Subaru Viziv Performance Concept: il look che anticipa la prossima WRX STI

Look audace e ricercato, ma non arriverà mai nei nostri mercati

Subaru Viziv Performance Concept - Un concepì presentato al salone di Tokyo, che ha recentemente ricevuto il via libera da parte del capo design, dopo qualche mese di ponderazioni. Tanto particolare e attesa che però non vedrà mai il nostro mercato, perché la produzione della WRX STI si interromperò nel 2018 per il mercato europeo.
Subaru Viziv Performance Concept: il look che anticipa la prossima WRX STI

Secondo quanto direttamente affermato da Subaru, la prossima WRX STI avrà molto in comune con il design della particolare Viziv Performance Concept che era stata presentata un paio di mesi fa al salone di Tokyo. Il capo designer Mamoru Ishii ha affermato che i pareri particolarmente positivi a seguito della presentazione della concept hanno spinto il team di sviluppo a considerare l’ipotesi di progettare una vettura prettamente vicina ad essa.

E’ una macchina che racchiude molte aspettative sia dalla nostra fidata clientela sia dagli appassionati di questo genere di auto, e il design racchiude alla perfezione questo senso di libertà e vivacità che spesso accompagna i nostri fan. Siamo certi che questo concept ci porterà sulla strada giusta […] Sappiamo cosa chiedono i nostri clienti e che esigenze possano avere, per questo pensiamo di rimanere il più fedeli possibile al puro stile di guida, scartando tutte quelle tecnologie che si pongono da filtro tra l’uomo e la macchina“, dichiara il capo designer.

La nuova WRX STI approderà non prima del 2020, adottando una piattaforma comune a tutto il brand Subaru, perfezionata e irrigidita per assecondare le prestazioni della vettura. Tuttavia, per noi del vecchio continente, rimarrà solamente un bel miraggio dato che, come precedentemente affermato dal CEO di Subaru Deutschland, Christian Amenda, la vettura non giungerà mai nei nostri mercati, a causa delle normative antinquinamento troppo rigide. I numeri di questa vettura non giustificavano lo sforzo per ridimensionare i progetti dei propulsori e quindi dopo 17 anni di onorato servizio, una così importante icona delle vetture sportive ci abbandona.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati