Toyota Sora: il primo bus ad idrogeno [FOTO]

L'obiettivo è venderne oltre 100 per le Olimpiadi di Tokyo 2020

Toyota Sora - Il primo autobus a celle di combustibile è in vendita in Giappone e la casa giapponese punta a venderne oltre 100, in particolare a Tokyo, per le prossime olimpiadi estive del 2020. Un design particolare e tanto spazio alla sicurezza, può utilizzato come generatore elettrico in caso di emergenza.

Il primo autobus a celle di combustibile in Giappone è realtà. Dopo aver presentato la versione concept qualche mese fa, ora sono iniziate le vendite di Toyota Sora. Il nome è un acronimo di Sky Ocean River Air, cioè la rappresentazione del ciclo dell’acqua della terra, e l’obiettivo del marchio giapponese è introdurre oltre 100 autobus ad idrogeno entro il 2020, in particolare nella zona metropolitana di Tokyo, in concomitanza con le Olimpiadi e le Paralimpiadi programmate tra due anni. Lo scorso mese di marzo, questo veicolo ha ricevuto la certificazione di omologazione in Giappone.

Il design segue l’effetto stereoscopico che differisce in modo significativo dalla classica forma ad esaedro (a scatola) degli autobus convenzionali, mentre per le luci anteriori e posteriori è stata utilizzata la tecnologia LED. L’interno del veicolo prevede delle sedute orizzontali con stivaggio automatico (prima volta in Giappone), in modo da essere riposte automaticamente, se non vengono utilizzate. Questo consente di migliorare il comfort per i passeggeri con passeggini, sedie a rotelle o valigie e per gli altri passeggeri.

La sicurezza è uno dei temi chiave di Toyota Sora, che è dotato di un sistema di otto telecamere di supporto del campo visivo. Sono tutte in alta definizione e sono state montate all’interno e all’esterno del veicolo, per rilevare pedoni e ciclisti che si trovano attorno al bus, anche in prossimità delle fermate. Il bus è equipaggiato con un sistema di alimentazione ad elevata capacità, in grado di sviluppare un massimo di 9 kW e 235 kWh2 e utilizzabile come generatore elettrico di emergenza in caso di calamità naturali.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati