Dopo la Murcielago, ecco la Lamborghini del futuro

Dopo la Murcielago, ecco la Lamborghini del futuro

Dopo la Murcielago, ecco la Lamborghini del futuro

Lamborghini non fa in tempo a lanciare la sua nuova LP670-4 V , da molti definita l’ultima evoluzione della Murcielago, che una nuova super-vettura sta già per affacciarsi sul mercato: i lavori sono ancora in corso e termineranno non prima di due anni, quando la neonata di casa Lamborghini dovrà fronteggiare la concorrenza di vetture di pari livello, cui sembra starebbero lavorando i marchi rivali, Ferrari, McLaren e Aston Martin.

Solo alcuni dettagli sono stati rivelati grazie ad alcuni scatti proibiti sul circuito di Nurburgring, Germania.
Pare che un sensore sia stato montato su ciascuna ruota per rilevare le diverse forze e livelli di tensione esercitati a differenti velocità. Gli ingegneri potranno così ipotizzare vari livelli di presa e di trazione, sulla base dei quali studiare set di sospensioni e AWD.

La futura super-auto manterrà il design del motore Murcielago, ma sarà dotata di un posteriore più ampio, come evidenziato dai parafanghi estendibili immortalati da alcune foto proibite. Nonostante le diverse generazioni di Lamborghini siano caratterizzate da un aumento del livello di potenza, per questo nuovo modello si è scelto di limitare il peso a favore di migliori performance. La vettura avrà quindi un telaio in alluminio leggero, come la Audi R8 , invece della struttura tubolare d’acciaio presente nella Murcielago.

Secondo Auto Motor und Sport, la base delle ruote sarà simile in lunghezza a quella della sua antenata, ma le sporgenze, davanti e dietro, risulteranno molto più corte. La sua struttura sarà, molto probabilmente, in prevalenza costruita in fibra di carbonio e altri composti leggeri.

Un poderoso motore V12 verrà ulteriormente incrementato da una tecnologia a iniezione diretta: in questo modo, gli ingegneri mirano a migliorare la performance senza incrementare la potenza, il che si tradurrà in una guida più agile e sicura.
In aggiunta ai 670 cavalli, un sistema di trasmissione a doppia frizione consentirà inoltre di trasferire potenza alle quattro ruote.

L’esistenza di questa macchina non è stata ancora resa nota, che alcune indiscrezioni la vorrebbero già in possesso di un nome, Jota e di una data di nascita, il 2012.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati