Smart Electric Night: ecco perché dovreste comprarvi un’auto elettrica

La piccola tedesca affronta la night life romana

I problemi della mobilità elettrica in Italia li conosciamo anche fin troppo bene. Mercedes, però, vuole dimostrarci che in molti casi ci sbagliamo: la Smart, cittadina per eccellenza, vuole essere l’auto ideale da avere con un motore totalmente elettrico. Hanno ragione? Abbiamo provato a scoprirlo in un’originale notte romana

Perché la mobilità elettrica fatica così tanto nel nostro Paese? I motivi sono noti e molteplici: prezzi alti a causa della richiesta ancora bassa, infrastrutture ancora insufficienti in molte zone del Paese, autonomia inaffidabile e altro ancora. Moltissime volte abbiamo sentito i costruttori ribadirci come in realtà in uno scenario come quello cittadino la mobilità elettrica potrebbe essere una realtà, ma ancora non sono riusciti a convincere il grande pubblico. Mercedes Italia, però, ha fatto un ragionamento ottimo: quale auto migliore della cittadina per eccellenza per convincerci delle potenzialità dell’elettrico?

Ecco quindi che la Smart Electric Drive, sia ForTwo che ForFour, è divenuta protagonista di una speciale iniziativa per la stampa, una Electric Night che ci ha portato a visitare la nostra bella capitale dalle 22 a mezzanotte passata, un orario che di solito non viene riservato ai test drive della stampa di settore. Un “pieno” di batteria e si parte per scoprire la città. Il marchio EQ creato dalla casa tedesca continua a spingere la sua piccolina a emissioni zero, non solo dal punto di vista delle prestazioni (quelle le conosciamo), ma soprattutto da quello dei costi. Provate a dare un’occhiata al calcolo fatto da Smart Italia qui di seguito.

Il concetto è che, se è vero che una Smart elettrica costa più di una Smart tradizionale come prezzo generale, i risparmi mensili portano ad avere un investimento per la vettura più basso di qualsiasi altra meccanica. Facendo a questo punto cadere molti dei preconcetti riguardanti le auto elettriche. Anche l’autonomia non è più un problema, dato che pochissime persone userebbero una Smart per le lunghe percorrenze e quindi i 160 km tradizionali di questo genere di auto diventano più che sufficienti per la vita di tutti i giorni.

Voi cosa ne pensate? Potrà Smart essere il cavallo di battaglia della mobilità elettrica dell’immediato futuro?

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati