Peugeot 3008: da crossover a SUV, restando a prova di famiglia [PROVA SU STRADA]

La seconda generazione punta su un look più accattivante

di

Peugeot 3008 - Cambia tutto con la seconda generazione, senza rinunciare però ai comfort a bordo ed arricchendosi sul lato tecnologia. Auto dell’anno 2017, ne abbiamo provato un esemplare con il BlueHDi da 150 CV e cambio manuale, in allestimento GTLine

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Peugeot 3008: da crossover a SUV, restando a prova di famiglia [PROVA SU STRADA]
Peugeot 3008

Nata nel 2009, lo scorso anno si è rivoluzionata con la sua seconda generazione, non più Crossover ma SUV vero e proprio, anche se con la sola trazione anteriore. Farà eccezione, probabilmente a partire dal 2019, la versione ibrida, che con il motore elettrico sul retrotreno sarà l’unica a trazione integrale (sistema portato al debutto proprio dalla sua progenitrice). Una scelta, quella del cambiamento delle forme della sua carrozzeria, quasi obbligata, dato che il segmento dei C – SUV è cresciuto di 2 volte e mezzo, dal debutto della prima Peugeot 3008. Percorso che però viene intrapreso con un piglio decisamente personale e fuori dagli schemi, dato che sfidiamo chiunque a dire che quest’auto non abbia una sua spiccata personalità. La avevamo scoperta al primo contatto dello scorso anno nella versione top di gamma, la GT da 180 cavalli, ora risaliamo a bordo di un esemplare dotato del 2 litri BlueHDi da 150 CV, abbinato all’ottimo cambio manuale a 6 rapporti ed in allestimento GTLine.

Design e Interni:  ★★★★½ 

Personale e moderna, spiccatamente sportiva

Iniziamo dal frontale, reso unico e scolpito da linee tese e concetti quasi unici, o comunque un po’ fuori dagli schemi. Attenzione però, perché è si molto personale, ma riesce a convincere quasi tutti, a giudicare dagli sguardi e dagli apprezzamenti che sa strappare al pubblico. Un cofano alto e piatto nel suo sviluppo lascia spazio per una generosa maschera frontale che, tagliata lateralmente verso l’alto, le disegna quasi un sorriso sul muso, con un ampio uso di cromature ed uno sviluppo tridimensionale, grazie alla leggera forma concava.

I fari poi si intersecano con le linee tese della carrozzeria, con il paraurti che sembra allungarsi a tagliarli con due cunei, che separano i due elementi principali da cui sono formati. Nella porzione alta sono invece uniti dalla linea tratteggiata delle luci diurne a LED. Dalla calandra verso i fianchi, dove proseguono virtualmente nel profilo nero, con inserto cromato, che corre lungo il confine di passaruota e cofano.

Muscolosa e di carattere la linea della fiancata, ma forse più convenzionale del muso. Qui troviamo una vetratura che si assottiglia nella zona del passaruota posteriore, alzando ulteriormente la linea di cintura, ma anche dei bei contrasti tra la tinta della carrozzeria, le modanature cromate ed i fascioni in plastica nera, d’obbligo su un SUV. Belli i cerchi, anch’essi giocano sul contrasto tra il nero ed il metallo “grezzo”, mentre dietro torna il carattere forte della nuova Peugeot 3008.

Un lunotto basso, schiacciato dalla alta linea di cintura e delimitato inferiormente dal fascione nero lucido che unisce i gruppi ottici. Questi ultimi sono particolari, definiti nel loro look dai tre elementi luminosi verticali. Nemmeno qui si fa mancare abbondanti cromature, come quelle che disegnano lateralmente i due grossi terminali degli scarichi, nella parte inferiore del paraurti. In realtà sono solo disegnati, perché come oramai sempre più spesso viene fatto, anche per esigenze legate ai flussi aerodinamici, quelli veri sono nascosti sotto alla vettura.

Interno: Stupisce fuori, ma anche dentro

Se pensate che la 3008 voglia stupire e conquistare solo con il look esterno, salendo a bordo capirete che la rivoluzione continua anche qui. Il discusso, ma interessante, i-Cockpit viene evoluto e continua un percorso che ridefinisce il look di tutta la porzione di vettura davanti al guidatore, ma non è certamente l’unico elemento degno di nota.

Prima di addentrarci nei dettagli, non possiamo esimerci da alcuni giudizi oggettivi: la nuova Peugeot 3008 mette a disposizione molto spazio e una qualità percepita elevata. Due elementi che ne fanno una vettura molto accogliente e “calda”, sia per chi siede davanti, ma soprattutto per i tre curatissimi posti posteriori. Come dimostrano gli inserti in morbido tessuto che troviamo sui profili di plancia e portiere, che continua anche su quelle posteriori.

Troviamo poi grossi vani portaoggetti, molto generoso soprattutto quello centrale, sotto l’appoggio per il gomito, che tra l’altro è refrigerato. Sul nuovo i-Cockpit e sulla tecnologia a bordo in generale, parleremo in dettaglio in un articolo dedicato (lo trovate a questo link), ma possiamo anticiparvi che un volante piccolo e sportivo è un elemento centrale del primo, che si basa poi sulla strumentazione virtuale e personalizzabile, che il conducente può guardare da sopra al volante e non dietro, come siamo abituati a fare.

Sotto alla strumentazione, troviamo poi un profilo luminoso, che può eventualmente essere spento. Il design pulito della plancia è definito poi dalla scelta di abbinare lo schermo a comandi quasi tutti virtualizzati, lasciando ai tasti fisici solamente delle “scorciatoie”, con cui arrivare, ad esempio, ai comandi del climatizzatore, della radio o del navigatore. Sulla fila inferiore altri comandi diretti, per sbrinare il lunotto o tutta l’auto in caso di necessità, oppure aprire e chiudere le serrature. Apprezzato il comando fisico del volume, in altri casi scomparso, che a nostro avviso resta il sistema più comodo, intuitivo ed immediato per gestire il livello dell’audio.

In ultimo, ma non per importanza, parliamo del bagagliaio, con una ottima capacità che va da un minimo di 520 litri, fino a 1.482, ma ha anche la positiva caratteristica di allungarsi per far spazio ad oggetti lunghi ben 3 metri, grazie al sedile del passeggero anteriore, che può ripiegarsi a tavolino.

Comportamento su Strada:  ★★★★☆ 

Si può essere SUV anche con due sole ruote motrici

Anche in questo caso approfondiremo il tema, in un articolo dedicato, proprio per la particolarità della 3008, che è un SUV al momento non disponibile in una versione 4WD, ma che mette a disposizione alcuni accorgimenti che potrebbero trarvi d’impaccio in situazioni dove solo un fuoristrada potrebbe viaggiare altrettanto in sicurezza. Parliamo del sistema di “motricità rinforzata”, l’Advanced Grip Control, che sfrutta le ruote di trazione insieme all’ESP per alzare l’asticella in termini di motricità. Un altro importante aiuto arriva poi dall’Hill assist Descent Control (HADC), che consente di dedicarsi al solo controllo del volante, lungo una discesa impegnativa, lasciando la gestione di acceleratore e freno alla mente elettronica dell’auto, che vi porterà a valle in totale sicurezza, qualora decidiate di affidarvi a questo sistema.

Passando all’uso più stradale, che poi sarà quello più frequente della nuova Peugeot 3008, abbiamo trovato ottimo l’handling, malgrado l’altezza non delle più contenute, che può però trarre vantaggio dalla importante cura dimagrante a cui è stata sottoposta la 3008, con l’utilizzo di materiali nobili e leggeri, che ha consentito di risparmiare circa 100 kg. I meriti vanno alla sua piattaforma EMP2 del Gruppo PSA, nata nel 2013 e sempre più diffusa sui modelli di recente introduzione. Oltre alla leggerezza porta con se un piacere di guida ed una precisione e stabilità più elevati, che con il volante piccolo della 3008 ci si gode in modo quasi inatteso, magari quando si alza l’andatura e si sfrutta il tasto Sport, che agisce su vari parametri, come l’azione del servosterzo, la reattività al comando dell’acceleratore del propulsore, ma anche in modo virtuale sul sound (tramite l’amplificazione digitale che migliora l’acustica nell’abitacolo) e sull’aspetto della strumentazione, che mostra la potenza erogata, la pressione di sovralimentazione, l’accelerazione longitudinale e trasversale. A proposito di tasti, la 3008 è dotata, come da tempo avviene in casa Peugeot, del tasto Assistance, in grado di comunicare la posizione dell’auto e di effettuare una chiamata di emergenza, che parte in automatico qualora la vettura rimanga coinvolta in un incidente con esplosione degli airbag.

Motore e Prestazioni:  ★★★★☆ 

5 motorizzazioni, 2 trasmissioni e molta efficienza

Quanto al motore la 3008 può spaziare da potenze comprese tra 120 e 180 cavalli, con due unità a benzina (1.2 litri da 130 cavalli e 1.6 da 165) e 3 a gasolio, da 120, 150 e 180 cavalli. Queste ultime saranno le più gettonate in Italia, soprattutto le prime due, mentre la più potente ha il compito di soddisfare gli utenti più sportivi. Le trasmissioni sono due, un manuale a 6 rapporti e l’automatico EAT6. Le due unità più potenti sono abbinate unicamente all’automatico, il PureTech Turbo 130 ed il BlueHDI 120 da 1.6 litri consentono di scegliere, mentre curiosamente il propulsore della 3008 da noi provata, il 2 litri a gasolio da 150 cavalli è disponibile solo con il cambio manuale. Una rinuncia, quella alla comodità dell’assenza della frizione, resa più dolce da un cambio che sa farsi amare, soprattutto per gli innesti precisi e ben contrastati, ma è promosso su tutti i fronti, anche per rapportatura e leggerezza del pedale della frizione.

Il 2 litri spinge bene, a 2.000 giri arriva ad erogare il valore di coppia massima, di ben 370 Nm, ed è in grado di regalare prestazioni interessanti, con 207 Km/h di velocità massima dichiarata e appena 9.6 secondi per arrivare a 100 Km/h. Sia per prestazioni che per piacere di guida crediamo possa essere il miglior compromesso tra le unità disponibile, d’altronde “in medio stat virtus” e tra i 120 ed i 180 cavalli delle due motorizzazioni alla base ed al top di gamma, il 2 litri da 150 è proprio un mix perfetto. La cilindrata aiuta ad avere una erogazione tonda e piena, mentre la potenza è sufficiente per avere una buona dose di sportività, senza troppe rinunce e con una attenzione al costo iniziale ed a quelli di esercizio.

Consumi e Costi:  ★★★★½ 

Su l’efficienza, stabili i prezzi (se confrontati con la prima generazione)

A fine prova i consumi medi della 3008 da noi testata si sono stabilizzati intorno a 17-18 Km con un litro di gasolio, ma si può arrivare addirittura a circa 20, con una guida un po’ attenta, avvicinando quel dato dichiarato, nel ciclo combinato, di 4.4 l/100 Km. Non male per un SUV di segmento C, con una sezione frontale importante ed una motorizzazione che strizza l’occhio alle prestazioni. Certo, se ci si lascia prendere la mano si scende, ma comunque difficilmente sotto la soglia dei 15 Km/l. I meriti vanno alla leggerezza, figlia dell’adozione della piattaforma EMP2, ma anche dell’efficienza dei propulsori adottati.

I prezzi? Si parte da quota 23.650 euro, fino a spingersi a 38.900. La più abbordabile è la 3008 con motore benzina, da 130 cavalli e cilindrata di 1.2 litri, al top di gamma invece la GT con il propulsore a gasolio da 180 cavalli e cambio EAT6. Nel mezzo troviamo un secondo motore a benzina, da 1.6 litri e 165 cavalli, ma soprattutto le unità a gasolio più interessanti per il nostro mercato, il 120 e questo 150 cavalli. Il primo parte da 25.400 euro, ha cilindrata di 1.6 litri e può essere abbinato alla trasmissione automatica, con un aggravio di 1.600 euro. Il secondo è disponibile con il solo cambio manuale a 6 rapporti e va dai 29.500 euro dalla Active ai 34.100 di questa GTLine. Sono tre gli allestimenti standard: Active, Allure e Access, a cui si affiancano le due più sportive, la GTLine della nostra prova e la GT abbinata unicamente al propulsore BlueHDI 180. Peugeot è molto attenta anche alle flotte aziendali, a cui dedica un allestimento specifico, per chi faccia dell’auto uno strumento di lavoro, la Business.

Chiudiamo con uno di quegli accessori ad effetto, che Peugeot mette a disposizione di chi volesse rendere ancora più moderna la 3008. Se quando parcheggiate l’auto volete proseguire l’esperienza, ma alla guida di un mezzo ad emissioni zero, potete dotare la vostra 3008 di un innovativo monopattino elettrico, si chiama e-Kick, è un oggetto di design, oltre che un modo per muoversi comodamente e costa circa 1.200 euro. Facilmente richiudibile e alloggiabile nel bagagliaio dell’auto, dove si ricarica in circa un’ora, offre un’autonomia di 12 km, con velocità fino a 25 km/h.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Look accattivante e personale, versatilità, tecnologia.Visibilità strumentazione in luce piena.

Peugeot 3008 : la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Accelerazione:★★★★☆ 
Ripresa:★★★★☆ 
Cambio:★★★★☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★★☆ 
Infotainment:★★★★½ 
Abitabilità:★★★★½ 
Bagagliaio:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★☆ 
Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★★½ 
Finitura★★★★½ 
Piacere di guida:★★★★☆ 
Consumi:★★★★½ 

24th ottobre, 2017

Tag:, , , , , , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Peugeot 3008: Tutte le notizie


Lascia un commento





Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini