Salone di Francoforte, MINI John Cooper Works GP Concept: prototipo dalla natura sportiva [FOTO e VIDEO LIVE]

Ispirata al Rally di Monte Carlo. Design dallo stile dinamico

MINI John Cooper Works GP Concept  - Il marchio britannico presenta il prototipo sportivo al Salone di Francoforte, ispirato ai successi nel Rally di Monte Carlo di 50 anni fa.

Svelata qualche giorno fa in rete, la MINI ha esposto la John Cooper Works GP Concept al Salone di Francoforte: si tratta di un prototipo dalla natura sportiva, ispirato ai successi di 50 anni fa nel Rally di Monte Carlo. Dopo le concept MINI John Cooper Works GP del 2012 e la MINI Cooper S con il Kit John Cooper Works GP del 2006, prodotte entrambe in 2.000 esemplari ciascuna, ecco un’altra proposta di stile dinamico e di massima espressione di divertimento alla guida, sia in strada che in pista, da parte del marchio britannico.

Sul frontale il potere dello splitter invoca dinamismo e potenza, e nelle medesima zona compare la presa d’aria sul cofano e la griglia a nido d’ape esagonale del radiatore. Nella zona dei passaruota è impresso il numero 0059, chiaro riferimento al 1959, anno in cui nacque la Mini classica. Il posteriore è dominato dall’alettone equipaggiato coi deviatori di flusso, dai doppi terminali di scarico e alle due luci situate alle estremità laterali.

La carrozzeria adotta la tinta Black Jack Anthracite, tra il grigio e il nero, e la Curbside Red Metallic, tonalità rosso opaco. Inoltre, a rafforzare l’impatto visivo delle componenti, la tinta Highspeed Orange. Le minigonne laterali, realizzate in fibra di carbonio, donano alla carrozzeria un profilo più basso, mentre i cerchi Racetrack da 19 pollici nel classico design a raggi multipli sottolineano le aspirazioni prestazionali dello studio di design.

All’interno appaiono due sedili da corsa avvolgenti e ribassati con cinture di sicurezza a cinque punti. La roll-bar rimpiazza i sedili posteriore, mentre le palette al volante prendono il posto della leva del cambio. Tutta la strumentazione è rivolta verso il guidatore, che lo agevola nelle sue interazioni col gruppo strumenti digitali e con l’Head-Up-Display con regolazioni touch di tutti gli assetti della vettura.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati