Noleggio auto all’estero: rischi e consigli per evitare problemi

Documenti, permessi e assicurazione: cosa bisogna conoscere

Il noleggio auto è un settore in crescita e molti italiani ne usufruiscono anche all'estero. Ma fuori dall'Italia le cose cambiano
Noleggio auto all’estero: rischi e consigli per evitare problemi

Da diversi anni gli automobilisti italiani sono sempre più convinti dal noleggio auto e non lo disdegnano nemmeno all’estero. Tuttavia fuori dall’Italia le cose cambiano, sia sul fronte dei costi, sia per quanto riguarda i documenti necessari per condurre un veicolo.

Nelle prossime righe vedremo come funziona il noleggio auto all’estero e come evitare problemi nel caso, durante un viaggio, vogliate noleggiare un’auto.

 

Documenti per viaggiare all’estero

Iniziamo dalla burocrazia e dai documenti necessari per guidare all’estero. Se rimanete nel perimetro dell’Unione Europea non ci sono problemi, poiché vi basta la patente di guida italiana. La maggior parte dei Paesi extra-europei richiede però il permesso internazionale di guida (o patente internazionale di guida). Questo permesso si divide nei modelli “Convenzione di Ginevra 1949” (con validità pari a 1 anno) e “Convenzione di Vienna” (con validità pari a 3 anni) e per richiederlo bisogna presentare:

  • domanda su modello TT746 (da compilare la sezione “altre richieste”), disponibile allo sportello dell’ufficio oppure online sul Portale dell’Automobilista;
  • attestazione del versamento di 10,20 euro sul c/c 9001 (bollettino prestampato in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici della Motorizzazione Civile);
  • attestazione del versamento di 16,00 euro sul c/c 4028 (bollettino prestampato in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici della Motorizzazione Civile);
  • marca da bollo da 16,00 euro;
  • due fotografie uguali, formato tessera, di cui una autenticata;
  • fotocopia fronte-retro della patente di guida in corso di validità.

Inoltre, al momento della consegna del documento occorre presentare in visione la patente di guida in corso di validità.

 

Noleggio auto estero: i consigli per non sbagliare

Per il noleggio auto estero specificate bene se volete una vettura a chilometraggio illimitato oppure no. In genere questo servizio è incluso nel prezzo, ma alcune compagnie offrono pacchetti solo per un tot di km. In quest’ultimo caso, se avete percorso diversi km dovrete poi pagare un prezzo superiore a quello che avevate preventivato. Cercate anche di riportare indietro l’auto con il serbatoio pieno, in modo da non pagare il costo supplementare del servizio di rifornimento carburante alla società.

Sul discorso assicurazione auto, generalmente la vettura che noleggerete sarà sempre coperta da tutte le assicurazioni di base, ma queste ultime potrebbero variare notevolmente da Stato a Stato.

In genere, nel prezzo base sono compresi tre tipologie di assicurazione:

  • Collision Damage Waiver (CDW), limitazione di responsabilità per i danni al veicolo;
  • Third Party Insurance (TPI), copertura contro terzi;
  • Theft Waiver (TW), copertura contro il furto del veicolo.

Importantissimo è poi il rispetto del codice stradale locale. In molte parti del mondo si viaggia infatti nella corsia destra, ma i Paesi del Regno Unito obbligano a tenere la sinistra, così come l’Australia, il Giappone, l’India e molti Stati dell’Africa Sud-Orientale e dei Caraibi. Informatevi anche sulla viabilità, poiché in alcuni Stati la rete stradale e autostradale potrebbe non essere di ottima qualità. E non sottovalutate le lingue. A volte basta conoscere l’inglese, ma ci sono Stati (come ad esempio il Giappone) dove trovare una cartina stradale o un navigatore satellitare in inglese è molto difficile.

Se viaggiate in alcuni Paesi europei (ad esempio Austria, Slovenia e Svizzera) munitevi dei contrassegni di pedaggio, noti anche con l’appellativo di “vignette”. In ogni caso, per sapere quali documenti sono necessari per viaggiare all’estero in auto basta consultare il sito www.viaggiaresicuri.it del Ministero degli Esteri, cliccando sugli Stati presenti sulla mappa e visitando la sezione “Mobilità”.

Leggi altri articoli in Guide e utilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati