Starship: il veicolo del futuro per il trasporto merci

E' stato realizzato da Shell e AirFlow Truck Company

Starship - Questo veicolo, con molti elementi in fibra di carbonio, ha effettuato un viaggio coast to coast da San Diego a Jacksonville, nel quale è stato registrato un risparmio medio di carburante pari a 3,8 chilometri al litro.
Starship: il veicolo del futuro per il trasporto merci

Si parla di futuro e di tecnologie per le auto, ma anche il mondo dei trasporti certamente non si ferma, come dimostra la presentazione di Starship. Si tratta di un veicolo del futuro per il trasporto merci, ad elevata efficienza per consumo di carburante, realizzato da Shell e AirFlow Truck Company. E’ un camion di classe 8, la cui motrice ha un design 100% aerodinamico ed è realizzata in fibra di carbonio, così come le carenature laterali, il cofano e la parte anteriore. Diminuendo così sensibilmente il peso, oltre ad un motore di ultima generazione.

Quest’ultimo è un sei cilindri da 400 cavalli e di una coppia di 2508 Nm ed è stato progettato e costruito dalle due società per dimostrare come, attraverso l’applicazione e l’utilizzo delle più moderne tecnologie, anche nel settore del trasporto merci è possibile ridurre significativamente l’impiego di energia. La prova è stata effettuata in un viaggio coast to coast negli Stati Uniti, con partenza da San Diego ed arrivo di Jacksonville, per un percorso di più di 3.700 chilometri in condizioni reali, con anche alcuni tratti con condizioni meterologiche avverse.

Il peso complessivo del camion era di circa 33 tonnellate, con un peso del carico di circa 18, costituito da materiale corallino che sarà utilizzato per costruire una barriera artificiale al largo delle coste della Florida. Starship ha registrato complessivamente un risparmio medio di carburante di 3.8 chilometri per litro, battendo la media statunitense di 2.7 chilometri al litro. Le misurazioni non sono state effettuate dalle due società, ma dall’ente indipendente NACFE (North American for Freight Efficiency), attraverso un sistema telematico di bordo.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati