Noleggio auto: polizze e cavilli per evitare problemi

Fate attenzione alle franchigie e non noleggiate se siete giovani

Il noleggio auto è una pratica diffusa, ma non sempre si fa attenzione a quello che c'è scritto nelle polizze. Ecco cosa c'è da sapere
Noleggio auto: polizze e cavilli per evitare problemi

Numeri da record per il noleggio auto in Italia. Stando alle rilevazioni di Aniasa (l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici), il 2017 è stato il quarto anno consecutivo con il segno più e una cifra mai raggiunta in passato in termini di immatricolazioni: quasi 433mila, con una crescita del +18,2% rispetto al 2016.

Appurato che agli italiani noleggiare un’auto piace eccome, c’è anche da dire che a volte non si presta la dovuta attenzione ai cavilli contenuti nei contratti. In parole povere, quali sono i rischi maggiori nel noleggio auto? Leggete attentamente le prossime righe, dove cercheremo di rispondere alle principali domande sul tema.

 

Come noleggiare un’auto

Partiamo dagli aspetti burocratici. Chi desidera noleggiare un’auto deve dimostrare di poter sostenere la spesa e ha l’obbligo di presentare una documentazione piuttosto corposa, che consiste in:

  • CUD;
  • ultime due buste paga con contratto a tempo indeterminato;
  • copia documento di identità e copia del codice fiscale;
  • coordinate bancarie (IBAN);
  • modulo privacy con firma;
  • copia dell’offerta firmata.

In genere ai privati viene sempre richiesta la busta paga (o la pensione se si è pensionati). In alternativa, bisogna comunque dimostrare di avere un reddito congruo alla vettura richiesta. Per quanto riguarda le aziende, il documento principale è il bilancio annuale. Una volta presentata la documentazione necessaria, la società di noleggio auto acquista per conto del cliente la vettura richiesta direttamente dalla casa ed effettua la consegna entro 20 giorni lavorativi dall’ordine. L’auto noleggiata può essere guidata dal cliente, dai suoi familiari e da chiunque sia stato autorizzato in forma scritta da colui che ha sottoscritto il contratto. Mensilmente va corrisposto un canone, che è sempre fisso e varia a seconda dell’auto scelta, dall’equipaggiamento e dai servizi richiesti. I servizi offerti dipendono dal contratto: assicurazione e assistenza stradale sono sempre garantite, ma c’è anche la possibilità di avere una vettura sostitutiva in caso di necessità. Le modalità di pagamento sono il RID e il bonifico bancario, mentre non è accettata la carta di credito.

 

Rischi noleggio auto, quali sono e come evitarli

Attenzione, non tutti possono noleggiare un’auto. Molte compagnie richiedono almeno i 21 anni compiuti o il conseguimento della patente da almeno 12 mesi. Ricordiamo poi che sebbene i servizi coprano la maggior parte degli inconvenienti, il responsabile della vettura è sempre il cliente. Ad esempio, chi prende una multa con l’auto a noleggio deve pagarla, così come in caso di incidente con torto bisogna pagare al massimo fino alla quota della franchigia RCA e/o Kasco presente nel contratto.

In caso di furto invece, la prima cosa da fare è denunciare alle autorità e trasmettere una copia della denuncia al servizio clienti della società di noleggio. Dopodiché bisogna aspettare 30 giorni e, se il veicolo viene ritrovato durante quel lasso di tempo, la società di noleggio provvede a ripristinarlo e a riconsegnarlo per proseguire regolarmente con il contratto. Viceversa, se entro 30 giorni l’auto non viene ritrovata, la società chiude d’ufficio il contratto e bisogna pagare la penale per il furto. Questo perché l’auto era sì assicurata contro i furti, ma con la presenza di una franchigia. L’importo di quest’ultima varia da società a società e a seconda del modello dell’auto (per un’utilitaria si paga poco, per una berlina di più e così via). Tuttavia, pagando un supplemento giornaliero è possibile eliminare la franchigia, anche se non tutte le compagnie offrono questa possibilità. Il consiglio è fare attenzione a cosa c’è scritto nelle polizze (soprattutto per quanto riguarda le franchigie) e di assicurarsi di avere credito sufficiente. Questo perché l’importo della franchigia viene bloccato sulla carta di credito e se per caso non ci sono abbastanza soldi per garantire il deposito, potrebbero nascere dei problemi.

Occhio anche ai costi aggiuntivi (non è detto che la compagnia più conveniente in fase iniziale lo sia anche dopo che si acquistano le coperture aggiuntive) e a quelli superflui (non noleggiate auto di lusso se non ne avete bisogno e non aggiungete un secondo guidatore se la macchina la usate solo voi). In sintesi, confrontate più preventivi online e scegliete le proposte più vantaggiose. Se avete problemi, contattate via mail la società di noleggio. E non noleggiate se siete giovani, perché vi faranno pagare dei supplementi rispetto alle tariffe standard.

Leggi altri articoli in Guide e utilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Noleggio auto: polizze e cavilli per evitare problemi

Fate attenzione alle franchigie e non noleggiate se siete giovani

di 12 marzo, 2018
Il noleggio auto è una pratica diffusa, ma non sempre si fa attenzione a quello che c'è scritto nelle polizze. Ecco cosa c'è da sapere
Noleggio auto: polizze e cavilli per evitare problemi

Numeri da record per il noleggio auto in Italia. Stando alle rilevazioni di Aniasa (l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici), il 2017 è stato il quarto anno consecutivo con il segno più e una cifra mai raggiunta in passato in termini di immatricolazioni: quasi 433mila, con una crescita del +18,2% rispetto al 2016.

Appurato che agli italiani noleggiare un’auto piace eccome, c’è anche da dire che a volte non si presta la dovuta attenzione ai cavilli contenuti nei contratti. In parole povere, quali sono i rischi maggiori nel noleggio auto? Leggete attentamente le prossime righe, dove cercheremo di rispondere alle principali domande sul tema.

 

Come noleggiare un’auto

Partiamo dagli aspetti burocratici. Chi desidera noleggiare un’auto deve dimostrare di poter sostenere la spesa e ha l’obbligo di presentare una documentazione piuttosto corposa, che consiste in:

  • CUD;
  • ultime due buste paga con contratto a tempo indeterminato;
  • copia documento di identità e copia del codice fiscale;
  • coordinate bancarie (IBAN);
  • modulo privacy con firma;
  • copia dell’offerta firmata.

In genere ai privati viene sempre richiesta la busta paga (o la pensione se si è pensionati). In alternativa, bisogna comunque dimostrare di avere un reddito congruo alla vettura richiesta. Per quanto riguarda le aziende, il documento principale è il bilancio annuale. Una volta presentata la documentazione necessaria, la società di noleggio auto acquista per conto del cliente la vettura richiesta direttamente dalla casa ed effettua la consegna entro 20 giorni lavorativi dall’ordine. L’auto noleggiata può essere guidata dal cliente, dai suoi familiari e da chiunque sia stato autorizzato in forma scritta da colui che ha sottoscritto il contratto. Mensilmente va corrisposto un canone, che è sempre fisso e varia a seconda dell’auto scelta, dall’equipaggiamento e dai servizi richiesti. I servizi offerti dipendono dal contratto: assicurazione e assistenza stradale sono sempre garantite, ma c’è anche la possibilità di avere una vettura sostitutiva in caso di necessità. Le modalità di pagamento sono il RID e il bonifico bancario, mentre non è accettata la carta di credito.

 

Rischi noleggio auto, quali sono e come evitarli

Attenzione, non tutti possono noleggiare un’auto. Molte compagnie richiedono almeno i 21 anni compiuti o il conseguimento della patente da almeno 12 mesi. Ricordiamo poi che sebbene i servizi coprano la maggior parte degli inconvenienti, il responsabile della vettura è sempre il cliente. Ad esempio, chi prende una multa con l’auto a noleggio deve pagarla, così come in caso di incidente con torto bisogna pagare al massimo fino alla quota della franchigia RCA e/o Kasco presente nel contratto.

In caso di furto invece, la prima cosa da fare è denunciare alle autorità e trasmettere una copia della denuncia al servizio clienti della società di noleggio. Dopodiché bisogna aspettare 30 giorni e, se il veicolo viene ritrovato durante quel lasso di tempo, la società di noleggio provvede a ripristinarlo e a riconsegnarlo per proseguire regolarmente con il contratto. Viceversa, se entro 30 giorni l’auto non viene ritrovata, la società chiude d’ufficio il contratto e bisogna pagare la penale per il furto. Questo perché l’auto era sì assicurata contro i furti, ma con la presenza di una franchigia. L’importo di quest’ultima varia da società a società e a seconda del modello dell’auto (per un’utilitaria si paga poco, per una berlina di più e così via). Tuttavia, pagando un supplemento giornaliero è possibile eliminare la franchigia, anche se non tutte le compagnie offrono questa possibilità. Il consiglio è fare attenzione a cosa c’è scritto nelle polizze (soprattutto per quanto riguarda le franchigie) e di assicurarsi di avere credito sufficiente. Questo perché l’importo della franchigia viene bloccato sulla carta di credito e se per caso non ci sono abbastanza soldi per garantire il deposito, potrebbero nascere dei problemi.

Occhio anche ai costi aggiuntivi (non è detto che la compagnia più conveniente in fase iniziale lo sia anche dopo che si acquistano le coperture aggiuntive) e a quelli superflui (non noleggiate auto di lusso se non ne avete bisogno e non aggiungete un secondo guidatore se la macchina la usate solo voi). In sintesi, confrontate più preventivi online e scegliete le proposte più vantaggiose. Se avete problemi, contattate via mail la società di noleggio. E non noleggiate se siete giovani, perché vi faranno pagare dei supplementi rispetto alle tariffe standard.

http://www.motorionline.com/2018/03/12/noleggio-auto-come-evitare-problemi/