DS 7 Crossback La Première: motori senza pensieri [5 COSE DA SAPERE – EPISODIO 4]

Due meccaniche potenti rigorosamente Euro 6

di

In questa quarta puntata ci concentriamo sulla dotazione di motori della DS 7 Crossback La Première. Delle sei meccaniche previste per il modello di serie, questa serie speciale si orienta verso i due top di gamma, sia benzina che diesel, cercando di offrire prestazioni di buon livello a fronte di consumi ed emissioni rispettose della norma antinquinamento Euro 6

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
DS 7 Crossback La Première: motori senza pensieri [5 COSE DA SAPERE – EPISODIO 4]
DS 7 Crossback La Première

Siamo arrivati alla quarta puntata del nostro 5 Cose da Sapere e, come promesso, è ora di parlare di emozioni: i motori. Non basta avere un’auto moderna e lussuosa, serve anche avere in dotazione delle meccaniche che possano restituire qualcosa al guidatore. Siccome stiamo parlando di un segmento di mercato piuttosto alto, soprattutto per questo nuovo modello DS, è quasi superfluo specificare come chiunque decida di acquistare una serie speciale di un’auto ancora non circolante si aspetti di ottenere un motore affidabile, piacevole da guidare e, perché no, anche parco nei consumi. A nessuno piace buttare via i soldi in fondo. Ecco allora che delle sei meccaniche previste per la gamma DS 7 Crossback, l’edizione La Première ne ottiene due, ma sono i più importanti. I top di gamma, se escludiamo l’ibrido E-Tense.

Partiamo prima di tutto con il motore diesel, che come al solito potrebbe essere il più interessante per il nostro mercato. Stiamo parlando di un quattro cilindri turbo diesel BlueHDi a geometria variabile, dotato di iniezione diretta ad alta pressione. Un quattro cilindri in linea, con una cubatura di 1.997 cc. La sua potenza massima è di 180 Cv, raggiungibile ad un regime di 3.750 giri al minuto. La coppia, invece, si assesta sui 400 Nm ed è disponibile a partire dai 2.000 giri. Si tratta di una meccanica molto interessante, che è in grado di toccare una velocità massima di 207 km/h con la DS 7 piena fino alla metà del carico utile. Lo scatto è buono per la categoria, facendo fermare il cronometro nello 0-100 a 9,4 secondi. Il chilometro da fermo può essere coperto nel giro di 30,8 secondi. Questa meccanica è naturalmente omologata secondo gli standard Euro 6 e ha fatto registrare nelle prove strumentali ufficiali della casa un consumo medio nel ciclo misto europeo di 4,9 litri/100 km, pari a circa 20 km/litro. Le emissioni nell’aria, invece, hanno fatto registrare un massimo di 128 grammi di CO2 per ogni chilometro di percorrenza.

Non manca però anche il lato “benzina”. Infatti la DS 7 Crossback La Première può essere prenotata anche con un turbo benzina Twinscroll THP 16 valvole a iniezione diretta. Si tratta sempre di un quattro cilindri in linea con una cubatura da 1.598 cc e, soprattutto, una notevole potenza da 225 Cv, disponibile ad un regime di 5.500 giri al minuto. La coppia si assesta invece sui 300 Nm ad un regime di 1.900 giri al minuto. È senza alcun dubbio la meccanica che offre le prestazioni migliori, pur rinunciando a qualcosa in termini di consumi ed emissioni. La velocità massima nelle stesse condizioni di cui sopra è attestata a 227 km/h, mentre lo 0-100 viene completato in 8,3 secondi, più di un secondo in meno rispetto al diesel. Ovviamente anche il chilometro lanciato viene completato in un tempo minore, fermando il cronometro a 29,4 secondi, ben 1,4 secondi in meno. A fronte di questi risultati, però, dobbiamo come detto rinunciare a qualcosa per i consumi, come del resto è pienamente nella natura delle meccaniche a benzina rispetto alle diesel. Nel ciclo misto europeo è stato registrato un utilizzo di 6 litri di benzina ogni 100 km, pari a poco più di 16 km al litro, mentre le emissioni di CO2 si fermano a 137 grammi al chilometro. Sia il motore a benzina che il diesel sono equipaggiati del sistema Stop&Start.

Entrambe queste meccaniche sono associate con una vera novità assoluta per DS: il cambio automatico a 8 rapporti EAT8. Il nome è un acronimo e sta per Efficient Automatic Transmission, in italiano Trasmissione Automatica Efficiente. Non un semplice appellativo, ma quasi una promessa da parte della casa francese, che parla di miglioramenti sensibili grazie a questo EAT8 sia dal punto di vista dei consumi che da quello del piacere di guida.
Partiamo prima di tutto di una nuova strategia di gestione dell’inserimento delle marce, che secondo i dati forniti dalla casa permette di risparmiare fino al 4% di carburante rispetto al vecchio EAT6. Un grande aiuto in questo senso lo danno il sistema Start&Stop attivo fino ad una velocità di 3 km/h e la riduzione della massa complessiva del sistema, alleggerita di circa 2 kg. Il funzionamento del cambio è stato reso più silenzioso e più fluido, grazie anche al nuovo calcolatore “bi can”, che permette di aumentare il comfort e il piacere di guida.
Infine abbiamo l’Advanced Traction Control che consente di ottenere una maggiore motricità in caso di fondo sdrucciolevole o in generale fondi stradali difficoltosi o a basso grip. Si tratta di una tecnologia particolarmente avanzata, sviluppata in collaborazione con Bosch. Viene sempre associata agli pneumatici All Seasons M+S (la DS 7 è equipaggiata con speciali ruote da 18 pollici ottimizzate per il sistema ATC) e la sua missione è quella di trovare un equilibrio ottimale tra la sicurezza di guida, l’aderenza e la motricità del veicolo. Il tutto è controllabile attraverso un selettore posto direttamente all’interno dell’abitacolo e che consente di scegliere fra ben cinque modalità: la standard (calibrata su un livello di pattinamento basso e fisso e in base alle precedenti aderenze rilevate), la modalità Neve (ottimizzazione dell’aderenza personalizzata per ogni singola ruota), la Fuoristrada (trasferimento della coppia sulla ruota con maggiore aderenza), la modalità Sabbia (autorizza solo un leggero pattinamento sulle due ruote motrici) e infine la ESP OFF (ovvero con gli aiuti disattivati). L’ATC porta numerosi vantaggi non solo a livello di trazione, ma promette anche un abbassamento sensibile dei consumi e persino una minore manutenzione rispetto ad una classica trazione 4×4 con alberi di trasmissione e ponte posteriore.

Per poter testare tutte queste novità dovremo ovviamente aspettare di poter metterci alla guida della DS 7 Crossback sulla strada, ma in attesa che ciò avvenga le premesse sono a dir poco interessanti. Anche perché il comfort di guida sarà ulteriormente aumentato dalla presenza di numerosissimi aiuti per la sicurezza e il viaggio. Di questo, però, parleremo nella quinta e ultima puntata del nostro “5 Cose da Sapere”. Non mancate!

PUNTATA 1 – Dallo Stile Ricomincia Tutto [ESTERNI]

PUNTATA 2 – Un Salotto Arrivato dal Futuro [INTERNI]

PUNTATA 3 – Altissima Definizione alla Guida [INFOTAINMENT]

PUNTATA 5 – Prima Guida del Futuro [TECNOLOGIE]

27th giugno, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

DS 7 Crossback: Tutte le notizie


Lascia un commento





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini