Kia: arriva il diesel mild-hybrid da 48V nel 2018

Sarà disponibile su Sportage e Ceed

Kia mild-hybrid - La casa coreana presenta un nuovo motore ibrido diesel, che verrà adottato da Sportage e Ceed tra la seconda parte del 2018 ed il 2019. Permette una riduzione di consumi ed emissioni ed è la prima tecnologia lancia nell'ambito del piano di elettrificazione della gamma.
Kia: arriva il diesel mild-hybrid da 48V nel 2018

L’elettrificazione della gamma è un tema ormai affrontato praticamente da tutte le case automobilistiche, con un piano nel presente e nell’immediato futuro, per rendere sempre più green le proprie vetture. Tra queste c’è anche Kia che, nella seconda metà di quest’anno, lancerà un nuovo motore diesel mild-hybrid, con una batteria compatta da 48 volt agli ioni di litio, capace di ridurre i consumi e le emissioni, quest’ultime del 4% nel ciclo WLTP e del 7% in quello NEDC. La Kia Sportage sarà il primo a riceverlo, già nel 2018, mentre l’anno prossimo arriverà sulla Kia Ceed.

La batteria è collocata sotto il piano di carico del bagagliaio ed alimenta un piccolo motore elettrico, utilizzato come starter e generatore di corrente. Questo dispositivo viene collegato, attraverso una cinghia, al motore, garantendo 13 CV in più di spinta in fase di accelerazione e consentendo il recupero in fase di frenata o decelerazione, per ricaricare la batteria. Il propulsore ibrido diesel EcoDynamics+ di Kia è compatibile con le trasmissioni sia manuali che automatiche e può essere adattato per i modelli con trazione anteriore, posteriore e a quattro ruote motrici.

Successivamente, il mild-hyrid da 48V sarà adattato anche per l’utilizzo sui veicoli a benzina. Questo motore ibrido è la prima nuova tecnologia lanciata dalla casa coreana, nell’ambito del piano di elettrificazione della propria gamma, che prevede il lancio di 16 nuovi motori ad emissioni ridotte entro il 2025: cinque nuovi ibridi, cinque ibridi plug-in, cinque elettrici ed uno (nel 2020) elettrico a celle a combustibile.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati