Nuova Citroen C4 Cactus: guidare rilassati nel confort più totale [IMPRESSIONI A BORDO]

La nuova Citroen C4 Cactus è "diventata grande"

CITROEN C4 CACTUS BLUEHDI 100 S&S SHINE - Le ampie superfici plastiche, che caratterizzavano fortemente la versione precedente, sono state in gran parte eliminate o ridimensionate, favorendo linee più pulite che donano alla vetturetta francese un look più garbato e maturo
Nuova Citroen C4 Cactus: guidare rilassati nel confort più totale [IMPRESSIONI A BORDO]

La prima impressione, una volta che ci si accomoda al posto di guida, è il confort estremo della seduta. D’impatto, per chi ha avuto occasione di provarli, si ha la sensazione di sedersi su sedili comodi come quelli delle Citroen CX degli anni ’80, ma più contenitivi. L’esemplare da noi provato monta delle sedute ancora più confortevoli(optional), come previsto e offerto dal programma “Citroen Advanced Comfort”, che si prefissa di ottimizzare il relax a bordo verso vette molto alte. E chi, se non Citroen, un marchio da sempre attento al confort delle sue vetture, potrebbe raggiungerle?

Migliorata anche sotto il profilo dinamico delle sospensioni, progettate per donare al guidatore la sensazione di “volare” sopra le asperità del terreno. Attutite egregiamente dall’assetto molto morbido ma sempre preciso, sia in direzionalità che in curva, una volta trovato l’appoggio. Citroen ha evoluto la ciclistica delle già confortevoli sospensioni, grazie a dei sistemi idraulici che vanno ad assorbire il fine corsa degli ammortizzatori in compressione ed estensione.

Questa soluzione prende il nome di Progressive Hydraulic Cushions (PHC) ed è un affinamento atto a rendere l’esperienza di guida ancora più comoda e rilassata, andando ad incidere positivamente sull’assorbimento delle sconnessioni e migliorando ulteriormente l’esperienza e la precisione di guida. Sia chiaro che se cercate un’auto con la quale guidare sportivamente sui tornanti di montagna, la C4 Cactus è troppo morbida. Se invece volete un’auto sicura, trendy, versatile, moderna, super connessa, parca nei consumi (soprattutto la versione diesel da 100 CV da noi provata), silenziosa, confortevole e rilassante al punto che non guasterebbe neanche installare una caffettiera per godersi un buon espresso lungo il tragitto…, la Nuova Citroen C4 Cactus è l’auto che fa per voi.

Dal sito Citroen.it: “Fin dalla sua nascita nel 1919 Citroen è all’avanguardia per il confort di guida, che concretizza oggi con il claim “Be different, fell good”, con i quattro grandi pilastri dell’innovazione del programma Citroen Advanced Comfort: attenuare tutte le vibrazioni, facilitare la vita a bordo, agevolare l’utilizzo e liberare la mente”.

E cari lettori di Motorionline, dopo aver passato alcuni giorni alla guida della nuova C4 Cactus, posso dire che Citroen è decisamente sulla buona strada nel raggiungere gli obbiettivi che si è prefissata nel suo programma di “ricerca avanzata del confort”. Chapeaù.

La versione oggetto del nostro test drive è una versione in allestimento top di gamma, ma dotata della motorizzazione diesel meno potente da 100 CV e di un cambio manuale a 5 marce. Esattamente è una “C4 Cactus BlueHdi 100 S&S Shine” in un bellissimo “Emerald Blue”, dotata di optionals come il “pack color” bianco, interni in tessuto Silica Grey – Armonia Wild Grey, ruotino di scorta, telecamera di retromarcia, key less acess & start, cerchi in lega da 17″ Cross Bi-Ton Black-Alluminio. Di serie sulla versione Shine il touch pad da 7″, sensori di parcheggio, cruscotto con schermo LCD, clima automatico, Citroen Connect Nav e Connect Box con mappe europee e mirror screen, oltre a tutta una serie di altri equipaggiamenti che potete consultare nello specifico sul sito della casa francese.

Per quel che riguarda i consumi e le emissioni, il costruttore dichiara: 3.7 L per 100 km (ciclo misto) ed emissioni pari a 96 g/KM di CO2. La gamma della nuova Citroen C4 Cactus è accessibile partendo da 17.900,00 Euro, in base a quanto segnalato in precedenza.

Buona passione a tutti.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati