Tesla Model X 100D, suv tutto elettrico per ogni giorno [PROVA SU STRADA]

Abbiamo provato la versione con batteria più performante

Tesla Model X - Massima sicurezza, aiuto completo da parte dell’elettronica e si aggiorna come gli smartphone. E non è il futuro perché è già qui tra noi.

È la suv sulla bocca di tutti e che rapisce gli sguardi di ogni passante. Qualcuno esclama: «È quella elettrica!», e naturalmente ci strappa un sorriso mentre siamo a bordo. Un perfetto equilibrio tra dimensioni generose e dinamismo, con una meccanica che guarda al presente e non richiede motori a combustione interna. Dopo la prova della Model S, è giunto il momento di scoprire anche la Tesla Model X, in versione 100D. 

Design e Interni:  ★★★★★ 

Una linea così pulita da cogliere ogni attenzione

La Model X è un suv in tutto e per tutto, a partire dalle dimensioni: 5,04 metri di lunghezza, 2,07 di larghezza e 1,68 di altezza. Senza dubbio una presenza imponente che però si annulla se inserita nel panorama, specialmente con la tinta Nero Pastello del modello datoci in prova. Frontalmente non si può dire di avere una griglia come le auto a motore termico, perché ce n’é soltanto una – abbastanza ridotta – nella parte inferiore. Nella parte superiore il logo Tesla è racchiuso tra un arco ed un baffo cromato, unico vezzo minimalista di questa vettura. A rapire lo sguardo ci pensano però i lunghi ed affilati fari full-led, che soprattutto in condizioni notturne rendono altamente riconoscibile la Model X e che offrono un grado di illuminazione eccellente in ogni condizione. Inoltre si attivano automaticamente. Lateralmente il grande arco racchiude le portiere che dietro si aprono con movimento “Falcon Wing”, da non confondere con le ali di gabbiano. Un semplice pulsante permette di azionarle: in pochi secondi ed in uno spazio ridottissimo permettono l’agile salita a bordo, aprendosi verso l’alto. I neofiti della vettura apprezzeranno senza dubbio la prima volta, almeno in quanto a spettacolarità. I cerchi sono davvero grandi, con un raggio di 22 pollici. Dietro brilla in sportività per l’alettone fisso che staziona nella parte terminale della lunotto posteriore, un gruppo ottico (sempre full-led) molto raffinato ed un estrattore che, sebbene non sia pronunciato, dona grinta ed ha benefici in termini di aderenza. Bisogna senz’altro stare attenti alle toccate, in quanto mancano delle protezioni in plastica soprattutto anteriormente. Degno di nota il coefficiente di attrito con l’aria (Cx): 0,25, il migliore i assoluto per la categoria e che esprime attraverso i numeri il lavoro dei disegnatori Tesla nel creare un modello esteticamente assente da fronzoli e pienamente funzionale. Senza tralasciare lo stile. 

Interni da giardino zen e attenzione ai particolari meticolosa

Salire a bordo di una Tesla Model X è un po’ come salire a bordo di un prototipo ai Saloni dell’Auto. Abituati a schermi tutto sommato grandi come quelli dei nostri smartphone ed una ricerca a volte troppo esasperata degli interni, questa suv è tutto il contrario. La parola d’ordine che gli ingegneri ed i designer hanno avuto sembra essere stata: ordine. È difficile non trovare un pulsante alla prima salita a bordo, per scoprire com’é. Colpisce poi il maxi-tablet al centro del cruscotto, posto verticalmente. Dimensioni imponenti (17 pollici), risposta tattile immediata ed un menù davvero ampio. Non me ne vogliano gli over 50, ma almeno all’inizio prendete confidenza gradualmente. Lo schermo è diviso in due parti, grazie alle quali comandare due impostazioni diverse e selezionabili dall’utente. Niente Apple Car Play o Android Auto, ma i dispositivi elettronici possono interfacciarsi comunque attraverso le prese USB. E se ci si annoia durante una lunga sosta, si può accedere ad internet come fosse un computer. L’altro schermo, sempre digitale, è quello del quadro strumenti e riporta varie informazioni, sempre ben leggibili e chiare. I comandi posti sul volante permettono anch’essi di modificare alcune impostazioni e passare tra i menù, mostrando le info che il guidatore vuole. Lo spazio è oltremodo abbondante, sia davanti che dietro. Nella configurazione del nostro modello sono previsti i sei posti, disposti su tre file. Ma di base se ne hanno cinque e c’é anche quella da 7, con la seconda fila da tre. Come dicevamo lo spazio per gambe e testa non manca e la luce che entra naturalmente è davvero molta. Merito soprattutto del parabrezza più grande al mondo. Inoltre tutti i vetri della Model X sono oscurati con una protezione UV. Il bagagliaio, a sedili abbattuti, offre oltre 2000 litri con un piano ben sfruttabile. E se non bastasse c’é anche un altro vano sollevando il cofano anteriore. Per qualità dei materiali e cura d’assemblaggio, questa Tesla non è seconda nemmeno alle tedesche. 

Comportamento su Strada:  ★★★★★ 

Si muove bene un po’ ovunque nonostante la mole, no-ansia per l’autonomia

Con oltre due tonnellate da portarsi a dietro la Tesla Model X appare goffa solo di primo acchito. Le molte regolazioni elettroniche permettono di variare, ad esempio, la risposta del volante (da sportivo a morbido) e delle sospensioni, che si abbassano o alzano su diversi livelli pre-impostati. Lo stesso per il sistema di recupero dell’energia (recovery). Su quest’ultimo punto bisogna prestare attenzione, le prime volte che si guida un’auto elettrica: una volta lasciato il pedale dell’acceleratore non si ha una funzione di veleggiamento o di marcia in folle, bensì l’auto rallenta, in quanto il sistema recupera elettricità dal movimento cinetico. Ma dopo averci fatto il piede in un paio d’ore, diventa abitudinario. In città la Model X è non sempre a suo agio, tuttavia l’angolo di sterzata ci è parso molto buono – soprattuto nel confronto con modelli dello stesso segmento – ed il volante non è mai pesante. Le telecamere ed in sensori aiutano a fare manovre piuttosto complesse per questa vettura, segnalando al centimetro quanto si dista dall’ostacolo. Il sistema di sospensioni assorbe perfettamente buche e dossi. Sui percorsi extraurbani il rollio in curva non è mai troppo accentuato e le gomme da 285/35 svolgono un ottimo lavoro. Per farvi capire quanto sia poi difficile ribaltare questa Tesla, vi rimandiamo a questo video. In autostrada è oltremodo silenziosa: la carrozzeria che fende l’aria perfettamente nonostante l’altezza del mezzo, l’assenza di brusii – provenienti dal mancante motore termico – ed un ottimo lavoro di insonorizzazione la rendono perfetta per traversate sulla media distanza. Ma non bisogna avere ansie per la questione riguardante l’autonomia: la versione 100D ci ha garantito, a carica completa, 450 chilometri “veri” da percorrere. Inoltre Tesla sta svolgendo un grande lavoro sul piano infrastrutturale, con oltre 500 Destination Charging in Italia sparse sia lungo le principali arterie che in varie località. E sono tutte consultabili sul sito di Tesla Italia. 

Motore e Prestazioni:  ★★★★★ 

Ma è davvero un suv?

In questo caso passeremo il termine “motore”, ma di fatto la Tesla Model X si serve di un pacco batteria. Nel nostro caso è quello da 100 kW/h, da cui prende il nome la sigla 100D. È un ottimo compromesso tra prestazioni ed autonomia, in quanto le altre scelte sono la 75D e la stratosferica P100D. La trazione integrale garantisce una velocità massima di 250 km/h ed uno 0-100 km/h in 4,9 secondi. Prestazioni da supercar, tanto che all’inizio ci si chiede se la Model X non sia una sportiva molto ben camuffata. La spinta che viene scaricata a terra quando si preme a metà pedale è eccezionale, anche perché gli unici rumori percepiti sono il vento ed un sibilo molto sottile. Il tutto è dovuto all’essenziale fattore dell’elettrico: la coppia viene fornita tutta e subito rispetto ai motori termici benzina e diesel, favorendo partenze che tolgono il fiato a tutti gli occupanti. Ma quello che ci ha stupiti ancor di più è la progressione in termini di velocità. Se pensavamo che tutto ad un tratto i 100 kW/h cessassero di fornire la spinta e che servisse un lungo lancio per raggiungere velocità elevate, siamo stati prontamente smentiti. Definita suv perché rientra in questa categoria per dimensioni, ci riserveremmo di aggiungere un “super” davanti. E senza troppi complimenti. 

Consumi e Costi:  ★★★★☆ 

Costa tanto? Dipende da ciò che si cerca

La Tesla Model X 100D è un’auto che, per essere portata a casa, richiede di staccare un assegno superiore ai 100.000 euro. Il che, considerando il pionierismo che rappresenta nel mondo Automotive di oggi e ciò che offre, è un prezzo nella media. Non ci sono rivali che offrono una propulsione tutta elettrica, ma per fare un confronto prestazionale, la Mercedes-Benz GLS dovrebbe rivolgersi alla versione AMG per pareggiare almeno in velocità ed accelerazione e con cifre attorno ai 150mila euro. Lo stesso paragone (e fascia di prezzo) lo possiamo applicare alla Range Rover Sport in versione SVR ed alla BMW X6M. Ribadiamo come sia solo un’indicazione basata sui numeri puri, perché la Model X al momento rappresenta un mercato a sé per propulsione, ma non per prestazioni cronometrate. Passando invece ai consumi, il dato dichiarato dalla casa americana è di 565 km nel ciclo EDC, mentre noi ne abbiamo rilevati 450 effettivi. Ce lo si poteva aspettare e siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal fatto che si siano rivelati precisi: per un’auto elettrica al giorno d’oggi è ancora molto importante. Ciò non toglie il problema della ricarica in casa. Per cui occorre avere un punto d’appoggio sicuro e, almeno inizialmente, saper calcolare i tempi di ricarica per non ritrovarsi la mattina dopo con un’autonomia insufficiente. Ma detto ciò non siamo mai stati presi dall’ansia di rimanere appiedati lungo la nostra prova su strada. 

Innovativa ma contemporanea, la Tesla Model X è una suv per tanti versi come le altre, con il plus una tecnologia che sta prendendo piede sempre più. Paga il pionierismo che porta con sé, ovvero l’elettrico al posto della propulsione a benzina/diesel, ma scetticismi a parte è un’automobile adatta all’uso quotidiano, altamente sicura (5 stelle EuroNCAP, voto più alto della categoria) e con una serie di servizi che solo questa casa può fornire al momento. Inoltre si aggiorna nel software grazie alla tecnologia OTA, come gli smartphone. Ed il modello 100D è la migliore scelta per chi cerca delle ottime doti di percorrenza unite ad una vivacità inaspettata anche nell’uso mondano. 

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Innovatività, Propulsione elettrica, Prestazioni.Dimensioni, Prezzo, Autonomia.


Tesla Model X 100D: la Pagella di Motorionline
Motore:★★★★★ 
Accelerazione:★★★★★ 
Ripresa:★★★★★ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★½ 
Comfort:★★★★★ 
Infotainment:★★★★★ 
Abitabilità:★★★★★ 
Bagagliaio:★★★★★ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★½ 
Prezzo:★★★☆☆ 
Design:★★★★½ 
Finitura★★★★★ 
Piacere di guida:★★★★½ 
Consumi:★★★★☆ 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati