Nuova BMW M5: in origine si pensò alla sola trazione posteriore

Ben presto le elevate prestazioni suggerirono la trazione integrale

di

Sebbene il primo concept della nuova BMW M5 fosse stato pensato con la classica trazione posteriore, la casa costruttrice bavarese decise di optare per una inedita trazione integrale per sfruttare al meglio le incredibili performance garantite dalla nuova nata.

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Nuova BMW M5: in origine si pensò alla sola trazione posteriore
BMW M5

BMW M5 Svelata pochi mesi fa e presentata ufficialmente allo scorso Salone di Francoforte, la sesta generazione dell’iconica berlina super sportiva della casa costruttrice bavarese ha letteralmente travolto con la sua potenza, col suo fascino e coi suoi sempre più elevati standard prestazionali e tecnologici i suoi tanti ammiratori.

Ispirata alla tradizione, ma rivolta al futuro la nuova BMW M5 identificata dalla sigla interna F90 ha difatti rinnovato l’essenza della potenza e l’indole alla prestazione pura propria della divisione sportiva M di BMW abbracciando per la prima volta in assoluto l’idea della trazione integrale.

Difatti, la F90 è stata la prima BMW M5 ad essere dotata di trazione integrale in virtù delle elevate prestazioni di cui è capace. Ovviamente non si tratta di una semplice trazione integrale, ma di quella che la stessa BMW non ha esitato a definire come la più coinvolgente trazione integrale nel segmento delle vetture ad alte prestazioni.”

A tal riguardo, Frank Van Meel, Presidente dell’amministrazione di BMW M, in tempi non sospetti aveva asserito: “Il sistema M xDrive è tarato in maniera tale da inviare la trazione anche alle ruote anteriori solo quando le ruote posteriori raggiungono i loro limiti di trasmissione di potenza ed è necessaria una maggiore forza di trazione. L’elemento essenziale di M xDrive è l’intelligenza centrale con software specifico M per la regolazione integrata della dinamica longitudinale e trasversale. Questa intelligenza artificiale consente di guidare la nuova BMW M5 in modo sportivo e preciso sia sul circuito che sulla strada anche in condizioni ambientali critiche.”

Prima di arrivare a definire questa tecnologia, però, BMW ha ammesso che il concept della nuova BMW M5 era tradizionale ossia era prefigurato per adottare la classica trazione posteriore. Tuttavia, ben presto, sia la potenza garantita dal V8 4.4 TwinPower Turbo in grado di erogare 600 cv di potenza e 750 Nm di coppia, e sia le elevate prestazioni raggiungibili, suggerirono di ipotizzare l’utilizzo di una trazione integrale in grado di scaricare a terra nel migliore dei modi possibili l’elevata cavalleria disponibile.

In tal senso, Dirk Hacker, Vice Presidente BMW M, ha chiosato: “La trazione posteriore era un qualcosa di naturale e consono alla tradizione della BMW M5. Almeno fino a quando non abbiamo capito che questa soluzione era inadatta ai limiti prestazionali raggiunti dalla nuova vettura. A quel punto una specifica trazione integrale era l’unica soluzione possibile.”

16th novembre, 2017

Tag:, , , , , , ,

Iscriviti al Canale YouTube:

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

BMW M5: Tutte le notizie


Lascia un commento





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Listino Auto Nuove: Modelli più cliccati
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini