Alfa Romeo GTV: il ritorno della Gran Turismo Veloce

Godrà di una potenza massima di 600 cv

600 cv, trazione integrale, sistema propulsivo ibrido con E-Boost e perfetta distribuzione dei pesi: saranno queste le peculiarità della nuova Alfa Romeo GTV
Alfa Romeo GTV: il ritorno della Gran Turismo Veloce

Alfa Romeo GTV – Sono trascorsi pochissimi giorni dalla pubblicazione del nuovo piano industriale 2018-2022 di Alfa Romeo, l’ultimo deliberato e firmato da Sergio Marchionne in qualità di numero uno del Gruppo FCA. Per quanto riguarda il brand Alfa Romeo non vi è dubbio che il nuovo piano industriale voglia innanzitutto confermare quanto di buono fatto negli ultimi anni dal marchio del Biscione grazie all’arrivo sul mercato della Giulia e della Stelvio e più di ogni altra cosa voglia spostare ancora più su l’asticella delle vetture performanti del Biscione per ambire sempre più al ruolo di brand sportivo che compete alla storica casa costruttrice italiana.

Nel dettaglio, tra i vari progetti in cantiere ad Arese, oltre all’inedita supercar con motore centrale e 700 cv di potenza che avrà l’onere di riportare sul mercato delle vetture ad elevate prestazioni il suggestivo nome 8C, ampio spazio è stato dato alla futura GTV, vettura altamente prestazionale in forza alla futura gamma del Biscione che avrà l’onore di far tornare nel listino del brand italiano la storica sigla di Alfa Romeo che sta per Gran Turismo Veloce e che negli anni si è fatta conoscere dal pubblico sportivo come indice di performance di alto livello.

Nello specifico la nuova Alfa Romeo GTV, stando a quanto enunciato durante la presentazione dei futuri modelli di casa nell’ambito del piano industriale 2018-2022, dovrebbe vertere la sua sportività su alcuni pilastri fondamentali. Innanziuttto l’ottimale distribuzione dei pesi garantita da un perfetto 50/50 tra asse anteriore ed asse posteriore al fine di garantire una dinamica di guida al top. Per quanto concerne il comparto motoristico, l’inedita GTV dovrebbe godere di una potenza massima nell’ordine dei 600 cv garantiti da un sistema ibrido in cui la parte elettrica denominata E-Boost, in grado di assicurare un 25% della potenza totale, dovrebbe essere utilizzato esclusivamente a fini prestazionali per annientare il famigerato turbo lag. L’enorme potenza disponibile, sempre stando a quanto dichiarato, dovrebbe essere trasferita a terra da una trazione integrale dotata del sistema Torque Vectoring capace di garantire la miglior distribuzione possibile della coppia motrice in base alle diverse condizioni di tenuta e stabilità con particolare riferimento alle prestazioni dinamiche.

Dulcis in fundo, la futura Alfa Romeo GTV dovrebbe essere basata sul telaio Giorgio già utilizzato dalla Giulia ed alla base delle dirompenti prestazioni fornite dalla sportivissima versione Quadrifoglio. Nella fattispecie, la nuova nata, sempre in accordo con quanto specificato da Sergio Marchionne durante la conferenza stampa di presentazione del piano industriale 2018-2022 di Alfa Romeo, dovrebbe essere caratterizzata da un abitacolo in grado di ospitare quattro posti e da un corpo vettura impreziosito da un gran numero di stilemi dell’ultimo family feeling della casa del Biscione. L’inedita Alfa Romeo GTV dovrebbe essere commercializzata entro il 2022 ma nel frattempo è già stata oggetto di molteplici attenzioni: LP Design, difatti, ha già provato ad immaginare l’aspetto della nuova nata atttaverso uno speciale rendering che vi proponiamo qui in calce all’articolo.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Alfa Romeo GTV: il ritorno della Gran Turismo Veloce

Godrà di una potenza massima di 600 cv

di 4 giugno, 2018
600 cv, trazione integrale, sistema propulsivo ibrido con E-Boost e perfetta distribuzione dei pesi: saranno queste le peculiarità della nuova Alfa Romeo GTV
Alfa Romeo GTV: il ritorno della Gran Turismo Veloce

Alfa Romeo GTV – Sono trascorsi pochissimi giorni dalla pubblicazione del nuovo piano industriale 2018-2022 di Alfa Romeo, l’ultimo deliberato e firmato da Sergio Marchionne in qualità di numero uno del Gruppo FCA. Per quanto riguarda il brand Alfa Romeo non vi è dubbio che il nuovo piano industriale voglia innanzitutto confermare quanto di buono fatto negli ultimi anni dal marchio del Biscione grazie all’arrivo sul mercato della Giulia e della Stelvio e più di ogni altra cosa voglia spostare ancora più su l’asticella delle vetture performanti del Biscione per ambire sempre più al ruolo di brand sportivo che compete alla storica casa costruttrice italiana.

Nel dettaglio, tra i vari progetti in cantiere ad Arese, oltre all’inedita supercar con motore centrale e 700 cv di potenza che avrà l’onere di riportare sul mercato delle vetture ad elevate prestazioni il suggestivo nome 8C, ampio spazio è stato dato alla futura GTV, vettura altamente prestazionale in forza alla futura gamma del Biscione che avrà l’onore di far tornare nel listino del brand italiano la storica sigla di Alfa Romeo che sta per Gran Turismo Veloce e che negli anni si è fatta conoscere dal pubblico sportivo come indice di performance di alto livello.

Nello specifico la nuova Alfa Romeo GTV, stando a quanto enunciato durante la presentazione dei futuri modelli di casa nell’ambito del piano industriale 2018-2022, dovrebbe vertere la sua sportività su alcuni pilastri fondamentali. Innanziuttto l’ottimale distribuzione dei pesi garantita da un perfetto 50/50 tra asse anteriore ed asse posteriore al fine di garantire una dinamica di guida al top. Per quanto concerne il comparto motoristico, l’inedita GTV dovrebbe godere di una potenza massima nell’ordine dei 600 cv garantiti da un sistema ibrido in cui la parte elettrica denominata E-Boost, in grado di assicurare un 25% della potenza totale, dovrebbe essere utilizzato esclusivamente a fini prestazionali per annientare il famigerato turbo lag. L’enorme potenza disponibile, sempre stando a quanto dichiarato, dovrebbe essere trasferita a terra da una trazione integrale dotata del sistema Torque Vectoring capace di garantire la miglior distribuzione possibile della coppia motrice in base alle diverse condizioni di tenuta e stabilità con particolare riferimento alle prestazioni dinamiche.

Dulcis in fundo, la futura Alfa Romeo GTV dovrebbe essere basata sul telaio Giorgio già utilizzato dalla Giulia ed alla base delle dirompenti prestazioni fornite dalla sportivissima versione Quadrifoglio. Nella fattispecie, la nuova nata, sempre in accordo con quanto specificato da Sergio Marchionne durante la conferenza stampa di presentazione del piano industriale 2018-2022 di Alfa Romeo, dovrebbe essere caratterizzata da un abitacolo in grado di ospitare quattro posti e da un corpo vettura impreziosito da un gran numero di stilemi dell’ultimo family feeling della casa del Biscione. L’inedita Alfa Romeo GTV dovrebbe essere commercializzata entro il 2022 ma nel frattempo è già stata oggetto di molteplici attenzioni: LP Design, difatti, ha già provato ad immaginare l’aspetto della nuova nata atttaverso uno speciale rendering che vi proponiamo qui in calce all’articolo.

http://www.motorionline.com/2018/06/04/alfa-romeo-gtv-il-ritorno-della-gran-turismo-veloce/