DS Performance, come nasce una monoposto da Formula E [FOTO e VIDEO]

I segreti della sede di Versailles

di

La mobilità elettrica è ormai uno degli argomenti più importanti del mondo automotive e quindi la sempre maggiore popolarità della Formula E non ha sorpreso. Per questo motivo abbiamo voluto vederci più a fondo e siamo andati a Versailles, alle porte di Parigi, per visitare il luogo dove nascono le vetture elettriche della squadra DS Performance Virgin Racing, impegnate nel mondiale anche per la stagione 2017/2018

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
DS Performance, come nasce una monoposto da Formula E [FOTO e VIDEO]
Il prototipo DS per la stagione 2017/2018

Oggi parliamo di mobilità elettrica, ma non nel solito modo. Perché se credete che le auto a emissioni zero siano dedicate solamente al mondo della tecnologia, vi sbagliate di grosso. Sono anche performance, come DS Performance, una delle squadre impegnate nella prossima stagione del mondiale di Formula E in squadra con Virgin Racing. Per l’annata 2017/2018 si siederanno dietro al volante ancora Alex Lynn e Sam Byrd, che lo scorso anno portarono la squadra al 4° posto finale.

Una categoria la cui fama è un piena ascesa, figlia di un interesse molto importante da parte del pubblico, uno spettacolo sicuramente emozionante e piloti di provata bravura. Senza contare che, contrariamente ad altri motorsport, quasi tutte le squadre di Formula E fanno capo ad una casa automobilistica, il che rende la partecipazione e gli investimenti ancora più significativi. Come nasce quindi una monoposto da Formula E? Come viene sviluppata? A cosa bisogna fare attenzione? Vetture incredibilmente simili a quelle della classe regina Formula 1, ma al tempo stesso incredibilmente diversa. Per rispondere a queste domande e scoprire anche qualcosa di più siamo andati a Versailles, non per visitare la celebre reggia, ma per recarci alla sede sportiva di DS, dove si trovano i laboratori, tra gli altri, anche di DS Performance.

Qui lavorano in totale più di 300 persone equamente divise sui tre marchi. In questa fase della stagione, in attesa del primo ePrix che si terrà a Hong Kong nel weekend del 2-3 dicembre venturi, la squadra è presa dallo sviluppo della nuova vettura. Se telaio e batteria sono in comune a tutti I team, infatti, il motore è creato unicamente dalle case di riferimento. Abbiamo potuto anche vedere uno dei prototipi per la prossima stagione, ma ovviamente non possiamo mostrarvelo per intuibili questioni di segretezza industriale e sportiva. Detto ciò, è affascinante notare come le vetture di Formula E garantiscano agli ingegneri una libertà che in altre categorie non sarebbe possibile. Le dimensioni dell’unità sono ovviamente minori e gli ingegneri possono destreggiarsi con molta più scelta nella distribuzione dei pesi e nelle varie soluzioni tecniche, dall’alternatore trifase al cambio, composto da appena 3 marce.

Come ci ha raccontato Thomas Chevaucher, Direttore Tecnico di DS Performance, rispetto ad altre categorie le tempistiche per testare le auto di Formula E sono enormemente più ristrette. In generale, se si considera una stagione agonistica, i giorni di test finiscono per essere al massimo una quindicina in totale, anche perché una volta iniziata la stagione non si possono più provare in pista. Per questo motivo diventa fondamentale l’utilizzo di un simulatore, che potete vedere sia nelle nostre foto che nel video (abbiamo potuto anche farci un paio di giri di prova), che imita qualsiasi circuito insieme al comportamento della macchina e del volante. Una sorta di videogame, ma immensamente più profondo e impegnativo.
La Formula E è importante anche per l’industria automotive in generale – ci ha detto Chevaucher – Perché rappresentano una dimostrazione diretta dell’effetto che possono avere le auto elettriche nei centri città. La tecnologia della Formula E potrà portare alla realizzazione di componenti molto più economici per le auto di serie, rendendole maggiormente disponibili per il mercato”.

La Formula E si sta ritagliando uno spazio sempre più importante nel mondo motorsport e il prossimo 14 aprile finalmente avverrà qualcosa di storico: il primo ePrix d’Italia sulle strade di Roma! Non vorremo mica mancare, no?

12th ottobre, 2017

Tag:, , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

DS: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini