FORD Kuga 1.5 TDCi: rinnovata all’insegna della tecnologia e del downsizing [PROVA SU STRADA]

Nuovi il "piccolo" 1.5 turbodiesel da 120 Cv e l'infotainment Sync 3 di terza generazione

di

Rinnovata nell'estetica (nuovi frontale e coda), ma soprattutto sottopelle, dove arriva il nuovo 1.5 TDCi, che in ossequio al downsizing concilia contenimento dei consumi e delle emissioni con prestazioni sempre apprezzabili, pur considerando il corpo vettura dalla mole non indifferente. Nell'abitacolo spicca invece il nuovo Sync 3, che ha consentito una bella "pulizia" della plancia, dove ci sono molti meno tasti rispetto al passato, a tutto vantaggio dell'ergonomia e della facilità d'uso.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
FORD Kuga 1.5 TDCi: rinnovata all’insegna della tecnologia e del downsizing [PROVA SU STRADA]
Ford Kuga 1.5 TDCi

Tra le prime Suv-Crossover compatte ad essere arrivate sul mercato, la “Kuga” non è certo un modello che ha bisogno di particolari presentazioni. Concreta e tecnologica, con uno stile personale ed accattivante, ha saputo ritagliarsi una fetta di mercato di riguardo in un segmento sempre più affollato. E proprio per mantenere intatto l’appeal, la seconda generazione si è recentemente regalata un restyling molto più di sostanza di quanto l’estetica non lasci immaginare. Dietro la nuova mascherina trapezoidale, in pieno stile EDGE, si celano infatti nuovi propulsori e, nell’abitacolo, il nuovo sistema d’infotainment Sync di terza generazione, totalmente rinnovato.

Design e Interni:  ★★★★☆ 

Stile deciso e mai banale. Aggiornato al più recente family feeling Ford

Come già anticipato, ad avere beneficiato di una bella rifrescata, è stato innanzitutto il frontale. La nuova mascherina, insieme fari ora più sottili ed affilati, la uniformano al family feeling delle Ford più recenti, regalandole una bella presenza su strada che, specialmente quando si parla di Suv o Crossover, non dispiace affatto. Nuovi sono anche gli stop posteriori a led, adesso più affusolati, che similmente a quanto accade sulla Focus, si estendono verso la fiancata. Lunga poco più di 450 cm, alta circa 170 cm, la Kuga, specialmente con la colorazione bianca della vettura in prova, ha il pregio di sembrare più grande di quanto non sia in realtà. Imprescindibili, con un corpo vettura del genere, delle gomme con dimensioni importanti: la vettura in prova calzava delle 235/50 R18, ma volendo sono anche disponibili i 19”.

Interno: ben fatto e con la giusta attenzione per i passeggeri, grande protagonista il Sync 3

Salendo a bordo si apprezza immediatamente la posizione di guida rialzata, che alla fine è proprio quello che gli utenti più apprezzano dei moderni crossover. Sedere più in alto, infatti, regala una migliore percezione della strada e di tutto quello che accade attorno alla vettura, a tutto beneficio di una maggiore sensazione di sicurezza. Ciò detto, la Kuga di nuova generazione si fa apprezzare per essere innanzitutto ben pensata e ben realizzata. Non sarà un abitacolo che sfocia nel lusso, ma ogni dettaglio, ogni finitura, risulta piacevole e privo di sbavature. Tutti i materiali sono morbidi, e non mancano neanche attenzioni per i passeggeri come le bocchette del clima per i sedili posteriori ed addirittura una presa di corrente da 12V, proprio come quella di casa (e non il tradizionale accendisigari). Grande protagonista, comunque, non può che essere il nuovo sistema d’infotainment Sync 3 al quale, in primis, va riconosciuto il merito di aver consentito l’eliminazione di una gran quantità di tasti in plancia. Il tutto, così, è divenuto più facile ed intuitivo. Dotato di comandi vocali, di Apple Car Play ed Android Auto, il Sync 3 si fa apprezzare per essere davvero completo, ma al tempo stesso facile ed intuitivo nel suo funzionamento, con icone grandi ed ordinate. Peccato, però, che lo schermo (ovviamente touch) sia un po’ “infossato” nella plancia, e così per raggiungerlo bisogna “allungarsi” più del dovuto. Buona invece l’abitabilità, con il divano posteriore in grado di accogliere senza particolari costrizioni anche tre adulti, mentre il bagagliaio, dalla forma regolare, vanta una capacità di 456 litri, facilmente ampliabile con il pratico sistema di ribaltamento dei sedili posteriori. Una gran comodità, infine, l’Hands Free Liftgate. Per aprire il portellone elettrico del bagagliaio basta muovere il piede proprio sotto al paraurti, ed un sensore, rilevando il movimento della gamba, procederà all’apertura ed alla chiusura del vano (immaginate l’utilità di questo accessorio quando siete carichi di buste della spesa).

Comportamento su Strada:  ★★★★☆ 

Sicura e versatile, con grandi doti da stradista

Una volta al volante della Kuga, anche con il nuovo 1.5 TDCi da 120 Cv, ciò che si apprezza maggiormente è l’equilibrio generale che la rende adatta ad ogni tipo di utilizzo. Le dimensioni non eccessive, difatti, la mettono a proprio agio anche in città, dove la vettura è peraltro in grado di parcheggiare praticamente da sola, grazie all’Active Park Assist. Ma è soprattutto sulle lunghe distanze che la Kuga fa valere le sue doti da stradista. L’assetto mai troppo cedevole, ma al tempo stesso in grado di assorbire a dovere le sconnessioni, insieme al timbro del motore sempre molto discreto, fanno scorrere leggeri i chilometri senza pesare. La guida, fuoriporta, si mantiene sempre piacevole, ed anche mantenendo un’andatura allegra, nonostante il baricentro alto, la Kuga non sembra mai impacciata. Complice la gommatura generosa, rollio e beccheggio non raggiungono mai livelli fastidiosi, mentre lo sterzo, piacevolmente pronto e preciso, contribuisce a rendere più coinvolgente l’esperienza di guida. Ad esser pignoli, però, specialmente in piena accelerazione, il comando tende a copiare un po’ le asperità dell’asfalto, mostrando qualche reazione di troppo. Tra gli optional “irrinunciabili”, consigliamo il Driver Assistance Pack, presente sulla vettura in prova, che contribuisce non poco ad innalzare il confort ed il livello di sicurezza attiva della vettura (al prezzo non proibitivo di 1.250€). Il pacchetto comprende infatti gli abbaglianti ad azionamento automatico, la frenata automatica d’emergenza, il riconoscimento dei segnali stradali, il monitoraggio dell’angolo cieco, il controllo del livello di attenzione del conducente, ed il sistema che avvisa dell’allontanamento involontario dalla corsia di marcia.

Motore e Prestazioni:  ★★★★☆ 

Il 1.5 TDCi non sfigura, pur dovendo portare “in giro” una massa non indifferente

Avendo a che fare con un corpo vettura che non è certo quello di una compatta (si parla di circa 1700 kg), la presenza di un motore di “appena” 1.5 cc sotto al cofano potrebbe forse destare qualche perplessità. Perplessità che svaniscono subito non appena percorsi i primi chilometri: il 1.5 TDCi, infatti, riesce a ben figurare, non facendo affatto rimpiangere il più grande 2.0 TDCi. Certo, non stiamo parlando di una vettura con prestazioni sportive, ma c’è sempre brio a sufficienza da non sembrare un’auto dal “fiato corto”. Ciò grazie ai 120 Cv, ma soprattutto grazie al buon valore di coppia, di 270 Nm, disponibili già dal basso, ovvero da poco sotto i 2000 giri/min. Il motore gira in accoppiata con un bel cambio manuale a 6 rapporti, che si fa apprezzare per una bella manovrabilità e degli innesti sempre precisi. La frizione, però, non è delle più leggere. Anche in un’ottica di maggiore tenuta del valore e di maggiore rivendibilità, passare alla trasmissione automatica Powershift (doppia frizione) potrebbe quindi essere un sacrificio consigliabile (l’extra costo è di 2.000€). La trazione, in abbinamento al 1.5 TDCi, è soltanto sulle ruote anteriori. Ma il corpo vettura rialzato, comunque, consente ugualmente di affrontare qualche strada bianca in allegria senza preoccupazione di far danni al sottoscocca.

Consumi e Costi:  ★★★★☆ 

Richieste di gasolio mai esose, value for money tra i migliori della categoria

I benefici del downsizing, come prevedibile, si fanno avvertire positivamente sul fronte consumi, anche se, in questo caso, il 1.5 TDCi è chiamato ad un “extra-lavoro” rispetto a quando deve portarsi dietro il corpo vettura, ad esempio, di una più leggera Focus. A fronte del dato dichiarato di 4.4 litri per 100/km nel ciclo combinato, le medie reali, nella guida di ogni giorno, si assestano su poco più di 13 km/lt nel ciclo urbano, e circa 15/16 km/lt nell’extraurbano ed in autostrada, a velocità di codice. Sul fronte del listino, invece, per una 1.5 TDCi in allestimento Titanium si parte da un’allettante cifra di 25.300€, a fronte di una dotazione di serie già abbastanza completa. Anche volendo una vettura full come l’esemplare in prova, la buona notizia è che si riesce comunque a restare al di sotto dei 30.000€, con un value for money davvero ragguardevole.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Comportamento dinamico gradevole ed equilibrato, rapporto tra prezzo/contenuti ottimo.Frizione non proprio leggera, schermo sistema infotainment un po' infossato.

Ford Kuga 1.5 TDCi: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Accelerazione:★★★½☆ 
Ripresa:★★★½☆ 
Cambio:★★★★☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★½ 
Comfort:★★★★½ 
Infotainment:★★★★½ 
Abitabilità:★★★★☆ 
Bagagliaio:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★☆ 
Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★★☆ 
Finitura★★★★½ 
Piacere di guida:★★★★☆ 
Consumi:★★★½☆ 

9th ottobre, 2017

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Ford Kuga: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini