Nissan IMx Concept, nuovo crossover a zero emissioni e a guida autonoma [FOTO e VIDEO]

Ha più di 600 km d'autonomia

Nissan IMx Concept - Nissan presenta la IMx Concept, un nuovo prototipo di crossover elettrico con guida autonoma, dotato di evoluto sistema ProPilot di livello 4 ed equipaggiato con powertrain a emissioni zero da 435 CV e 700 Nm di coppia, per un autonomia complessiva di oltre 600 chilometri.

Si chiama IMx il nuovo concept misterioso annunciato da Nissan e che fa il suo debutto in anteprima al Salone di Tokyo. La Nissan IMx Concept è un crossover 100% elettrico a guida completamente autonoma, che garantisce oltre 600 chilometri d’autonomia e rappresenta la nuova concretizzazione della strategia Intelligent Mobility di Nissan.

A farla da padrone in questo nuovo concept di Nissan è la guida autonoma grazie alla presenza della nuova versione del sistema ProPilot, portato a livello 4, che consente al guidatore di godersi il comfort di viaggio. Quando si passa dalla guida manuale a quella automatica il volante rientra nelle plancia e i sedili vengono reclinati. La IMx è in grado di muoversi anche da sola senza nessuno a bordo, potendo così recarsi autonomamente alle stazioni di ricarica o all’autolavaggio.

A spingere la Nissan IMx c’è un powertrain totalmente elettrico con due motori, uno per asse, che eroga 435 CV e 700 Nm complessivi, abbinati a trazione integrale e alle batterie posizionate sotto il pavimento dell’auto. In attesa di conoscere i dati relativi a prestazioni e tempi di ricarica, Nissan fa sapere che la IMx Concept offre un’autonomia superiore ai 600 chilometri.

Relativamente al design, la Nissan IMx Concept ha forme da crossover sportivo che strizza l’occhio alla configurazione SUV-Coupé e si presenta con livrea in bianco perla e dettagli vermiglio. Le linee squadrate e la linea di cintura alta sono pensate in funzione dell’aerodinamica, mentre il frontale è caratterizzato dalla griglia V-Motion di Nissan. Si notano inoltre le inedite feritoie dietro ai parafanghi anteriori, col posteriore che propone i gruppi ottici sottili e aggressivi collocati sopra le due grandi feritoie laterali.

Gli interni del prototipo si rifanno alla tradizione giapponese che trova spazio all’interno di un abitacolo minimalista con quadro strumenti OLED e display inferiore con struttura di legno, che proiettano immagini del paesaggio dando la sensazione di trovarsi all’aperto. I sedili, che sono realizzati con stampante 3D e taglio al laser, hanno i poggiatesta che richiamano il tema dei puzzle di legno giapponesi. Notevole è l’avanzata dotazione tecnologica che offre funzionalità da gestire totalmente con i comandi gestuali e il movimento degli occhi.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati