Pedaggio autostradale non pagato per 79 volte: il giudice lo assolve

Non c'è la certezza che al guida del suo furgone ci fosse lui

Pedaggio autostradale non pagato - Un artigiano di Monza, accusato di insolvenza fraudolenta per non aver pagato il pedaggio autostradale per 79 volte sulla A26, per un ammontare di 1.461 euro, è stato assolto dal giudice del tribunale di Verbania perché non è stata provata la certezza che al volante del mezzo di sua proprietà ci fosse lui.
Pedaggio autostradale non pagato per 79 volte: il giudice lo assolve

Per 79 volte è passato dal casello autostradale senza pagare il pedaggio dovuto, ma nonostante questo il giudice del tribunale di Verbania lo ha assolto.

Il protagonista della vicenda è un artigiano della provincia di Monza, accusato di insolvenza fraudolenta, ma che non è stato condannato perché non mancanza di certezza che alla guida del furgone artefice dei passaggi “a scrocco” ci fosse lui.

Il giudice ha avuto modo di vedere tutta la documentazione, con tanto di immagini riprese dalle telecamere di servizio, dei numerosi passaggi al casello Lago Maggiore della A26 effettuati senza pagare, per una cifra complessiva di 1.461 euro, dal furgone di cui è proprietario l’artigiano lombardo.

Nonostante però la puntuale documentazione fornita dalla Società Autostrade, parte civile nel processo, il giudice ha assolto l’uomo accusato perché non è stata ottenuta la prova del fatto che al volante ci fosse proprio il proprietario del mezzo.

Leggi altri articoli in Circolazione stradale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati