Dodge Challenger SRT Demon, top speed di 326 km/h [VIDEO]

Velocità raggiunta utilizzando delle gomme differenti da quelle di serie

La Dodge Challenger SRT Demon ha raggiunto la top speed di 326 km/h, la differenza rispetto alle velocità raggiunte in precedenza è stata fatta principalmente dal treno di gomme Pirelli P Zero.
Dodge Challenger SRT Demon, top speed di 326 km/h [VIDEO]

La Dodge Challenger SRT Demon è uno dei veicoli stradali più potenti mai creati e sembra che alcune semplici modifiche possano consentire all’auto di raggiungere velocità superiori ai 320 km/h.
Parlando con la testata Jalopnik, Johnny Böhmer che si è occupato del test, ha dichiarato che l’auto non è limitata elettronicamente e che le gomme da gara Nitto NT05R per la sicurezza stradale sono ciò che la limitano. Durante i test su una pista lunga 3,7 km nei suoi terreni di prova in Florida, Böhmer è stato in grado di raggiungere velocità fino a 289 km/h sui pneumatici di serie.

Böhmer poi ha scambiato le gomme standard per un set di Pirelli P Zero ed è stato in grado di raggiungere una velocità massima di 326 km/h. Ciò sembra senz’altro possibile in quanto Dodge afferma che la Challenger SRT Hellcat ha una velocità massima di 320 km/h.

La SRT Challenger Demon ha un motore V8 sovralimentato da 6,2 litri che produce 808 CV e 972 Nm di coppia. Tuttavia, questa particolare vettura era equipaggiata con il Demon Crate che include un nuovo modulo di controllo del powertrain che è stato calibrato per il carburante senza piombo ad alto numero di ottani. Ciò consente al motore di produrre la sua piena potenza di 852 CV.

Il motore è collegato ad una trasmissione automatica ad otto rapporti e consente all’auto di accelerare da 0 a 100 km/h in soli 2,3 secondi. Al momento del lancio, la Demon è stata il “veicolo di produzione  più veloce del mondo sul quarto di miglio” con un tempo trascorso di 9,65 secondi a toccando i 225 km/h. Ricordiamo che il famoso quarto di miglio, corrisponde a 402 metri.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati