Uber guida autonoma: i motivi dell’incidente mortale in Arizona

L'auto ha rilevato troppo tardi la bicicletta

Guida autonoma Uber - A poco più di due mesi dall'incidente mortale avvenuto in Arizona, l’NTSB ha pubblicato il rapporto preliminare delle indagini sul tragico schianto: l'auto ha rilevato troppo tardi la bicicletta, ma anche la donna ha avuto qualche colpa nell'impatto fatale.
Uber guida autonoma: i motivi dell’incidente mortale in Arizona

Lo scorso 18 marzo un’auto a guida autonoma Uber aveva investito ed ucciso una donna in bicicletta in Arizona, nel corso dei test sulle vetture senza conducente. Ora l’NTSB (National Transportation Safety Board) ha completato e pubblicato ufficialmente il rapporto preliminare delle indagini sull’incidente mortale. Il software della vettura a guida autonoma ha rilevato la vittima sei secondi prima dell’impatto, inizialmente come un oggetto sconosciuto, poi come un veicolo e solamente a circa un paio di secondi dall’impatto come una bicicletta.

A soli 1,3 secondi dalla collisione, il sistema di guida autonoma ha determinato la necessità di una frenata di emergenza, con il sistema originale Adas della Volvo XC90, ma quest’ultimo viene disabilitato durante la guida completamente autonoma, per evitare l’interferenza con gli altri sistemi. Meno di un secondo prima dell’impatto, il tecnico alla guida ha impugnato il volante ed iniziato a frenare, cercando anche una manovra d’emergenza, ma non sufficiente per evitare la vittima.

Il rapporto dell’NTSB sembra dare una colpa parziale anche alla donna. Non ha guardato nella direzione del veicolo fino a poco prima dell’impatto, la sua bicicletta non aveva i catarifrangenti laterali ed ha attraversato la strada in una sezione senza illuminazione stradale. Inoltre, i risultati tossitologici post-incidente erano risultati positivi per metanfetamina e marijuana. In seguito a questo incidente, tuttavia, Uber ha sospeso completamente i suoi test a guida autonoma in Arizona, pur con l’intenzione di proseguirla in altre aree, senza però fornire ulteriori indicazioni.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati