Dolore alla spalla in auto: consigli e rimedi

Gli esercizi e i consigli per impedire il riacutizzarsi del fastidio

I dolori alla spalla sono spesso dovuti a lesioni della cuffia dei rotatori o calcificazioni dei tendini. E dato che alla guida il fastidio può anche aumentare, vediamo come limitarlo
Dolore alla spalla in auto: consigli e rimedi

Avere una spalla che fa male è parecchio fastidioso: di giorno il dolore ci impedisce movimenti comuni come infilarsi la giacca o prendere il barattolo del caffè in cucina. E di notte è anche peggio, perché il male si acutizza quando ci mettiamo a letto e non ci fa chiudere occhio.

Ma come si fa a guidare l’auto con il dolore alla spalla? Sarebbe meglio evitare, ma a volte la macchina va presa per forza. Per cui vediamo alcuni consigli e rimedi per impedire il riacutizzarsi del fastidio quando siamo alla guida.

 

Male alla spalla: i casi più comuni

La spalla è una regione del tronco importantissima, in quanto sede di molte articolazioni (su tutte l’articolazione gleno-omerale, che collega la scapola all’omero) e di numerosi muscoli. E’ qui che si incontrano tre importanti ossa quali la clavicola, la scapola e l’omero. Le articolazioni e i muscoli della spalla consentono di eseguire un’ampia varietà di gesti, ma possono anche subìre diversi tipi di infortuni come fratture ossee, lussazioni dell’articolazione gleno-omerale e lesioni a carico dei tendini muscolari.
Nella maggioranza dei casi a essere colpiti sono proprio i tendini. Molto frequente è infatti la lesione della cuffia dei rotatori, vale a dire l’insieme dei tre tendini che copre (proprio come una cuffia) la testa dell’omero. Spesso avviene anche la calcificazione dei tendini stessi. Questo perché i tendini sono come un calzino che continua a sfregare tra calcagno e scarpa: negli anni si consuma, poi si buca. Se la rottura è limitata i tendini vengono ricuciti in artroscopia, altrimenti si ricorre alla chirurgia. Per quanto riguarda le calcificazioni, che sono piccole isole di calcio dentro la struttura dei tendini, se sono vaste si interviene con le onde d’urto, altrimenti si ricorre ad artroscopia.

 

Dolore alla spalla in auto: come diminuire il fastidio

Ovviamente, se in auto evitiamo alcuni movimenti, il dolore alla spalla non si riacutizzerà. Ad esempio, quando entrate e uscite dal veicolo posizionate il bacino sul sedile prima delle gambe ed estendete lo spazio di scorrimento dei sedili prima di accedere nell’abitacolo e prima di abbandonarlo. Anche le retromarce possono essere fastidiose, in quanto dobbiamo ruotare la testa e sottoporre a stress la parte dolorante. Qui può aiutarvi la telecamera posteriore (se ce l’avete), che invia le immagini allo schermo davanti a voi premettendovi di fare manovra senza tensione muscolare.

Inutile dire che sarebbe meglio non fare sforzi. Quindi non andate al supermercato a farvi scorte per un mese per poi caricarle nel baule dell’auto. Se proprio siete costretti a sollevare pesi, fatelo almeno con la schiena dritta e le gambe flesse. Nel caso abbiate uno zaino o altre valigie, equilibrate il peso su entrambe le spalle in modo da farle lavorare tutte e due (anche quella sana infatti, se troppo sollecitata rischia di infiammarsi). Durante il viaggio fate anche una pausa di 5-10 minuti ogni 2 ore circa, condita magari da una passeggiata per sgranchire un po’ tutte le articolazioni.

Esistono poi molti esercizi che pian piano fanno diminuire il dolore, come appoggiare il braccio sano sul tavolo e dondolare quello dolorante come fosse un pendolo. Oppure tracciare dei cerchi, gradualmente più ampi, in un senso e nell’altro. Oppure ancora mettersi a circa 50 centimetri da un muro e far “camminare” le dita della mano del braccio malato verso l’alto, fino a quando il dolore lo consente. Si mantiene la posizione per 5 secondi e poi si fa camminare la mano verso il basso. Infine sedersi o sdraiarsi impugnando un bastone con entrambe le mani, alzando il bastone al di sopra della testa o più in alto possibile.

Leggi altri articoli in Guide e utilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati