Peugeot 305 GT, dinamismo anni ’80 in salsa francese

La versione sportiva della berlina per il ceto medio

di

Nella lunga tradizione sportiva del Leone la Peugeot 305 GT occupa un ruolo importante per un modello che ha posto le basi per la concezione moderna di dinamismo e performance elevate del marchio francese.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Peugeot 305 GT, dinamismo anni ’80 in salsa francese
Peugeot 305 GT

L’appuntamento odierno con la storia di Peugeot e l’evoluzione del concetto di sportività del Leone ci porta a cavallo degli anni ’70 e ’80, un periodo nel quale nella gamma dei modelli sportivi del costruttore francese spiccava la Peugeot 305 GT.

La Peugeot 305 lanciata nel 1977, che proprio quest’anno festeggia i 40 anni dal debutto, è una berlina tre volumi di classe media che può essere considerata come l’anello di congiunzione tra il paradigma stilistico del dopoguerra con il design che ha caratterizzato la produzione più recente della Casa transalpina. La 305 porta una firma importante dato che a disegnarla fu Pininfarina, che diede forma a una vettura dalle linee semplici e classiche, con alcuni spunti stilistici derivanti dalla grande 604, ma con un aspetto complessivo meno ricercato e più dinamico.

Nel percorso d’innovazione tecnologica di Peugeot la 305 fu tra i modelli pioneristici ad offrire un elevato livello di sicurezza passiva, questo grazie ad alcune novità derivanti dal prototipo-laboratorio VSS del 1974, come il frontale e la coda collassabili in caso di urto, le protezione laterali nelle porte e il serbatoio protetto per ridurre il rischio di incendi in caso di incidente.

Al momento del debutto della Peugeot 305 il Leone proponeva due motorizzazioni benzina: 1.290 cc da 65 CV e 1.472 cc da 74 CV. Serviva però qualcosa di più spinto e brioso, una versione che potesse aggiungere sportività, dinamismo e velocità, facendo felici gli appassionati Peugeot più sensibili a performance e forti emozioni di guida.

Così nel 1981 Peugeot la 305 S, una versione più brillante e spinta della sua berlina che riproponeva il motore benzina 1.5 litri ma questa volta con una potenza maggiorata a 89 CV. La 305 S fu il preludio all’introduzione della 305 GT, la vera versione sportiva che fu una delle principali novità che Peugeot presentò nella gamma del modello con il restyling del 1982.

Sfruttando gli aggiornamenti stilistici del facelift che rinnovarono la Peugeot 305 con la nuova calandra grigia e i ritocchi su fari anteriori, paraurti, cofano motore e fanali, la 305 GT si presentò con importanti novità sotto il cofano. A garantire la spinta dinamica alla Peugeot 305 GT era il nuovo motore quattro cilindri benzina 1.6 litri in grado di sviluppare 94 CV e 135 Nm di coppia, abbinato alla trazione anteriore e al cambio manuale a 5 marce. La 305 GT offriva una velocità massima di 170 chilometri orari. Rimase in listino fino alla fine del 1986.

Durante la sua presenza Peugeot visse degli anni particolarmente fertili per la sua gamma sportiva legata alla 305. Nel 1983 infatti debuttò la versione wagon della 305 GT, ribattezzata Break, mentre nel 1984 venne presentato un altro importante tassello della sportività del Leone: la 305 GTX. La Peugeot 305 GTX fu la versione di punta della gamma 305, una vettura che spingeva le prestazioni ben oltre quanto avesse fatto fino a quel momento la 305 GT. Sulla versione GTX il Leone montò il potente motore 1.9 UX9 a benzina che erogava 105 CV e che garantiva alla vettura una velocità massima superiore ai 180 km/h. La Peugeot 305 GTX rimase in produzione fino a giugno del 1988.

Foto: Wikimedia Commons

12th ottobre, 2017

Tag:, , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Peugeot: Tutte le notizie


Lascia un commento





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini