Volkswagen T-Roc: versatilità a colori [TEST DRIVE]

A bordo della versione 2.0 TDI da 150 cavalli

di

Volkswagen T-Roc – Il nuovo crossover di dimensioni più contenute presenta uno stile giocoso e giovanile, arricchito da sistemi tecnologici e doti consistenti già notate su Golf e Polo

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Volkswagen T-Roc: versatilità a colori  [TEST DRIVE]
La nuova Volkswagen T-Roc

Dicotomia è il termine ottimale per sintetizzare l’espressività della nuova Volkswagen T-Roc. Due modi di cogliere la sua estetica. Due prospettive considerando il suo dinamismo. Pimpante sotto l’aspetto del design fuori e dentro, ma legata dal solido collante di concretezza presente su tutte le vetture marchiate dalla casa tedesca. Dunque consistente però pacata, considerando il comportamento su strada.

Le dimensioni raccordate da linee arrotondate alternate a tratti più spigolosi, offrono un’idea di spazio contenuto all’esterno, che poi diventa generoso all’interno. Un crossover come concetto e come segmento di appartenenza. Si può pensare a un Sub-C, valutando il pianale MQB similare a quello della Volkswagen Golf e ai 4,23 metri di lunghezza entro i quali sono concentrati contenuti stilistici e tecnologici pensati per affrontare il traffico urbano e andare anche oltre. Il Tiguan è leggermente più su. I fianchi compatti si estendono in larghezza per poco più di un metro e ottanta (senza calcolare gli specchi laterali), mentre l’altezza oltrepassa il metro e cinquanta. Ma funzionale è soprattutto il passo, che sfiora il due metri e sessanta. Ciò consente un’abitabilità generosa sulle sedute di entrambe le file, quindi una capacità di carico che può variare da 445 a 1.290 litri.

Al di là delle personalizzazioni permesse dalle 24 vernici esterne e la possibilità di estendere la scelta anche agli interni e ai cerchi da 17 pollici disponibili in quattro colorazioni (18 sulla più ricca Advance), nonché dalla dotazione tecnologica preziosa anche per la sicurezza che già dall’allestimento Style, ovvero quello di partenza, annovera di serie dispositivi come un Fatigue Detection, Frint Assist, Lane Assist e Adaptive Cruise Control o un sistema infotainment con schermo touch da otto pollici; è la dinamica di marcia che suggerisce una doppia interpretazione di questa vettura. Quell’accennata dicotomia di reazioni e sensazioni torna preponderante, considerando la vivacità concettuale un po’ distante dai canoni estetici della casa di Wolfsburg, con una concretezza e un pragmatismo costruttivo e meccanico allineato alle altre vetture della casa tedesca.

Ad esempio l’assemblaggio interno risulta di buon livello, ma alcune plastiche invece sembrano cozzare con la sensazione di solidità apprezzata su altri modelli, come ad esempio il Tiguan. Gli elementi lucidi oscuri poi, a differenza di quelli satinati e colorati, appaiono piuttosto sensibili. Quello che colpisce di più, però, è l’invasività del propulsore Diesel TDI di 2.0 litri da 150 cavalli nell’abitacolo. Un rumore non così fastidioso, ma persistente. Da questo punto di vista l’insonorizzazione su questa versione sembra risentirne, rispetto ad altri modelli di dimensione similare. Un appunto anche sul sistema di navigazione, che ha palesato qualche incertezza a momenti. Comunque anche in questo caso un aspetto trascurabile, data la chiarezza generale delle mappe e la possibilità di vederle direttamente sullo schermo dell’Active Info Display.
Nel complesso la fluidità di marcia associata anche alla trasmissione DSG sette rapporti della versione provata e dotata anche di trazione integrale 4MOTION, la risposta del volante e un’efficienza promettente considerati i 6.7 litri per 100 km di media a fronte del traffico (5,1 il dato indicato dalla casa ed emissioni di CO2 che variano da 135-133 g/km), delle verifiche fatte per valutare il dinamismo del modello e di un peso che supera abbondantemente il valore di una tonnellata e mezza, riequilibrano una certa pacatezza in ripresa e nei cambi di marcia, sfruttando anche i piccoli paddle al volante.
In sintesi un’auto concreta e consistente su strada, però poco adatta per coloro che cercano un’auto dal dinamismo spumeggiante (anche fuori dall’asfalto), nonostante un’accelerazione da 0 a 100 km/h coperta in 8.4 secondi e un picco massimo di 200 km/h, come indicato dal costruttore.

Inizialmente, sino alla prossima primavera, la proposta annovera oltre al Diesel anche due varianti a benzina: un compatto 1.0 Turbo tre cilindri TSI da 115 cavalli e un più corposo quattro cilindri 1.5 TSI sempre Turbo da 150 cavalli, entrambi abbinati a cambio manuale sei rapporti. Scelta che può essere fatta anche per il già citato 2.0 litri TDI da 150 cavalli. Nell’occasione non è stato possibile testare nessuna delle unità a benzina previste per l’Italia, ma quella più potente da 190 cavalli per ora non prevista, ha comunque offerto diversi spunti di riflessione, risultando apprezzabile sia dal punto di vista della risposta, che del comfort di marcia.
Tra gli aspetti in evidenza della più ricca versione Advance c’è proprio un quadro strumenti Active Info Display di seconda generazione visibile all’interno di uno schermo da 11,7 pollici, che si somma ai gruppi ottici LED, a rivestimenti in pelle e tessuto dalle tinte più sobrie, a un climatizzatore bi-zona e alla sola possibilità all’esterno di combinare il colore della carrozzeria con un tetto nero.

Le cifre partono da 22.850,00 Euro per un modello d’accesso Style dotato di unità da 1.0 litri da 115 cavalli, prezzo chiavi in mano secondo le indicazioni. Per ora non è prevista una variante a metano, mentre il prossimo anno è atteso il debutto del già noto 1.6 TDI da 115 cavalli, in evidenza sulla gamma Tiguan.
La nuova Volkswagen T-Roc coniuga, infine, una nuova interpretazione stilistica e versatile della casa assieme a contenuti che confermano una solida tradizione. Promossa, sebbene con qualche trascurabile riserva sul comfort acustico interno della versione Diesel e sullo spunto dinamico non così vulcanico di questa stessa versione. Ma considerando che si tratta di un crossover, è ampiamente giustificato.

Foto: Volkswagen

21st ottobre, 2017

Tag:, , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Volkswagen T-Roc: Tutte le notizie


Lascia un commento





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini