Kia Niro EV: al debutto in Corea del Sud la variante totalmente elettrica

Design rivisto e due set di batterie tra le quali poter scegliere

Kia Niro EV - Debutta in Corea del Sud uno dei crossover più amati dagli italiani, che ora sfoggia anche la versione più verde fra tutte quelle in gamma. Dopo l'ibrida e l'ibrida Plug-In arriva anche la variante totalmente elettrica e quindi a zero emissioni.
Kia Niro EV: al debutto in Corea del Sud la variante totalmente elettrica

Dopo averla acclamata per diversi anni, finalmente debutta il primo veicolo totalmente elettrificato di Kia, la nuova Kia Niro EV lungo un percorso che ha raggiunto un discreto successo soprattutto in Italia con la prima vettura ibrida e poi Ibrida Plug-In sempre del costruttore Coreano. Oggi, con il debutto internazionale al Salone dell’Auto di Busan Kia tiene fede alle sue promesse di anni addietro, rendendo totalmente elettrico il modello più “verde” dell’intera gamma. Sfoggia quindi un propulsore elettrico da 201 CV e 395 Nm di coppia erogati all’istante, come ormai siamo abituati dai propulsori di questo tipo. Snocciolando solo questi due dati si capisce subito quanto la nuova versione sarà più prestazionale rispetto alle ibride attualmente presenti in gamma che possono vantare solamente 140 CV e 265 Nm di coppia. Sembra quindi lecito aspettarsi un’accelerazione immediata e veramente fulminea, come testimonia il dato sullo 0-100 km/h di 7,2 secondi rispetto agli oltre 10,5 secondi della versione PHEV Plug-In.

I clienti potranno poi scegliere in fase di acquisto tra due diversi set di batterie, che differiscono oltre che per qualità costruttiva anche per capacità e ovviamente per autonomia. Il primo set da 39,2 kWh riuscirà a garantire fino a 240 km di autonomia, mentre il secondo più prestazionale da 69 kWh riuscirà ad arrivare circa fino a 380 km di autonomia complessiva. Sempre parlando di valori comunicati dalla casa, con una carica veloce da circa 100 kW si riuscirebbe a ricaricare oltre l’80% della batteria in soli 54 minuti, decisamente non male.

Spostando però lo sguardo all’esterno, ci saltano subito all’occhio alcune novità stilistiche che contraddistingueranno questa versione, tra cui subito la griglia frontale Tiger Nose che perde la sua colorazione e fisionomia standard, dal momento che perde soprattutto la sua funzione principale in assenza del propulsore termico. Dietro alle nuove ruote da 17″ dal design totalmente innovativo si nascondono dei sistemi frenanti nuovi, capaci comunque di rigenerare energia in fase di frenata.

Troviamo inoltre dei gruppi ottici full-Led sia al frontale che nel posteriore, con inserti blu lungo tutta la carrozzeria e negli interni per distinguerla dalle altre versioni ibride. Anche all’intero si ritrovano alcuni accorgimenti stilistici, perdendo il cambio a beneficio di un selettore per la marcia e per la regolazione di alcuni parametri riferiti al propulsore. Variano alcune impostazioni ma rimane comunque presente il doppio monitor digitale, sulla plancia e al posto della strumentazione, dal quale comandare tutte le funzioni e regolare le impostazioni della vettura.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati