce. C’era oggettivamente da mantenere le promesse fatte dal suo look così particolare, sia all’esterno che nell’abitacolo, e dobbiamo dire che non siamo rimasti delusi nel momento in cui ci siamo messi per la prima volta alla guida. Sia chiaro, non stiamo parlando di una vettura sportiva. Per quella conviene rivolgersi alla versione Type-R recentemente lanciata. Anche la variante più stradale, però, sa regalare delle belle soddisfazioni e, soprattutto, è in grado di regalare dei viaggi comodi e tranquilli in molti scenari.

Parliamo ad esempio del telaio: i tecnici Honda sono riusciti ad abbassare la seduta del guidatore di ben 3,5 cm e questo ha portato ad un netto abbassamento del baricentro. Come diretta conseguenza abbiamo avuto un aumento della manovrabilità e del controllo della vettura, tutto a vantaggio del feeling per il guidatore. L’auto non è eccessivamente nervosa o rigida, ma può comunque vantare delle sospensioni McPherson sull’assale anteriore e Multilink su quello posteriore, in grado di reagire in maniera appropriata anche alle strade più sconnesse. In generale abbiamo davanti un telaio completamente nuovo, che ha garantito una risposta generale dell’auto decisamente più piacevole e non falcidiata da reazioni troppo nervose che, onestamente, da un’auto concepita per l’uso quotidiano non ci aspetteremmo (con la Type-R, come già detto, il discorso sarebbe ben diverso, qui di seguito potete vedere la nostra video prova della generazione precedente).

In questo senso hanno aiutato i motori, di cui abbiamo già parlato approfonditamente nella quarta puntata: al momento sono solamente due in dotazione, entrambi a benzina con il diesel che dovrebbe arrivare entro la fine di quest’anno. Si tratta di un 1.000 tre cilindri con una potenza da 129 Cv e una coppia massima di 180 Nm, mentre la variante più potente è un 1.500 che arriva ad una potenza massima di 182 Cv. Il primo, in attesa dell’arrivo del diesel, è potenzialmente uno dei più interessanti per il nostro Paese e conferma la sensazione di cui parlavamo già prima. La Civic è un’auto che punta al comfort, senza esagerare con strappi e accelerazioni. In particolare viene da segnalare come la potenza complessiva venga distribuita in maniera decisamente fluida all’interno di un’ampia forbice di regimi (dai 1.800 fino a oltre 5.000). Il controllo della vettura è inoltre coadiuvato da una lunga serie di sistemi d’aiuto, tra i quali si segnalano la frenata d’emergenza, il cruise control rigorosamente adattivo per mantenere la distanza dalle auto che precedono, il controllo della corsia e il sensore per i segnali stradali.
Chiudiamo il discorso parlando delle prestazioni, unendo anche i consumi. Partendo dal presupposto che servirebbero test drive lunghi mesi per avere davvero dei risultati reali riscontrabili, i dati ufficiali della vettura parlano di un ottimo 5,1 litri/100 km, corrispondente a più di 19 km al litro. Un buon risultato, tenendo anche contro che abbiamo a che fare con una potenza molto tirata da 129 Cv. Come detto, non aspettatevi prestazioni da sportiva, ma lo scatto da 0 a 100 in 11,2 secondi si assesta pienamente nelle medie del segmento di riferimento. Il tutto con emissioni da 117 g/km di CO2 nell’atmosfera.

La tecnologia che serve su un’auto decisamente comoda e pratica. Un risultato decisamente positivo per quella che è senza dubbio una delle gamme più importanti dell’attuale produzione, con il primo modello datato addirittura 1972. Il listino la vedere partire da 22.500 € con un allestimento già abbastanza ricco sin dalle basi, anche se per una dotazione di livello ottimale si devono realisticamente superare i 27-28.000 €. Possiamo però dire che l’auto vale.

Con questa puntata si conclude il nostro speciale “5 Cose da Sapere” sulla nuova Honda Civic MY 2017. Se vi siete persi le puntate precedenti, trovate tutti i link qui di seguito e, naturalmente, anche sulle nostre pagine social.

PRIMA PUNTATA – Il Design del Futuro [LOOK E CARROZZERIA]

SECONDA PUNTATA – Parola d’ordine “Spazio” [INTERNI]

TERZA PUNTATA – Un Mondo Connesso [INFOTAINMENT]

QUARTA PUNTATA – Unire Dinamismo ed Efficienza [MOTORI]

21st giugno, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Honda Civic: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini