Nuova Volkswagen Polo MY 2017, completa di tutto [VIDEO TEST DRIVE]

Debuttano Active Info Display e il nuovo motore a metano

di

Ad ottobre arriverà nei concessionari l’ultima generazione della Volkswagen Polo, la sesta per essere precisi, che avevamo già scoperto lo scorso giugno a Berlino. La cinque porte del marchio tedesco si segnala ancora una volta per la sua capacità di rinnovarsi senza per questo tradire il suo passato. Se avete già apprezzato le passate versioni, vi piacerà anche questa. Con in più tanta tecnologia extra e un pizzico di sportività che non fa mai male

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Nuova Volkswagen Polo MY 2017, completa di tutto [VIDEO TEST DRIVE]
Nuova Volkswagen Polo MY 2017

Dopo la Golf, la Polo è senza alcun dubbio uno dei modelli più rappresentativi della produzione Volkswagen. Lanciata per la prima volta nel 1975, è ora giunta alla sua sesta generazione, che avevamo già avuto modo di scoprire in anteprima mondiale a Berlino lo scorso giugno. Questa nuova versione non si discosta eccessivamente dal suo passato, ma piuttosto si aggiorna e si evolve. Nessuna rivoluzione, ma una serie di correttivi molto mirati che rendono la nuova Polo più moderna, ma comunque sempre fedele a sé stessa. Se il vostro desiderio era quello di avere un’auto come la Polo, ma con le comodità delle vetture più recenti del mercato, allora questo MY 2017 merita la vostra attenzione.

La nuova Polo è ancora una volta derivata dalla piattaforma modulare trasversale MQB, che le ha permesso prima di tutto di aumentare le sue dimensioni sia in lunghezza (4.053 mm) che per quanto riguarda il passo (2.564 mm). Il tetto, in compenso, è stato sensibilmente abbassato e questo ha permesso ai tecnici tedeschi di esaltare maggiormente una certa aggressività sportiva sopita nel modello. Anche già dal muso, seppur in linea con le precedenti incarnazioni, si può percepire l’evoluzione in questo senso. Determinanti a questo proposito sono i nuovi gruppi ottici, dal design leggermente più slanciato e curato. Le luci a LED sono di serie anche sui modelli entry level e a queste vanno aggiunte anche delle “chicche” come le funzioni “Coming Home” e “Leaving Home”. Rifinito anche il design della fiancata, che può ora essere arricchito da una collezione di nuovi cerchi in lega con misure da 15 a 18 pollici. Sul posteriore si notano le forme classiche e squadrate della precedente generazione, rifinite e aggiornate per dare un tocco di modernità in più all’intero progetto. Si fa notare in questa zona soprattutto il bagagliaio, che dai 280 litri della quinta generazione passa ai 351 dell’attuale.

Lo spazio è anche una delle chiavi fondamentali di lettura dell’abitacolo interno. Nonostante l’abbassamento del tetto, la seduta è stata aggiornata e anche lo spazio per la testa è aumentato, per la gioia dei guidatori più alti. La zona del cruscotto è razionale come da tradizione, ma l’aggiunta di diversi extra colorati ne aumenta la piacevolezza senza per questo rinunciare all’organizzazione. Protagonista assoluto, come sempre, è il sistema di infotainment, che a seconda degli allestimenti può essere ordinato con misure comprese tra i 6,5 e gli 8 pollici. La vera novità, però, è l’Active Info Display, ovvero il quadro comandi completamente digitale, che debutta per la prima volta sulla Polo ed è disponibile di serie a partire dall’allestimento Highline. Se non contiamo la GTI, in arrivo a fine anno, quest’ultimo rappresenta l’allestimento top di gamma, sotto al quale troviamo la Comfortline e l’entry level Trendline, come al solito con diversi gradi di ricchezza di optional. Non ancora disponibile in Italia la versione Beats, che come potete immaginare presenterà un sistema audio speciale curato dalla casa del Dr. Dre.
Dal punto di vista dei materiali, la nuova Polo si presenta estremamente personalizzabile. Gli acquirenti potranno scegliere tra ben 11 diverse sellerie, che vanno a completare i 14 colori della carrozzeria e gli 8 del dash pad. A questo proposito non bisogna dimenticare il pacchetto estetico R-Line, di serie sulla Highline. Tra le chicche segnaliamo il sistema di ricarica a induzione per smartphone Wireless Charging, di serie sulla Comfortline.

Dal punto di vista della tecnologia di guida, la nuova Polo può vantare alcune delle ultime novità dell’ambiente. Se consideriamo la Trendline, ovvero la versione entry level, troviamo già le luci diurne a LED di cui sopra, il limitatore di velocità, il sistema anti collisione multipla e il controllo perimetrale Front Assist con funzione di frenata di emergenza e riconoscimento dei pedoni. Sul sistema di infotainment sarà installato di base il sistema Volkswagen Connect compatibile con i software MirrorLink, Apple CarPlay e Android Auto perle interfacce smartphone. A tutto questo può essere aggiunto anche il sensore Blind Sport per l’angolo cieco, l’assistente per l’uscita dal parcheggio e il cruise control adattivo.

Per quanto riguarda i motori, al momento del lancio ne saranno disponibili tre, tutti benzina a tre cilindri. I modelli di base sono gli MPI con 1.000 cc di cubatura con potenza da 65 e 75 Cv, mentre il più potente è il TSI sovralimentato da 95 Cv, il primo su cui è possibile installare anche il cambio automatico DSG a doppia frizione. Entro la fine dell’anno arriveranno anche altre motorizzazioni, compresi due diesel 1.600 TDI con potenza da 80 e da 95 Cv. I benzina invece si alzeranno con un altro TSI da 115 Cv e toccheranno la vetta con il 2.000 TSI da 200 Cv che verrà riservato per la Polo GTI. Sulla Polo infine debutterà anche il primo motore a metano della gamma: si tratta del 1.000 TGI da 90 Cv. Il cambio è di serie manuale a cinque marce (potrà essere a sei sul benzina da 115 Cv e sulla GTI), mentre il DSG a doppia frizione (sei o sette rapporti) può essere montato sulle motorizzazioni a partire da 95 Cv. Noi abbiamo potuto metterci brevemente alla guida del benzina TSI sovralimentato da 95 Cv. Si tratta di una meccanica che promette molto bene, con una buona potenza sviluppata in maniera piuttosto uniforme. Per analisi più approfondite vi rimandiamo al nostro futuro long test drive, ma la nuova Polo sembra essere esattamente quello che deve e vuole essere: una vettura moderna, pratica e che non disdegna delle buone prestazioni per la categoria.

I pre-ordini della nuova Volkswagen Polo sono già partiti e il debutto nei concessionari è programmato da ottobre, con prezzi a partire da 13.600 € (per l’MPI 1.000 da 65 Cv con allestimento Trendline).

6th settembre, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Volkswagen Polo: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini