L’Avventura Gialla: Citroen C4 Cactus in viaggio attraverso 9 paesi [FOTO]

Percorsi 17.038 km in 40 giorni con una vettura di serie

di

Citroen C4 Cactus: l'avventura gialla - Un fantastico viaggio intrapreso dalla casa francese per sfidare i propri limiti, sulle orme di una celebre impresa raggiunta nel lontano 1931 dall'Italia fino alla Cina. Ci son voluti 40 giorni, attese interminabili per i cavilli burocratici alle innumerevoli dogane e tanto spirito d'avventura per raggiungere la tumultuosa città di Pechino.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
L’Avventura Gialla: Citroen C4 Cactus in viaggio attraverso 9 paesi [FOTO]
Citroen C4 Cactus Avventura Gialla

Passano gli anni ma non lo spirito intraprendente della casa francese che mai come negli ultimi anni è riuscita a esternare tutto il coraggio e la creatività che da sempre ha contraddistinto la sua storia. L’ultima impresa da aggiungere al palmares di Citroën è rappresentata da un fantastico viaggio, anzi un’avventura attraverso alcuni dei luoghi più impervi e irraggiungibili del mondo: l’Avventura Gialla. Il viaggio ha ricalcato in larga parte il tragitto della “Crociera Gialla”, la famosa spedizione organizzata nel 1931 da Citroën per “esplorare” una parte dell’Asia e dell’Estremo Oriente, a quel tempo poco conosciuta, se non addirittura sconosciuta agli occidentali. Intrapresa al tempo con 14 cingolati e 43 uomini che impiegarono la bellezza di 10 mesi per raggiungere il mare cinese partendo dalle sponde più a est del Mar Mediterraneo. Oggi i tempi sono cambiati ed è stato necessario il semplice utilizzo di una vettura tradizionale che in soli 40 giorni è riuscita a raggiungere la città di Pechino, senza alcuna modifica particolare, guidata da due personaggi di spicco nel mondo delle avventure: Franco e Massimo Gionco.

La vettura scelta per rendere concreta questa spedizione non poteva che essere la nuova Citroen C4 Cactus PureTech 110, rigorosamente di serie e dotata del sofisticato sistema Grip Control oltre ad una speciale livrea ovviamente di colore giallo con impressa la mappa e le tappe del viaggio, per rendere riconoscibile e caratteristica la vettura. Unica eccezione erano le due ruote di scorta posizionate nel bagaglio ma logicamente adottate come misura cautelare in caso di foratura (non sono state poi necessarie). L’avventura ha permesso di evidenziare ancora una volta l’amore per le sfide e l’audacia che contraddistingue il brand Citroën da quasi cento anni oltre l’affidabilità, la robustezza e la versatilità di Citroën C4 Cactus in tutte le situazioni ambientali e stradali.

Partendo da Milano nella celebre sede di via Gattamelata, il viaggio si è articolato lungo 9 paesi, sbarcando in Grecia continuando poi attraverso Turchia, Georgia, Armenia, Azerbaijan, Kazakistan, Kirghizistan e Cina. Ogni chilometro percorso ha procurato una meravigliosa scoperta e i paesaggi più spettacolari si sono alternati a emozioni derivate da incontri con persone di varie etnie, animali esotici, villaggi e città dalle culture affascinanti. Molti gli aneddoti raccontati da Massimo Gionco (esploratore e avventuriero di famiglia, che ha condotto il viaggio) durante la conferenza stampa al quale abbiamo assistito, il quale ha speso diversi minuti per descrivere le molteplici sfaccettature che il rapporto umano può assumere a seconda del paese e delle culture con cui si entra in contatto. Modi, usanze e tradizioni così lontane e remote dalla nostra realtà, tanto da portare alcuni abitanti locali dei vari paesi a scattare svariati selfie per testimoniare il primo incontro con degli “occidentali”  e con una vettura così inusuale per i loro standard. “Unconventional” appunto è la parola con cui la casa francese ama catalogare il proprio crossover, una vettura così versatile e pratica tanto da essere perfetta per la vita urbana di una metropoli quanto il guado di un fiume o l’attraversata di uno dei deserti più temibili come il Taklamakan, situato in Cina.

Grande merito però è da attribuirsi al fantastico sistema Grip Control, il magico manettino capace di regolare e adattare l’ESP e la trazione per garantire la miglior mobilità su qualsiasi fondo, che esso sia fango, neve, acqua o strerrato. Nonostante la vettura non fosse dotata di 4 ruote motrici, grazie a questo sistema si è simulata una prestazione da vera fuoristrada, superando anche pareti con un’inclinazione di oltre il 30%, sia in salita che in discesa, senza compromettere in alcun modo la sicurezza dei passeggeri a bordo. Un optional dal modico prezzo ma davvero essenziale per chi fa della propria auto un mezzo da vivere a 360 gradi, soprattutto nei viaggi e nelle escursioni.

9th settembre, 2017

Tag:, , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Citroen C4 Cactus: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini