Renault Talisman Sporter, il rientro francese con stile [VIDEO PROVA SU STRADA]

Sportiva e personale nel look, vuol rubare spazio anche ai SUV

di

Renault Talisman Sporter - Lussuosa e tecnologica, si propone come una vettura affascinante e versatile, a prova di famiglia e valida alternativa alle modaiole Crossover e SUV. Il ritorno alla station wagon è abbinato al retrotreno sterzante, per regalare un piacere di guida assoluto

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Renault Talisman Sporter, il rientro francese con stile [VIDEO PROVA SU STRADA]
Renault Talisman Sporter

Il rientro nel segmento D della casa francese è stato avviato proprio con il debutto della Talisman nel 2015 (qui la nostra prova su strada delle berlina), seguita a ruota dalla variante familiare (qui il nostro primo contatto dello scorso anno), fondamentale per far numeri importanti sul mercato europeo.

Il rientro è di quelli in grande stile, perché oltre ad un look accattivante, l’ammiraglia della casa della losanga mette sul piatto dimensioni importanti, con i 487 cm della Sporter (2 in più della berlina), che regalano uno spazio degno di una vettura lussuosa a chi è a bordo, grazie al passo di ben 281 cm, il tutto abbinato ad una dotazione molto buona, sia in termini di qualità che di tecnologia.

Design e Interni:  ★★★★½ 

Station, ma con eleganza e carattere

Andiamo per step e concentriamoci, come d’abitudine, prima di tutto sull’esterno. Le dimensioni della Talisman Sporter sono certamente elevate, ma ben celate dalla sapiente matita del designer che l’ha disegnata, Laurens van den Acker. La Talisman Sporter ha infatti una lunghezza di quasi 4,9 metri, ma anche 1.87 di larghezza, come la berlina, ed una altezza che è anch’essa allineata a 1.46 per le due varianti.

Quello che cambia è, ovviamente, la coda, ma non solo, dato che è stato scelto di dare più spazio a chi siede dietro, in parte a discapito del bagagliaio, come vedremo. I parafanghi muscolosi sono un elemento stilistico che regala un ulteriore tocco di sportività ad una vettura che mette in mostra le sue velleità estetiche fin dal suo muso. Gruppi ottici Full Led, con una firma luminosa molto evidente, quella “C-Shape” che è sempre più un seducente marchio di fabbrica, per le Renault più recenti. L’imponente frontale è reso poi aggressivo dalle grosse nervature che corrono lungo il cofano, mentre la coda della versione familiare è resa più sinuosa dalle accentuate curve intorno alle ruote posteriori.

Interno: Spazio in abbondanza, che cresce per i passeggeri posteriori rispetto alla berlina

Dentro, come anticipato, chi siede dietro guadagna più spazio rispetto alla berlina, con 3 centimetri in più per la testa, mentre stranamente il bagagliaio perde una trentina di litri abbondante, fermandosi a quota 572 (608 sulla berlina). Di contro guadagna una forma ed una sfruttabilità dello spazio decisamente migliori, con una soglia molto bassa, oltre ad una capacità massima a sedili abbattuti che arriva quasi a 1.700 litri, contro i poco più di mille della berlina. Chiude il quadro positivo un portellone con apertura elettrica. Chi siede dietro viaggia in un salotto di lusso, per lo spazio, che è davvero elevato, oltre che per una dotazione completa. Non mancano le bocchette dell’aria e due prese USB ed una classica accendisigari, oltre a finiture e materiali ottimi.

Quanto ai posti anteriori, la Talisman è moderna e ben studiata, mentre quasi tutto ruota intorno a quel display da 8.7” (da 7 sugli allestimenti meno ricchi) in posizione verticale che, ne siamo quasi sicuri, in futuro vedremo su vetture di altri marchi, oltre a Renault e Tesla, proprio perché simula, da alcuni punti di vista, quello del proprio cellulare, con la comodità di poter scorrere lateralmente tra i vari menù, da cui si comanda quasi tutto, non solo il sistema di infotainment R-Link 2. Questo ha portato ad una pulizia stilistica della console centrale, praticamente priva di tasti, ma ad un maggior impegno prima di individuare e memorizzare tutti i vari comandi, inclusi quelli della climatizzazione e del Multi-Sense per le varie modalità di guida.

Comportamento su Strada:  ★★★★☆ 

Retrotreno sterzante e Multi-Sense la rendono piacevole in ogni contesto

Alla guida la Talisman Sporter è piacevole, oltre che per le doti del gruppo motore-trasmisisone, anche per il grande comfort, grazie ai tanti accessori che troviamo di serie, inclusi i sedili con massaggio, oppure una vetratura ottimizzata per ridurre al minimo i fruscii aerodinamici. In piena tradizione di casa Renault, ma la Talisman, anche nella sua variante station, sfoggia una inattesa dote a ben adattarsi anche ad una guida più dinamica e sportiva. Grazie al Multi-Sense è infatti immediato il cambiamento di carattere, andando ad agire sul setting di molti parametri in modo simultaneo. Nelle modalità si guida più sportive si ottengono risposte più immediate da acceleratore e cambio, ma soprattutto da ammortizzatori e sterzo. La presenza di sospensioni di tipo attivo e delle 4 ruote sterzanti fa la differenza rispetto a gran parte della concorrenza.

Il sistema 4CONTROL consente infatti alle ruote posteriori di rendere la Talisman insospettabilmente maneggevole nelle curve a bassa velocità, dato che fino a 60 Km/h girano nel senso opposto alle anteriori, riducendo di fatto lo spazio necessario per girare, mente oltre questa soglia le 4 ruote si orientano nella medesima direzione, incrementando la stabilità. Per rendere la vettura più comodamente morbida e sorniona o più reattiva è sufficiente, come detto, utilizzare il sistema Multi-Sense, con cui passare dalla Comfort alla Sport, oppure scegliendo la Eco (questa richiamabile anche con un tasto dedicato), o la Personal, che consente di costruirsi una scelta con parametri settati ed incrociati in base alle proprie preferenze.

Motore e Prestazioni:  ★★★★☆ 

Piccolo di cilindrata, non nelle prestazioni

Sotto al cofano anche la Talisman si allinea, quasi perfettamente, ad una scelta sempre più diffusa, con una sola cubatura a disposizione, quella di 1.6 litri, per un totale di 4 varianti, due a benzina e due a gasolio, con rispettivamente 150 e 200 cavalli, mentre sono 130 o 160 per i diesel. A questi si affianca solo una variante del rinomato dCi 1.5 litri, nello step di potenza più alto, cioè 110 cavalli, entry level della gamma con circa 31 mila euro di listino. La trasmissione a doppia frizione EDC la fa da padrona, dato che solo per due delle 5 opzioni (le due a gasolio meno potenti) è disponibile il manuale a 6 rapporti. Per una vettura che punta ad alzare il blasone della casa della losanga è una scelta che condividiamo, anche perché si tratta di un ottimo cambio, se pur non velocissimo nella cambiate quando si punta alla guida più sportiva. I circa 20 Kg di peso aggiuntivo, oltre che una aerodinamica meno efficiente, si traducono in una differenza di prestazioni piuttosto contenuta tra berlina e station. Lo 0-100 viene coperto dalla Talisman Sporter infatti in 9.6 secondi, solo due decimi in più, con una velocità massima di 213 Km/h, anche qui “due” è il differenziale con il dato della più veloce Talisman berlina. Prestazioni a parte, l’accoppiata motore trasmissione è molto buona, le cambiate sono morbide e mai fastidiose, quasi difficili da avvertire per chi sta a bordo, mentre la generosa coppia, di ben 380 Nm, arriva a quota 1.750, rendendo facili i sorpassi e le riaccelerazioni, a dispetto di una cubatura piuttosto piccola rispetto alla stazza della vettura, che ricordiamo avere un peso di circa 1.540 Kg.

Consumi e Costi:  ★★★★☆ 

Parca ed efficiente, con prezzi da 31 mila ad oltre 45 mila euro

Come di consueto in chiusura diamo spazio alla parte economica, non che sia la meno importante, ma per prassi viene abitualmente lasciata alla fine. Si tratta di una chiusura in crescendo, dato che i consumi sono uno degli aspetti maggiormente positivi, sia grazie all’efficienza aerodinamica della Talisman, che infatti stacca un ottimo CX di 0.27 (nella variante berlina), che dei suoi propulsori. In particolar modo il 1.600 da noi testato ha un dato dichiarato quasi incredibile, per una vettura di questo segmento e dimensioni, con un consumo combinato di appena 4.5 l/100 Km. Dato che si traduce in un valore rilevato nella nostra prova prossimo ai 15 Km/l. La Talisman Sporter consuma qualcosa in più della berlina, nell’ordine del 5% giusto per quantificarlo, anche se il dato dichiarato è praticamente identico tra le due versioni (cambia solo nell’extraurbano, con un 4.1 l/100 Km ed un 4,3 per la Sporter). Quanto al prezzo sono 1.000 gli euro in più rispetto alla berlina, con un prezzo di ingresso di circa 31 mila euro, passando dai 34.250 della dCi 130 EDC, uno dei compromessi a nostro avviso più interessanti, arrivando alla configurazione di questo esemplare top di gamma, la Initiale Paris Energy dCi 160 EDC con i suoi 45.450 euro, che salgono a 46.650 nel nostro caso, grazie alla vernice metallizzata (700 euro) ed all’Easy Park Assist (400).

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Look, spazio a bordo, retrotreno sterzante e consumi.Cambio EDC votato soprattutto al comfort, capacità di base del bagagliaio non al top del segmento.

Renault Talisman Sporter Initiale Paris dCi 160 EDC: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Accelerazione:★★★½☆ 
Ripresa:★★★★☆ 
Cambio:★★★½☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★½☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★★½ 
Infotainment:★★★★½ 
Abitabilità:★★★★½ 
Bagagliaio:★★★★½ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★½ 
Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★★½ 
Finitura★★★★☆ 
Piacere di guida:★★★★☆ 
Consumi:★★★★☆ 

9th agosto, 2017

Tag:, , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Renault Talisman Sporter: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini