Nuova Audi A6 Avant: propulsori mild hybrid di serie per il massimo dell’efficienza

Il "veleggiamento" consente di avanzare per inerzia tra i 55 e i 160 km/h

Sulla nuova A6 Avant, Audi propone motorizzazioni con tecnologia mild hybrid in grado di regalare un ulteriore incremento del comfort e dell’efficienza ed una riduzione dei consumi nella marcia reale.
Nuova Audi A6 Avant: propulsori mild hybrid di serie per il massimo dell’efficienza

Audi A6 Avant MY 2019 – La nuova generazione della A6 Avant segna un ulteriore ed importante passo in avanti verso l’elettrificazione: al pari dei modelli più recenti della casa costruttrice di Ingolstadt, anche la station wagon appena svelata si avvale della tecnologia “mild hybrid”, una scelta tecnica che, come suggerisce il nome stesso, ricorre alla tecnologia ibrida per garantire consumi minori ed emissioni più contenute.

In pratica il sistema “mild hybrid” mira ad aiutare il propulsore termico in particolari condizioni di guida e contestualmente va a sgravarlo di determinate funzioni minori relative all’utilizzo della vettura per non rubare ulteriori cavalli di potenza. In tal contesto il sistema “mild hybrid” si compone di una batteria agli ioni di litio e di un alternatore/starter collegato all’albero motore: l’alternatore-starter azionato a cinghia, cuore della tecnologia “mild hybrid”, in abbinamento al sistema a 48 o 12 Volt recupera fino a 12 kW di potenza in fase di decelerazione e immagazzina la corrente in una batteria agli ioni di litio dedicata.

La nuova generazione di Audi A6 Avant dispone di quattro propulsori con tecnologia “mild hybrid”: il V6 3.0 alimentato a benzina eroga 340 cv, il V6 3.0 a gasolio è declinato in potenze da 231 e 286 cv, ed infine il quattro cilindri 2.0 diesel gode di una potenza di 204 cv. Nello specifico la tecnologia “mild hybrid” su citata si avvale di una rete di bordo a 48 Volt per i V6 3.0 che scende a 12 Volt per il quattro cilindri. Ai su citati motori possono eventualmente essere abbinati anche i cambi automatici a doppia frizione a 7 rapporti o con convertitore di coppia ad 8 marce.

Da segnalare su tutti i propulsori V6 la possibilità di sfruttare la funzione di “veleggiamento” che consente alla nuova Audi A6 Avant di avanzare completamente a motore spento per inerzia in un campo di velocità compreso fra i 55 e i 160 km/h. Inoltre, Audi ha previsto la trazione integrale di serie per i motori V6 3.0 e la possibilità di avere a richiesta il differenziale posteriore sportivo che consente di ripartire attivamente la coppia tra le ruote posteriori offrendo così una dinamica di guida più coinvolgente.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati