Alfa Romeo Disco Volante seduce il Concorso d’eleganza di Kyoto

Affiancata in Giappone dalla Giulia Quadrifoglio

Alfa Romeo Disco Volante - Alfa Romeo porta la tradizione del passato e del presente del Biscione al Concorso d'eleganza di Kyoto, in Giappone, dove espone l'intramontabile e iconico prototipo Disco Volante e la moderna Giulia Quadrifoglio.
Alfa Romeo Disco Volante seduce il Concorso d’eleganza di Kyoto

Al Concorso d’eleganza di Kyoto, in Giappone, che si terrà dal 29 marzo al 3 aprile prossimo FCA Heritage e Alfa Romeo saranno presenti con due vetture che rappresentano la tradizione stilistica del passato e del presente del Biscione: la 1900 C52 Coupé, conosciuta dai più come Disco Volante, e la moderna Giulia Quadrifoglio

Nel suggestivo seicentesco Castello Nijo di Kyoto che ospiterà il Concorso d’eleganza i visitatori potranno dunque apprezzare da vicino l’Alfa Romeo 1900 C52 Coupé, comunemente chiamata Disco Volante. La vettura, custodita dal Museo Storico Alfa Romeo, sarà esposta fuori concorso come ospite d’onore della rassegna dedicata alle Carrozzerie Touring.

L’Alfa Romeo Disco Volante è un prototipo che il marchio di Arese realizzò tra il 1952 e il 1953. Progettata da Gioacchino Colombo sulla base della 1900 Sprint, la Disco Volante, a differenza della vettura di normale produzione, è basata su un telaio tubolare a traliccio, mentre il bialbero da 1997 cm3 fu completamente riprogettato con monoblocco e testa in lega leggera, distribuzione bialbero e alimentazione singola. Dotata di 158 CV di potenza, la vettura era in grado di raggiungere una velocità massima di oltre 220 km/h. Esteticamente è dotata di una carrozzeria futuristica che la fa somigliare a una sorta di astronave per via dei parafanghi che coprono le ruote, bombati lateralmente e raccordati alla linea bassa. Di questa vettura Alfa Romeo ne produsse solo cinque esemplari: una spider, una coupé, una versione “fianchi stretti” e due spider con meccanica 6C 3000.

Accanto alla Disco Volante, al Concorso d’eleganza di Kyoto farà bella mostra anche l’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, portabandiera dell’ambizioso presente del marchio italiano che si è rilanciato combinando le qualità vincenti della tradizione stilistica e meccanica del Biscione.

Ricordiamo che la nuova Giulia Quadrifoglio, realizzata con componenti ultra-leggeri come la fibra di carbonio per albero di trasmissione, cofano e tetto o l’alluminio per motore, freni, sospensioni, porte e parafanghi, esalta il peso contenuto con la potenza del motore V6 benzina biturbo da 2.9 litri che eroga 510 CV e 600 Nm di coppia massima. La versione più performante della nuova Giulia è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi, raggiungendo una velocità di punta di 307 km/h.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati