Groupe PSA crea una nuova divisione dedicata ai veicoli elettrici

Entro il 2025 tutti i modelli avranno una versione elettrica

Groupe PSA - Il Gruppo PSA si organizza per la grande offensiva elettrica dei prossimi anni e lo fa creando un nuova divisione aziendale dedicata ai modelli a zero emissioni. La nuova Business Unit avrà il compito di guidare il lancio sul mercato della corposa gamma di veicoli elettrici di PSA in programma per i prossimi anni.
Groupe PSA crea una nuova divisione dedicata ai veicoli elettrici

Per raggiungere l’obiettivo di offrire entro il 2025 almeno una versione elettrica per tutti i modelli dei propri brand il Groupe PSA ha annunciato al creazione di una nuova divisione aziendale dedicata ai veicoli elettrici, la Business Unit Low Emission Vehicles, che sarà guidata da Alexandre Guignard.

Il costruttore francese non ha ancora svelato quali saranno i primi modelli elettrici creati dalla nuova divisione aziendale, né tanto meno ha specificato se questi veicoli saranno identificati con un brand diverso rispetto ai marchi che PSA possiede, ovvero Peugeot, Citroen, DS e Opel/Vauxhall.

Il primo compito della nuova divisione sarà quello di definire nel dettaglio la strategia elettrica del Gruppo transalpino. Solo da quel momento in poi si potrà sapere qualcosa in più su prodotti e servizi che saranno lanciati. PSA includerà nella nuova divisione anche Free2move, fornitore di soluzioni di car sharing.

Linda Jackson, CEO di Citroen, ha affermato: “L’elettrificazione è un’opportuna che la nostra azienda vuole cogliere per lanciare un’offensiva tecnologica senza precedenti. La sfida per questa Business Unit, che beneficia dell’esperienza maturata nel corso di diversi anni all’interno del Gruppo, sarà quella di fornire i migliori veicoli nel momento migliore per soddisfare i nostri clienti e dunque garantire le migliori condizioni economiche per il lancio dei veicoli elettrici del Gruppo PSA sul mercato“.

Dopo l’acquisizione di Opel lo scorso anno, PSA ha completamente rinnovato la strategia per il futuro. Oltre alla gamma elettrica prevista, che alla fine dovrebbe essere composta da 40 diversi modelli, il Gruppo ha in programma anche il ritorno sul mercato nordamericano.

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati