Speciale Guida Autonoma: i sistemi di Peugeot, Citroën e DS [INTERVISTA VIDEO]

A che punto siamo e a cosa miriamo

Peugeot, DS e Citroën hanno negli ultimi anni prodotto numerose auto dotate di ADAS, ovvero quei sistemi di aiuto che di solito riassumiamo all’interno del concetto di “guida autonoma” e che oggi sono sotto la luce dei riflettori. Abbiamo cercato di capire qualcosa di più dalla voce di chi li produce e li perfeziona
Speciale Guida Autonoma: i sistemi di Peugeot, Citroën e DS [INTERVISTA VIDEO]

La guida autonoma è senza alcun dubbio uno degli argomenti all’ordine del giorno nel mondo automotive. A volte anche per ragioni non certo lusinghiere, come il recente incidente che in Arizona è purtroppo costata la vita ad una ciclista. Sarebbe però estremamente sbagliato attaccare senza distinzioni la guida autonoma, in quanto si tratta non semplicemente della fantascientifica auto “che si guida da sola”, bensì di un complesso e raffinato insieme di sistemi di sicurezza che di vite invece potrebbero salvarne parecchie.

Il Gruppo PSA, in questo senso, ha investito molto nello sviluppo delle tecnologie di guida autonoma, in inglese ADAS (Autonomous Driver Assistance Systems). Il programma interno del colosso francese a sua volta è riassunto nell’acronimo AVA (Autonomous Vehicle for All), ovvero “Veicoli Autonomi per Tutti”, in quanto una tecnologia diventa davvero utile solamente se diffusa e disponibile su vetture effettivamente acquistabili e non solo sulle supercar più ricche. Tutti i tre marchi del gruppo, e presto anche la neo entrata Opel, possono contare su alcuni di questi sistemi. Il servizio di correzione del volante per il mantenimento della corsia, per esempio, si trova anche tra gli optional della Citroën C4 Picasso. Non stiamo quindi scomodando solamente le vetture di recente uscita, per quanto queste per forza di cose siano più aggiornate. Il marchio DS, addirittura, è arrivato a proporre un sistema di dodici sensori posti intorno all’auto in grado di leggere le condizioni del manto stradale e di adeguare la rigidità delle sospensioni a seconda di ciò che vedono davanti. In tutte le Peugeot, infine, troviamo il cruise control, spesso adattivo, che in diversi modelli arriva addirittura a frenare e accelerare autonomamente quando ci troviamo imbottigliati nel traffico. Nessuno di questi sistemi, però, può prescindere dall’attenzione umana e anche le correzioni del volante possono essere controllate dal conducente. I computer non hanno in mano la nostra vita.

Per schiarirci le idee abbiamo approfittato di uno speciale incontro tecnico nella sede italiana del Gruppo PSA e abbiamo realizzato una doppia intervista a Marco Freschi, Responsabile Comunicazione Corporate del gruppo francese, e Roberto Paganini, Responsabile della Formazione Tecnica. È una doppia chiacchierata davvero interessante, che vi congiliamo di non perdere. Buona visione.

Leggi altri articoli in Guida autonoma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati